Cacciare in Africa con doppiette d'altri tempi. L'hanno fatto Simon Barr e Marc Newton (a destra nella fotografia) utilizzando modelli realizzati tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento
Cacciare in Africa con doppiette d'altri tempi. L'hanno fatto Simon Barr e Marc Newton (a destra nella fotografia) utilizzando modelli realizzati tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento - © Tweed Media
Pubblicato il in Racconti
di

AFRICA - Un volo di tortore per Rigby, in Sudafrica

Simon Barr si unisce a Marc Newton nella missione di utilizzare solo fucili Rigby vintage a caccia di tortore e piccioni selvatici, in Sudafrica

Il Sudafrica è il sogno di ogni cacciatore: non solo offre alcune tra le occasioni di caccia più emozionanti del mondo ma, arrivando dall'Europa, non ha l'inconveniente del jetlag. Meno note sono le fantastiche opportunità per la caccia ai volatili, in particolare delle tortore dagli occhi rossi (Streptopelia semitorquata) e del piccione selvatico (Columba livia). Questi uccelli predano i raccolti e possono arrecare danni devastanti alla produzione di legumi e cereali. Mi sono recato in quelle terre a maggio con Marc Newton, amministratore delegato di John Rigby & Co., per contribuire a proteggere i raccolti di soia.

Le tortore dagli occhi rossi e il piccione selvatico sono originari del Sudafrica e volano tra città e paesi e le loro zone di alimentazione. Siamo riusciti a fare base a soli 45 minuti di auto dall'aeroporto di Pretoria, nella lussuosa Ingaadi Spa, che dispone di stanze singole con tutti i comfort che si possono desiderare. Il programma era di unirsi ad Andrew Tonkin, rivenditore autorizzato Rigby in Sud Africa, specializzato in fucili e carabine di fascia alta, che possiede una collezione notevole di armi storiche e antiche, tra cui alcune prodotte da Rigby. Anche Johan van Wyk, scrittore e appassionato di armi, si sarebbe unito alla squadra di tiratori per due uscite serali.

Le tortore dagli occhi rossi e il piccione selvatico sono originari del Sudafrica e volano tra i centri abitati e le loro zone di alimentazione
Le tortore dagli occhi rossi e il piccione selvatico sono originari del Sudafrica e volano tra i centri abitati e le loro zone di alimentazione - © Tweed Media

Johan ci ha illustrato il piano: «Inseguiamo colombe e piccioni appena fuori Pretoria Est, a circa 10 chilometri dalla città. Questi uccelli non sono migratori nel vero senso della parola, ma vivono in città e si spostano per nutrirsi. Questo ci dà la possibilità di seguirli mentre entrano ed escono dai loro territori di alimentazione; sarà al tempo stesso un'operazione di protezione delle colture e di approvvigionamento di selvaggina. Tutti gli uccelli uccisi saranno raccolti e la carne sarà distribuita tra il personale di Ingaadi Spa, nulla andrà sprecato».

Marc e Johan cacciano appena fuori Pretoria Est, a circa 10 chilometri dalla città. Tutti i capi prelevati vengono distribuiti tra il personale di Ingaadi Spa
Marc e Johan cacciano appena fuori Pretoria Est, a circa 10 chilometri dalla città. Tutti i capi prelevati vengono distribuiti tra il personale di Ingaadi Spa - © Tweed Media

Secondo Johan, è opportuno sparare a questi predatori di colture sulle linee di volo: «Non abbiamo bisogno di stampi, e per lo più sparerete agli uccelli mentre sopraggiungono. Se sono numerosi, continueranno ad arrivare finché non fa buio. Siamo proprio all'inizio della stagione, che va da maggio a settembre. Con l'inoltrarsi della stagione, le condizioni di caccia migliorano. C'è un limite di trenta capi per il piccione selvatico, ma non c'è limite per le colombe dagli occhi rossi».

Per difendere le colture del territorio, non c'è un limite di abbattimento per le colombe dagli occhi rossi, mentre per il piccione selvatico è previsto un carniere di trenta capi
Per difendere le colture del territorio, non c'è un limite di abbattimento per le colombe dagli occhi rossi, mentre per il piccione selvatico è previsto un carniere di trenta capi - © Tweed Media

Mentre guidavamo verso la zona di caccia, area che conteneva colture di soia, Johan ha aggiunto: «Quando vai a caccia di piccioni, devi scegliere il luogo in base alle colture. Devi anche considerare che agli uccelli piace volare nel vento, e anche questo contribuisce a definire dove posizionarsi». A giudicare dal numero di animali che si alzavano dal campo mentre ci avvicinavamo, sarebbe stata un'esperienza straordinaria.

Se utilizzate con i giusti accorgimenti, armi costruite 120 anni fa non deludono neppure se paragonate a quelle di costruzione moderna
Se utilizzate con i giusti accorgimenti, armi costruite 120 anni fa non deludono neppure se paragonate a quelle di costruzione moderna - © Tweed Media

Storia in azione

Andrew Tonkin, la cui collezione e conoscenza di armi storiche è impressionante, aveva portato armi anche per Marc. Non erano semplicemente vecchie armi: erano fucili prodotti da John Rigby & Co. Avevamo un Rising Bite, probabilmente realizzato subito dopo la registrazione del brevetto, quindi negli anni '80 dell'Ottocento. Poi una doppietta ad acciarini laterali con estrattore automatici degli anni '30 e una doppietta a cani esterni, con apertura a chiave superiore e acciarini a molla avanti, del 1877, che è arma molto rara. Un assortimento niente male, tutto in calibro 12. Andrew spara con armi vintage ogni settimana: «Dal momento che sono un collezionista, non credo giusto usare un moderno sovrapposto. Il mio gruppo di amici tiratori si chiama Practical eccentrics. È molto raro che spariamo con armi che abbiano meno di 100 anni».

Andrew Tonkin, distributore per Rigby in Sudafrica e collezionista di armi antiche, ha portato per i cacciatori un Rising Bite, un fucile ad acciarini laterali con estrattore automatici degli anni '30 e una doppietta a cani esterni, con apertura  a chiave superiore e acciarini a molla avanti, del 1877. In questa immagine, Marc Newton prende confidenza con l'arma
Andrew Tonkin, distributore per Rigby in Sudafrica e collezionista di armi antiche, ha portato per i cacciatori un Rising Bite, un fucile ad acciarini laterali con estrattore automatici degli anni '30 e una doppietta a cani esterni, con apertura a chiave superiore e acciarini a molla avanti, del 1877. In questa immagine, Marc Newton prende confidenza con l'arma - © Tweed Media

Probabilmente avremmo sparato un grosso volume di cartucce, ma Andrew sapeva che non era un problema: «Ci atteniamo alle dosi e alle pressioni per cui sono state costruite le armi, piuttosto che utilizzare dosi moderne. Usiamo l'equivalente di polvere infume di una dose di 3 grammi o un ottavo di oncia, che equivale a 550 bar di pressione. Se ti attieni a queste dosi, i tuoi vecchi fucili dureranno per sempre. I piccioni qui in Sud Africa sono più piccoli del colombaccio del Regno Unito, quindi utilizziamo 30 o 32 grammi di pallini numero 7, o anche 7,5. A volte spariamo anche a tortore dal petto rosso, che sono ancora più piccole, e per quelle usiamo 21 grammi di piombo del 9. Una dose davvero leggera sulla spalla che va bene anche per le nostre wag (mogli e fidanzate, ndr) per l'assenza di rinculo".

Attenendosi alle dosi per cui sono state costruite, anche le armi storiche non mancano di dare soddisfazione al cacciatore
Attenendosi alle dosi per cui sono state costruite, anche le armi storiche non mancano di dare soddisfazione al cacciatore - © Tweed Media

Un volo vintage

Usare un'arma storica è sempre un piacere. Abbiamo prelevato i nostri uccelli, scegliendo di sparare a quelli più impegnativi piuttosto che a volumi di bersagli facili. È piuttosto raro essere in grado di sparare 250 cartucce all'ora, in questi campi africani sei in grado di farlo.

È piuttosto raro essere in grado di sparare 250 cartucce all'ora... ma in questi campi africani può succedere
È piuttosto raro essere in grado di sparare 250 cartucce all'ora... ma in questi campi africani può succedere - © Tweed Media

Il giorno seguente, ci siamo goduti un braai (carne alla brace africana, ndr) prima dell'azione, abbiamo ammirato le armi portate da Andrew e parlato di armi vintage mentre pasteggiavamo. La conoscenza enciclopedica di Andrew della storia delle armi da fuoco è fantastica e il suo entusiasmo coinvolgente. Come ha spiegato, i fucili non sono cambiati molto dai tempi in cui sono state costruite le armi che stavamo usando: «Per quanto riguarda le armi, un fucile vintage è quello che si avvicina di più alla sua controparte moderna. Le carabine sono migliorate molto, le pistole sono migliorate molto, ma i fucili non proprio. Se riuscivi a sparare bene con un'arma nel 1900, la stessa arma ti servirà bene nel 2000. Lo stesso non si può dire per carabine, pistole o altre armi da fuoco».

Intorno al bbq si mangia e si parla di armi: la conoscenza di Andrew della storia delle armi da fuoco è enciclopedica e il suo entusiasmo coinvolgente
Intorno al bbq si mangia e si parla di armi: la conoscenza di Andrew della storia delle armi da fuoco è enciclopedica e il suo entusiasmo coinvolgente - © Tweed Media

La seconda giornata è trascorsa nella stessa frenesia della prima e ancora una volta siamo stati in grado di scegliere gli uccelli più impegnativi, con i fucili Rigby che si comportavano altrettanto bene dei fucili moderni usati da altri membri del gruppo. Marc è rimasto sorpreso: «È stato molto bello e interessante. Abbiamo sparato un alto volume di colpi e il fatto che armi costruite anche 120 anni fa continuano a fare il loro lavoro in modo impeccabile rende merito agli artigiani di quei tempi». È affascinante immaginare in quali contesti quelle vecchie armi siano state usate dai precedenti proprietari. Possiamo solo essere custodi di armi come queste e Andrew Tonkin è un rappresentante eccellente del passato, del presente e del futuro di Rigby.

È affascinante immaginare in quali contesti delle armi antiche siano state usate dai precedenti proprietari. Ruolo del collezionista è quello di esserne fedele custode
È affascinante immaginare in quali contesti delle armi antiche siano state usate dai precedenti proprietari. Ruolo del collezionista è quello di esserne fedele custode - © Tweed Media

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.