Pubblicato il in Armi e accessori
di Matteo Brogi

Benelli Lupo Be.S.T. Elevated II: il predatore si fa camo - IL TEST

Non una semplice variazione sul tema: la carabina Lupo Best Grey Elevated II aggiunge alle caratteristiche riconosciute alla bolt action di Benelli una serie di dettagli che ne esaltano un impiego specialistico che non teme condizioni spartane e meteo avverso

Prima il polimero. Poi il legno. Ora di nuovo il polimero ma - stavolta - in una innovativa livrea camo. La carabina Lupo di Benelli è sempre la stessa sotto l'aspetto tecnologico ma dimostra di aver raggiunto in pochissimi anni una maturità che permette il lancio di varianti che vanno a solleticare la fantasia di chi ancora non si sia lasciato affascinare dalle due prime versioni, contraddistinte da un elevato rigore formale (Lupo Best Black del 2021 e Lupo Best Wood del 2022). Per farla breve, il 2023 è l'anno della Lupo HPR Best (per il tiro a lunga distanza, sportivo e venatorio) e delle Lupo Best Grey Elevated II, cui è dedicato questo test, e Lupo Best Open Country.

Due varianti per impieghi specialistici

Identiche per modalità di funzionamento, disponibilità di calibri e tutto quanto definisce il progetto Lupo, la Best Grey Elevated II e la Best Open Country differiscono tra loro per quegli stessi elementi che le distinguono dalla produzione già a catalogo. Anzitutto il pattern camouflage della calciatura: la prima adotta l'Optifade Elevated II, espressamente pensato per confondere la vista dei cervidi in contesti vegetati ad alto contrasto di luce; la seconda, dedicata agli ungulati in genere, utilizza il pattern Open Country a basso contrasto e si candida all'impiego nei contesti più vari.

Benelli Lupo Best Elevated II, vista destra. Il pattern camo Elevated II ottimizza l'impiego dell'arma nella caccia ai cervidi, specie in condizioni di forte contrasto
Benelli Lupo Best Elevated II, vista destra. Il pattern camo Elevated II ottimizza l'impiego dell'arma nella caccia ai cervidi, specie in condizioni di forte contrasto - © Benelli Armi

In entrambi i casi risulta molto riuscito l'accoppiamento con il trattamento proprietario Be.S.T. (Benelli surface treatment) in una piacevolissima variante opaca che non toglie nulla alla protezione delle parti metalliche e aggiunge un tocco di raffinatezza contemporanea all'arma. Tra l'altro, al nero dell'allestimento Open Country si affianca un inedito grigio (Metal grey) dell'Elevated II. Molto accattivante. Resta lucido - in entrambi i casi - solo l'otturatore così da evitare ogni possibile attrito con l'azione e favorire la velocità di riarmo. Un dettaglio che caratterizza in maniera encomiabile la funzionalità delle ultime varianti da caccia della bolt action di casa Benelli.

Anche l'otturatore è finito mediante il trattamento superficiale super resistente Best (Benelli surface treatment). La parte centrale di ridotte dimensioni contribuisce al miglior ciclo di alimentazione
Anche l'otturatore è finito mediante il trattamento superficiale super resistente Best (Benelli surface treatment). La parte centrale di ridotte dimensioni contribuisce al miglior ciclo di alimentazione - © Matteo Brogi

Entrambe le armi sono disponibili al momento in quattro calibri: .308 Winchester e .30-06 Springfield con canna da 560 mm, 6,5 Creedmoor e .300 Winchester Magnum con tubo da 610 mm; per i calibri .30 è stato scelto un passo di rigatura standard 1:11" mentre per il più moderno 6,5 mm si è optato per un passo di 1:8". L'offerta di calibri è più contenuta rispetto agli allestimenti già conosciuti ma tutto lascia immaginare che possa essere integrata nel futuro prossimo.

Benelli Lupo: ergonomia, modularità, affidabilità e precisione

Le nuove Lupo ereditano quel concetto di ergonomia e modularità che fonda il progetto della carabina Benelli. In particolare per quanto riguarda il calcio, figlio di uno studio ergonomico finalizzato a soddisfare le esigenze di un ampio numero di potenziali utilizzatori. La sua configurazione in due pezzi permette la variazione di piega (4 piastrine) e vantaggio (3 piastrine), caratteristica inusuale su una bolt action, dell'altezza del nasello (3 quelli disponibili) oltre che della Lop mediante due differenti calcioli e appositi distanziali da 12,5 mm. In totale, si parla di 252 combinazioni. Calcioli e naselli intercambiabili (tecnologia Combtech) sono realizzati in poliuretano con struttura a micro-bolle d'aria che ne permette la compressione mantenendo la forma; la pala del calcio integra il sistema Progressive Comfort che riduce rinculo, rilevamento e vibrazioni. Le due tecnologie - sviluppate a partire da quelle ormai da anni incorporate nelle armi a canna liscia di produzione Benelli - smorzano il rinculo e le vibrazioni trasmesse al volto del tiratore, una delle principali cause in grado di indurre danni al sistema uditivo. Per finire la disamina del calcio, segnalo la presenza dello zigrino AirTouch, che favorisce la naturale circolazione dell'aria nelle aree di contatto tra il palmo della mano e la calciatura, e della predisposizione per il montaggio delle cinghie e di un eventuale bipiede.

Il calcio Progressive Comfort riduce in maniera drastica il rinculo dell'arma ed esalta il concetto di modularità tipico di fucili e carabine Benelli. L'impiego di differenti piastrine per variare piega e vantaggio, naselli, calcioli e distanziali fornisce 252 configurazioni differenti oltre a
Il calcio Progressive Comfort riduce in maniera drastica il rinculo dell'arma ed esalta il concetto di modularità tipico di fucili e carabine Benelli. L'impiego di differenti piastrine per variare piega e vantaggio, naselli, calcioli e distanziali fornisce 252 configurazioni differenti oltre a - © Matteo Brogi

Quando è stata pensata la Lupo, i tecnici si sono riproposti di mirare alla massima precisione del sistema; questo lo conferma il lancio della versione HPR (High precision rifle), naturale evoluzione dell'arma. Per ottenere questo obiettivo si è cercato di dare massima rigidità all'insieme e alle sue componenti con una configurazione a chassis, quindi con azione articolata in scatola di scatto (lower receiver, in lega leggera) e scatola di otturazione (upper receiver, in acciaio) che, peraltro, esalta quel principio di modularità ed ergonomia di cui ho scritto. La scatola di otturazione porta, nella sua parte inferiore, una fresatura trasversale in grado di accoppiarsi con un traversino, ricavato nella scatola di scatto, che funge da recoil lug. Le superfici di contatto sono realizzate con tolleranze ridottissime e successivamente rettificate.

La Lupo prevede una configurazione a chassis, con lower receiver (scatola di scatto) e upper receiver (scatola di otturazione)
La Lupo prevede una configurazione a chassis, con lower receiver (scatola di scatto) e upper receiver (scatola di otturazione) - © Matteo Brogi

Soluzioni innovative

La parte superiore dell'azione porta tre serie di fori filettati per il montaggio di differenti basi; operazione indispensabile in quanto l'arma è sprovvista di mire metalliche. La Lupo viene venduta con due spezzoni avvitati a cavallo della finestra d'espulsione ma possono essere applicati sistemi differenti quali, per esempio, le basi tipo Remington 700.

Numerose le opportunità di montaggio delle basi per l'ottica. Di serie, la Lupo viene proposta con due spezzoni di slitta Picatinny
Numerose le opportunità di montaggio delle basi per l'ottica. Di serie, la Lupo viene proposta con due spezzoni di slitta Picatinny - © Matteo Brogi

L'otturatore pushfeed è un pezzo di ottima fattura, di ampio diametro e realizzato dal pieno. Porta tre alette - che garantiscono la sua apertura con un movimento di circa 60° - una delle quali incorpora l'unghia estrattrice. L'espulsore è a pistone e agisce sotto spinta di una molla. Nella parte centrale è presente un restringimento che favorisce un posizionamento alto del caricatore, quindi della cartuccia da camerare.

L'autonomia è di 5 colpi nei calibri standard, 4 nell'unico magnum al momento previsto
L'autonomia è di 5 colpi nei calibri standard, 4 nell'unico magnum al momento previsto - © Matteo Brogi

Questa scelta fa sì che il caricatore abbia un'autonomia elevata (5 colpi, 4 nel calibro magnum) e sia perfettamente integrato nel profilo dell'astina contribuendo alla linea snella che contraddistingue tutta l'arma. L'otturatore, bifilare, è tenuto in posizione da un semplice pulsante ricavato sul suo stesso corpo e ha un setto mediano che ottimizza il ciclo di presentazione della cartuccia e contribuisce, con altri accorgimenti, alla preservazione dell'ogiva da urti e contatti che ne potrebbero modificare la forma.

La particolare conformazione dell'otturatore favorisce la presenza di un caricatore perfettamente a filo con la parte inferiore dell'astina
La particolare conformazione dell'otturatore favorisce la presenza di un caricatore perfettamente a filo con la parte inferiore dell'astina - © Matteo Brogi

La sicurezza prima di tutto

Ottimo lo scatto, diretto, registrabile tra 10 e 20 Newton (1.020-2.040 grammi), valori adeguati all'impiego venatorio. La sicurezza è affidata a una sicura traslante a due posizioni che blocca catena di scatto e otturatore; una levetta permette lo svincolo del componente in condizione di sicura inserita. Posta sul codolo posteriore della scatola di scatto, è virtualmente ambidestra. Non manca l'indicatore di percussore armato. In alternativa, secondo il press kit fornito dal produttore, si può richiedere una sicura a due posizioni che non blocca l'otturatore.

Una sicura traslante a due posizioni blocca catena di scatto e otturatore. L'indicazione del percussore armato è ben visibile sotto l'otturatore
Una sicura traslante a due posizioni blocca catena di scatto e otturatore. L'indicazione del percussore armato è ben visibile sotto l'otturatore - © Matteo Brogi

La canna è flottante, trattata criogenicamente per ottimizzare il regime vibratorio allo sparo. È garantita per una precisione sub-Moa con ogni tipo di caricamento commerciale premium grazie a camera di cartuccia e volata Match; la volata ha un diametro di 17 mm e porta una filettatura per l'eventuale applicazione dei consueti accessori. Tutto il sistema è stato testato a 6.500 bar, una pressione superiore del 20% rispetto ai valori imposti per la prova forzata del calibro più potente in linea (che già eccedono le normali pressioni di esercizio) a garanzia di sicurezza e affidabilità.

La canna criogenica di produzione Benelli contribuisce alla precisione del sistema
La canna criogenica di produzione Benelli contribuisce alla precisione del sistema - © Matteo Brogi

Benelli Lupo Best Grey Elevated II: il test

Ho provveduto a tarare l'ottica e all'azzeramento alla consueta distanza di 100 metri in previsione di un'uscita di selezione sul cinghiale. Di cinghiali, purtroppo, non ho visto setola ma prima da altana, poi alla cerca, ho contattato cinque caprioli e un bel maschio di cervo ancora in velluto.

La prova di precisione in poligono ha restituito rosate contenute nel Moa con tutte le tre munizioni impiegate allo scopo: dalla Sako Super HammerHead con palla soft point da 150 grani (16 mm) alle Remington CoreLokt con palla softpoint da 180 grani (23 mm) e Barnes con proiettile atossico TTSX da 168 grani (28 mm). Le promesse sono state confermate all'interno di un range molto diversificato di masse e architettura costruttiva delle ogive. Moderato il rinculo: il .308 Winchester non è particolarmente ruvido ma il Progressive Comfort è determinante sotto questo aspetto.

Tutte le rosate prodotte con munizionamento commerciale hanno prodotto - nel corso del test - quei raggruppamenti contenuti nel Moa garantiti dal produttore
Tutte le rosate prodotte con munizionamento commerciale hanno prodotto - nel corso del test - quei raggruppamenti contenuti nel Moa garantiti dal produttore - © Matteo Brogi

La versione Best Grey Advanced II della nuova Lupo ha mantenuto tutte le aspettative e qualcosa in più. Pur non essendo un appassionato del mondo camo, ho trovato vincente l'accostamento del pattern prescelto con la finitura Grey del trattamento Best. Questa Lupo ha tutti i requisiti per conquistare i cacciatori italiani anche sotto l'aspetto estetico.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Armi e accessori

Forward F455S: la nuova generazione di clip-on digitale di Pulsar
Pubblicato il in Armi e accessori
di Matteo Brogi
Forward F455S: la nuova generazione di clip-on digitale di Pulsar

Il Pulsar Forward F455S è un clip-on digitale che fornisce alte prestazioni sia con l'illuminatore IR sia in modalità di rilevazione della radiazione passiva >>

Raffaello Be Diamond AI BEST, la summa della tecnologia Benelli
Pubblicato il in Armi e accessori
di Matteo Brogi
Raffaello Be Diamond AI BEST, la summa della tecnologia Benelli

La prova al poligono e a caccia del fucile semiautomatico Raffaello Be Diamond AI BEST conferma le qualità delle canne Advanced Impact brevettate da Benelli >>

Pedersoli Kodiak Express MK VI, un express per cinghiali (ma non solo)
Pubblicato il in Armi e accessori
di Matteo Brogi
Pedersoli Kodiak Express MK VI, un express per cinghiali (ma non solo)

La carabina express Pedersoli Kodiak Express MK VI ad avancarica unisce il sapore della tradizione alla sicurezza dalla tecnologia contemporanea >>

Munizioni: atossiche ma non solo. Le novità di IWA 2024
Pubblicato il in Armi e accessori
di Matteo Brogi
Munizioni: atossiche ma non solo. Le novità di IWA 2024

A IWA 2024 sono state presentate alcune novità anche nel settore del munizionamento da caccia. Sia atossico che convenzionale >>