Le montagne del Tagikistan e i loro selvatici restano radicate nel carattere di chiunque vi si avventuri
Le montagne del Tagikistan e i loro selvatici restano radicate nel carattere di chiunque vi si avventuri - © Byron Pace / Tweed Media
Pubblicato il in Racconti
di Byron Pace

ASIA - Tagikistan, dove caccia il leopardo delle nevi

«Tagikistan, dov'è?». Questa è una delle prime domande che ti verranno poste quando dici agli amici che andrai in questa ex repubblica dell'Unione sovietica. Una cosa è certa, le montagne del Tagikistan rimarranno radicate nel carattere di chiunque vi si avventuri

Lo Stato limitrofo più conosciuto e dalla discutibile fama è l'Afghanistan, che occupa il confine meridionale. La Cina si trova a est e la Russia a nord, oltre il Kazakistan. Con una superficie grande circa la metà del Regno Unito, questo Paese poco conosciuto può sembrare un'insolita Mecca della caccia, ma già quando arrivi all'aeroporto internazionale di Dushanbe trovi chiari indizi; riconosci il color cachi, le mimetiche, le custodie per le armi e l'abbigliamento di importanti marchi dell'industria venatoria tra un mix internazionale di persone. I visitatori vengono accolti con entusiasmo all'arrivo. Oppure aspettano pazientemente, sfiniti ma soddisfatti; il loro viaggio è finito e probabilmente non saranno mai più gli stessi. Il volo di ritorno li aspetta. È un momento di riposo e riflessione, magari accompagnato da un meritato drink. Una cosa è certa, le montagne del Tagikistan rimarranno radicate nel carattere di chiunque vi si avventuri.

Il susseguirsi di perturbazioni ha portato i cacciatori a confrontarsi con pioggia battente, nevischio e vento
Il susseguirsi di perturbazioni ha portato i cacciatori a confrontarsi con pioggia battente, nevischio e vento - © Byron Pace / Tweed Media

L'idea che "la caccia è conservazione" è pacifica tra la comunità internazionale di cacciatori, spesso però non si pensa a cosa significhi realmente. La caccia può essere conservazione, ma non lo è di per sé. Tuttavia, l'emergere del turismo venatorio in Tagikistan ha segnato l'inizio di una delle più grandi storie di successo della conservazione moderna al mondo.

Una moderna storia di sofferenza

Quando l'Unione sovietica si è ritirata dall'Afghanistan attraverso il Tagikistan alla fine degli anni '80, dopo aver firmato l'accordo di pace, ha lasciato una scia di munizioni sparse per il territorio. Come gli armamenti dell'esercito russo, che giacevano abbandonati, così anche la fauna selvatica della regione fu ridotta in cenere. All'inizio degli anni '90, in Tagikistan è seguito un periodo di guerra civile, che ha aggravato gli effetti della povertà della regione. Allo stesso tempo, la popolazione locale ha approfittato dell'accesso facile ad armi e munizioni e la selvaggina di montagna, storicamente abbondante, è diventata a portata di mano. Per la gente del posto, era una fonte di cibo disponibile dietro casa. Parla con le persone che hanno vissuto quel periodo e ti diranno che il tema della sopravvivenza era una questione all'ordine del giorno.

Nel 2021, il governo del Tagikistan ha tagliato Internet, lungo l'intera regione di confine, non volendo consentire all'Isis un facile accesso ai canali di comunicazione
Nel 2021, il governo del Tagikistan ha tagliato Internet, lungo l'intera regione di confine, non volendo consentire all'Isis un facile accesso ai canali di comunicazione - © Byron Pace / Tweed Media

La pressione sulla selvaggina di montagna ne ha portato rapidamente a un calo della popolazione, con alcune specie che a malapena sono sopravvissute. Un ulteriore fattore di stress per le popolazioni di predatori, in particolare il leopardo delle nevi, che in quel periodo erano regolarmente cacciati per la loro pelliccia da gruppi di afgani che attraversavano il confine.

Isolati dal mondo

Il fiume Panj traccia il confine tra il Tagikistan e l'Afghanistan nel Pamir occidentale. Un vorticoso, turbolento e potente flusso turchese lattiginoso segna questo confine, visibile dalle strade strette e precarie tracciate nelle montagne. Nel 2021, il governo del Tagikistan ha tagliato Internet nell'intera regione di confine non volendo consentire all'Isis un facile accesso ai canali di comunicazione. Così oggi questa regione è in gran parte una zona morta, senza segnale cellulare e valli così impervie che spesso è impossibile ottenere la copertura satellitare. Ma è anche una delle zone migliori per la caccia in Tagikistan, grazie allo sforzo concertato e continuo di un approccio ora orientato alla conservazione. Sfruttando il vantaggio economico dei dollari della caccia internazionale, le comunità locali hanno lavorato per recuperare le specie di selvaggina. Il territorio, la fauna selvatica e l'attenzione per la conservazione lo rendono anche il luogo perfetto per testare l'attrezzatura da caccia, mettendola alla prova nel tipo di ambiente che può spezzarti le ossa e l'anima. Questo non è un posto per i deboli di cuore. Suderai, soffrirai e probabilmente penserai di mollare prima di arrivare alla fine del viaggio.

Le comunità locali hanno lavorato duramente per recuperare le specie di selvaggina nella regione
Le comunità locali hanno lavorato duramente per recuperare le specie di selvaggina nella regione - © Byron Pace / Tweed Media

Quattro temerari a caccia

Nella prima parte del 2022, un gruppo di cacciatori statunitensi ha intrapreso questa avventura, atterrando a Dushanbe prima di iniziare un viaggio di cinque ore fino alla regione di confine con l'Afghanistan e nel cuore di un'area protetta di 35.000 ettari. La leggenda della caccia Craig Boddington si era unita a David Draper, caporedattore di Peterson's Hunting, Ryan Trenka di Leica e Neil Davies di Hornady. Avrebbero messo alla prova la nuova linea d'abbigliamento da montagna Forloh insieme ai recenti binocoli Leica Geovid Pro 32 e alle munizioni senza piombo CX di Hornady. Quello che tutti loro non avevano previsto era quanto il viaggio avrebbe messo alla prova anche loro stessi. Per i successivi sei giorni, si sarebbero avventurati alla ricerca di stambecchi asiatici; ogni cacciatore sperava di trovare un maschio di età adeguata e di prelevare uno degli ultimi quattro animali in quota per la stagione.

Craig Boddington, David Draper, Ryan Trenka e Neil Davies sono i protagonisti di questa avventura di caccia
Craig Boddington, David Draper, Ryan Trenka e Neil Davies sono i protagonisti di questa avventura di caccia - © Byron Pace / Tweed Media

Il primo giorno è passato tranquillo, in un alloggio semplice ma funzionale lontano da tutto oltre un piccolo gruppo di case; elettricità e acqua calda erano ottenuti da pannelli solari e la maggior parte del cibo che abbiamo consumato quella settimana proveniva dall'ambiente circostante. Avevamo trascorso un paio d'ore a sparare per rassicurarci che le carabine non si fossero danneggiate nel viaggio. È stata anche l'ultima opportunità per Ryan di aiutare la squadra a mettere a punto le proprie soluzioni balistiche. Utilizzando i Geovid Pro 32 in combinazione con i cannocchiali Leica Amplus 6, ogni cacciatore avrebbe avuto una semplice soluzione "misura e compensa" durante la caccia.

Gli abbattimenti sono andati tutti a buon fine impiegando munizioni senza piombo con la nuova palla CX di Hornady
Gli abbattimenti sono andati tutti a buon fine impiegando munizioni senza piombo con la nuova palla CX di Hornady - © Byron Pace / Tweed Media

Con i dati del coefficiente balistico delle nuove, più efficienti e accurate munizioni Hornady CX inseriti correttamente, insieme alle singole velocità alla volata, il software interno Applied Ballistics del binocolo Leica restituisce direttamente la regolazione per il cannocchiale. Tenendo conto anche di variabili ambientali come l'altitudine. Una volta effettuata la regolazione sul cannocchiale, spetta alle abilità del cacciatore effettuare un buon tiro. Dopo due ore, con colpi andati a buon fine oltre i 400 metri, tutti hanno fatto sonni tranquilli, sapendo che la loro attrezzatura avrebbe fatto la sua parte.

Il software interno Applied Ballistics del binocolo Leica restituisce direttamente la regolazione per il cannocchiale da puntamento
Il software interno Applied Ballistics del binocolo Leica restituisce direttamente la regolazione per il cannocchiale da puntamento - © Byron Pace / Tweed Media

Il giorno successivo iniziò presto, molto prima che il sole gettasse i suoi primi raggi sulla terra. Ogni cacciatore, assistito dalla propria squadra di guide, è partito a orari sfalsati a seconda di quanto lontana fosse la destinazione. La giornata sarebbe iniziata sotto il fascio di luce stretto delle torce frontali; la destinazione era da qualche parte nell'oscurità. Marciando lungo il fondovalle, la prima tappa sarebbe stata un luogo individuato il giorno prima dagli esploratori. Poteva essere un'ora di camminata ininterrotta oppure una sfacchinata di tre ore, dopo aver attraversato banchi di neve ghiacciati. L'assenza di chiarezza visiva della notte offriva poco controllo sul territorio, spesso attraversato da ghiaioni che chiedevano a mani e piedi di evitare di inciampare e cadere. Qualsiasi anima sfortunata che fosse caduta sarebbe rotolata impotente tra i massi sottostanti. Una volta raggiunta la posizione definita, era una questione di attesa, per permettere alla luce di alzarsi a sufficienza e così iniziare un'attenta perlustrazione delle frastagliate cime di colore grigio-elefante.

Caccia & conservazione

A seguito dell'istituzione della M-Sayod Markhor Conservancy da parte di Devlatkhan Mulloyorov nel 2005, queste valli ospitano ora popolazioni in crescita di stambecchi e markhor di Bukharan. È stato creato un sistema che rende di maggior valore per le comunità locali proteggere la fauna selvatica rispetto a usarla come fonte di cibo. Con un sistema di compensazione e offrendo lavori come guide, facchini, cuochi e autisti, questa politica ha iniziato presto a dare risultati. C'erano appena 40 markhor (Capra falconeri) nell'area quando è stata creata la riserva. La popolazione di stambecco (Capra sibirica) ne contava pochi di più. Oggi questa zona non solo vanta più di 800 markhor, ma ha anche alcuni dei trofei più grandi del mondo. Mentre la maggior parte delle riserve di caccia gestite dalla comunità in Tagikistan ricevono al massimo 2-4 permessi governativi, qui ne vengono concessi ben 12 grazie all'invidiabile successo nella conservazione. Anche lo stambecco ha prosperato, occupando un territorio leggermente diverso e spesso più basso rispetto al markhor, con una popolazione stabile di oltre 400 capi. A livello nazionale, l'Unione internazionale per la conservazione della natura (Iucn) stima che oltre 20.000 membri della comunità siano supportati da iniziative di caccia simili, contribuendo al costante aumento delle popolazioni di fauna selvatica.

Elettricità e acqua calda sono ottenuti da pannelli solari e la maggior parte del cibo consumato proviene dall'ambiente circostante
Elettricità e acqua calda sono ottenuti da pannelli solari e la maggior parte del cibo consumato proviene dall'ambiente circostante - © Byron Pace / Tweed Media

Non sono solo le specie di selvaggina a beneficiarne. Poiché l'ecosistema si è ripreso grazie alla protezione offerta dai dollari della caccia, sono tornati anche i superpredatori, con tracce ed escrementi di orsi e lupi che si incontrano frequentemente attraversano le montagne. Anche il leopardo delle nevi (Panthera uncia), elusivo e in via di estinzione a livello globale, si è ripreso, di pari passo con l'aumento del numero di prede le cui popolazioni rimangono protette. Bisogna essere baciati dalla fortuna per vederne uno, ma la loro presenza è tradita dal maggiore numero di markhor uccisi trovati in montagna.

Marciando lungo il fondovalle, la prima tappa è un luogo individuato il giorno prima dagli esploratori, dove inizia l'attesa per effettuare un'attenta perlustrazione delle frastagliate cime di colore grigio-elefante
Marciando lungo il fondovalle, la prima tappa è un luogo individuato il giorno prima dagli esploratori, dove inizia l'attesa per effettuare un'attenta perlustrazione delle frastagliate cime di colore grigio-elefante - © Byron Pace / Tweed Media

Devlatkhan era immensamente orgoglioso del recupero del leopardo delle nevi nella sua zona, vantandosi che il numero ha continuato ad aumentare, passando dai sei animali conosciuti nel 2013 agli almeno 10 di oggi. Secondo Khalil Karimov, un biologo dell'Associazione delle organizzazioni per la conservazione della natura, ci sono meno di 7.000 leopardi delle nevi in tutta l'Asia, ma il Tagikistan ha l'unica popolazione che è in costante aumento: questo fenomeno è in gran parte attribuito alle aree di conservazione della caccia basate sul coinvolgimento delle comunità locali. Per il gruppo di cacciatori americani, queste storie di successo sono state un costante spunto di discussione. Alla fine sarebbero partiti sapendo che, se pur con il proprio piccolo contributo, avevano aiutato a mantenere i leopardi delle nevi sulle montagne.

Immersione totale

L'unico modo per prepararsi a questo tipo di territorio è starci dentro. Dopo il primo giorno, ogni cacciatore ne capiva il senso. Dopo aver affrontato un susseguirsi di cambi di fronti meteorologici, pioggia battente, nevischio e vento, tutti hanno raccontato di aver avvistato stambecchi, alcuni hanno tentato di seguirli, ma nessuno è riuscito a ridurre la distanza dall'animale, oppure i capi avvistati erano troppo giovani. Alle quattro del mattino del giorno successivo, ci avrebbero riprovato.

Le montagne del Tagikistan sono ripide abbastanza per poterle attraversare senza bisogno di corde ma sono decisamente faticose
Le montagne del Tagikistan sono ripide abbastanza per poterle attraversare senza bisogno di corde ma sono decisamente faticose - © Byron Pace / Tweed Media

Le montagne del Tagikistan sono ripide abbastanza per poterle attraversare senza bisogno di corde, anche se alcuni potrebbero obiettare che in numerose occasioni ce ne sarebbe stato bisogno. Le guide sembravano a loro agio sulle cime frastagliate come gli stessi stambecchi, bilanciandosi con disinvoltura lungo precari e angusti sentieri e dislivelli. Per generazioni hanno chiamato "casa" queste valli e queste distese insidiose, creando intricate deviazioni dei corsi d'acqua d'alta quota per irrigare i raccolti e fornire acqua potabile durante tutto l'anno. Il paesaggio aspro e spietato delle distese rocciose forniva il materiale da costruzione per ripararsi e la semplicità dello stile di vita permetteva loro di coltivare e allevare la maggior parte del cibo di cui avevano bisogno.
Per gli estranei – non abitanti delle montagne – era un ambiente ostile, ma ogni giorno si costruiva sulla fiducia acquisita da quello precedente. Alcuni membri della squadra di caccia sarebbero andati oltre ciò di cui pensavano di essere fisicamente capaci. Questo è stato un banco di prova per attrezzatura e fisico allo stesso tempo.

Tre su quattro

Craig è stato il primo a tornare trionfante, reclamando con successo il primo ibex del gruppo. Con un colpo piazzato esattamente dietro la spalla a circa 200 metri, il 6,5 Prc caricato con munizioni Hornady Outfitter CX ha spento l'ultimo respiro all'ariete. Dopo aver mosso pochi passi da dove si trovava, lo stambecco è rotolato all'indietro lungo il versante della valle con velocità crescente.

Craig è stato il primo a tornare trionfante, reclamando con successo il primo ibex del gruppo. Con un colpo piazzato esattamente dietro la spalla a circa 200 metri, il 6,5 Prc caricato con munizioni Hornady Outfitter CX ha spento l'ultimo respiro all'ariete
Craig è stato il primo a tornare trionfante, reclamando con successo il primo ibex del gruppo. Con un colpo piazzato esattamente dietro la spalla a circa 200 metri, il 6,5 Prc caricato con munizioni Hornady Outfitter CX ha spento l'ultimo respiro all'ariete - © Byron Pace / Tweed Media

Fortunatamente, è stato fermato dalle rocce 60 metri più sotto. Recuperando il proiettile, in un secondo tempo Craig ha potuto verificare la performance della nuova munizione: un fungo da manuale, a quattro petali, che in seguito si è scoperto avere una ritenzione di peso di oltre il 99% mancando solo il polimero del tip Heat shield.

Con il passare dei giorni, sono arrivati altri successi. Dopo aver sopportato due giorni di arrampicata quasi continua, un ariete di 13 anni e 117 cm si è presentato a Neil
Con il passare dei giorni, sono arrivati altri successi. Dopo aver sopportato due giorni di arrampicata quasi continua, un ariete di 13 anni e 117 cm si è presentato a Neil - © Byron Pace / Tweed Media

Con il passare dei giorni, sono arrivati altri successi. Dopo aver sopportato due giorni di arrampicata quasi continua, Neil ha individuato un ariete di 13 anni e 117 cm. Procedendo a quattro zampe attraverso la neve alta fino al petto, ha accorciato la distanza; un colpo a circa 350 metri avrebbe posto fine alla sua ricerca. La compensazione necessaria è comparsa nell'oculare con una semplice pressione del pulsante sul suo Leica 8x32 Geovid Pro. Dopo aver regolato rapidamente il reticolo, rimaneva solo da premere il grilletto. Nell'oscurità inoltrata, il gruppo di Neil tornò all'accampamento: un magnifico ariete ha segnato l'apice del suo viaggio. Nell'ultima ora dell'ultimo giorno, dopo uno sforzo memorabile da parte di Ryan, ottenendo il più alto apprezzamento da parte di tutti, ha rivendicato lo stambecco più grande del viaggio: un magnifico ariete con un trofeo di 122 cm. Nonostante abbia tracciato diversi arieti, per David il Tagikistan resta una destinazione dove tornare per il suo.

Estratta dal selvatico, la palla CX presenta un fungo da manuale, a quattro petali, con una ritenzione della massa di oltre il 99%
Estratta dal selvatico, la palla CX presenta un fungo da manuale, a quattro petali, con una ritenzione della massa di oltre il 99% - © Byron Pace / Tweed Media

Il Tagikistan ha lasciato un'impressione indelebile, un desiderio di avventura sempre più profondo nelle menti di tutti noi. La gentilezza e l'ospitalità delle persone e la loro dedizione alla fauna selvatica plasmeranno per sempre l'esperienza dei visitatori. Appena pochi chilometri lungo la strada, sulla sponda opposta del fiume, sventolava la bandiera scura e minacciosa di un villaggio rivendicato dall'Isis; ma non definisce le persone di qui. Sono persone di montagna e tutti coloro che fanno il loro pellegrinaggio in questo territorio sono accolti come fratelli.

La gentilezza e l'ospitalità delle persone, e la loro dedizione alla fauna selvatica, plasmeranno per sempre l'esperienza dei visitatori. Sono persone di montagna e tutti coloro che fanno il loro pellegrinaggio in questo territorio sono accolti come fratelli
La gentilezza e l'ospitalità delle persone, e la loro dedizione alla fauna selvatica, plasmeranno per sempre l'esperienza dei visitatori. Sono persone di montagna e tutti coloro che fanno il loro pellegrinaggio in questo territorio sono accolti come fratelli - © Byron Pace / Tweed Media

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.