La prima area protetta nazionale d'Italia nacque nelle valli che ospitavano l'ultima popolazione di questo ungulato
La prima area protetta nazionale d'Italia nacque nelle valli che ospitavano l'ultima popolazione di questo ungulato - ę Giles Laurent
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione

╚ tempo di rendere lo stambecco cacciabile?

Lo stambecco Ŕ il simbolo del primo parco nazionale Italiano, nato, oltre un secolo fa, proprio per proteggere l'ultima popolazione superstite di questa specie la cui salvaguardia Ŕ indissolubilmente legata all'attivitÓ venatoria. Ora, proprio nella Regione che ospita il Parco Nazionale del Gran Paradiso, la politica discute sul rendere lo stambecco nuovamente cacciabile. Il consigliere regionale Christian Ganis, eletto nelle file della Lega, ha infatti presentato una mozione che chiede di riaprire la caccia alla specie anche al fine di limitarne l'espansione.

Nei fatti la mozione va a supporto di quanto contenuto nella bozza di Piano Faunistico Venatorio redatta dal Comitato regionale per la gestione venatoria. Nel documento si esprime parere favorevole a una possibile gestione venatoria dello stambecco nella Regione. I presupposti sono semplici. Questo ungulato, oggi ampiamente diffuso su tutto l'arco alpino, ha raggiunto densitÓ tali da non poter pi¨ essere una specie in pericolo. In Valle D'Aosta inoltre, la specie Ŕ in aumento.

Oggi lo stambecco, specie presente solo sulle Alpi, conta una popolazione di oltre 50mila esemplari sparsa lungo tutta la catena montuosa, con circa 15mila capi presenti nel nostro Paese. Attualmente Ŕ oggetto di prelievo venatorio in diversi paesi, come Austria e Svizzera, e la Provincia autonoma di Bolzano ha varato il Piano di gestione dello stambecco 2022-26 che ne consente il prelievo.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Conservazione

Conservazione della tortora, il ruolo chiave della caccia
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
Conservazione della tortora, il ruolo chiave della caccia

Un nuovo articolo scientifico pubblicato sul Journal of Nature Conservation evidenzia il ruolo dei cacciatori nella conservazione della tortora selvatica >>

Da Acma un'iniziativa per raccogliere i dati sulla pavoncella
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
Da Acma un'iniziativa per raccogliere i dati sulla pavoncella

Continua il lavoro ininterrotto di raccolta dati di Acma, la settoriale di Federcaccia dedicata ai migratori acquatici >>

Telemetria satellitare tordo bottaccio: risultati e dati incoraggianti
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
Telemetria satellitare tordo bottaccio: risultati e dati incoraggianti

Federcaccia ha commentato i dati raccolti grazie al progetto di telemetria satellitare condotto sulla migrazione del tordo bottaccio >>

Il preoccupante declino del capriolo
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
Il preoccupante declino del capriolo

I dati relativi al trend della popolazione valdostana di questo piccolo cervide sono preoccupanti, ma anche nel resto d'Italia la situazione non Ŕ rosea >>