A caccia con l'avancarica. L'abbinamento tra arma, ottica e palla di concezione moderna garantisce ottimi risultati in un contesto di sostenibilità e responsabilità
A caccia con l'avancarica. L'abbinamento tra arma, ottica e palla di concezione moderna garantisce ottimi risultati in un contesto di sostenibilità e responsabilità - © Matteo Brogi
Pubblicato il in Tecnica
di Matteo Brogi

Caccia ad avancarica: la balistica

La caccia con armi ad avancarica può fornire grandissime soddisfazioni. Di sicuro, rappresenta un esercizio molto responsabile dell'esercizio venatorio. È però fondamentale, ancor più che nel tiro con armi a retrocarica, conoscere le prestazioni balistiche dello strumento che abbiamo a disposizione

Un cacciatore che si aggiri per campi e boschi con un'arma ad avancarica potrà anche apparire anacronistico ma è testimone di una scelta che esalta la sostenibilità del prelievo e accoglie una sfida, quella di conoscere le abitudini del selvatico al fine di avvicinarsi a sufficienza per un tiro efficace. Questo ho scritto nel mio precedente articolo Caccia ad avancarica: una scelta sostenibile e responsabile?, evidenziando come quella svolta con gli strumenti a polvere nera rappresenti un livello di caccia "evoluto" e "immersivo", dove non è bravo chi spara più lontano ma chi sa integrarsi nell'ambiente che lo circonda.

Sono un cacciatore moderno ma ciò non toglie che sia profondamente affascinato dalle manifestazioni venatorie più tradizionali, tra cui proprio la caccia ad avancarica che ho praticato in alcune occasioni. Confrontandomi con una realtà molto stimolante.

Armi ad avancarica di concezione contemporanea forniscono la massima sicurezza operativa e possibilità, quale il montaggio di una slitta, che ne consentono l'impiego utilizzando moderni strumenti da puntamento
Armi ad avancarica di concezione contemporanea forniscono la massima sicurezza operativa e possibilità, quale il montaggio di una slitta, che ne consentono l'impiego utilizzando moderni strumenti da puntamento - © Matteo Brogi

Nell'impiego venatorio, un'arma ad avancarica di produzione moderna non presenta limitazioni tecnologiche. Richiede però di fare i conti con un aspetto che la differenzia dal mondo delle armi contemporanee: la balistica. L'energia cinetica del proiettile e la sua caduta, inevitabilmente più accentuata, sono due parametri che ne influenzano l'efficacia.

La balistica della polvere nera: l'energia cinetica

Nel corso delle mie esperienze di caccia e dei preventivi test in poligono ho utilizzato una carabina Rolling block di produzione contemporanea in calibro .50 prodotta da Pedersoli e una palla di concezione moderna, la SST ML da 250 grani di Hornady (per inciso, ne esiste una versione atossica denominata Monoflex). A questo binomio ho associato una dose di 105 grani di polvere Svizzera numero 2.

Il caricamento così congegnato ha prodotto una velocità media alla volata di 560 m/s cui corrisponde un'energia cinetica di poco superiore ai 2.500 Joule. Siamo sui livelli di un .243 Winchester con palla GMX da 80 grani o di un .270 Winchester con palla SST da 120 grani. A 100 metri, interpolando i dati che ci restituisce un calcolatore balistico, scendiamo al limite inferiore del solito .243 Winchester (stavolta con palla SST da 87 grani), mentre le prestazioni del .270 sono già irraggiungibili.

Hornady fornisce una tabella balistica molto differente perché viziata dalla disponibilità - negli Stati uniti - di sostituti sintetici della polvere nera quali le formulazioni Pirodex e TripleSeven di Hodgdon, più performanti e sfortunatamente non distribuiti in Italia. Con questi preparati, forniti in cilindretti da 50 grani ciascuno, è possibile utilizzare una dose da 150 grani che restituisce prestazioni molto superiori.

Note

1
Le prestazioni ottenute con 105 grani di polvere Svizzera #2 sono messe a confronto con quelle dichiarate da Hornady impiegando moderni sostituti della polvere nera. 

2
La caduta della palla in riferimento alla dose utilizzata per il test. I dati sono stati calcolati con il software balistico Swarovski (disponibile online)
Note 1 Le prestazioni ottenute con 105 grani di polvere Svizzera #2 sono messe a confronto con quelle dichiarate da Hornady impiegando moderni sostituti della polvere nera. 2 La caduta della palla in riferimento alla dose utilizzata per il test. I dati sono stati calcolati con il software balistico Swarovski (disponibile online) - © Matteo Brogi

La balistica della polvere nera: la curva del proiettile

Venendo a trattare della curva del proiettile, le differenze tra la polvere nera e il munizionamento moderno a retrocarica sono significative. Tarando a 100 metri l'arma che ho utilizzato per le mie esperienze con la polvere nera, ho calcolato un calo di 45 centimetri a 200 metri contro gli 8 centimetri prodotti da una cartuccia in .243 Winchester con palla Hornady SST da 95 grani. A 300 metri, riscontriamo un calo di 164 centimetri contro i 31 centimetri della cartuccia a retrocarica. Una parabola tanto curva impone, più che suggerire, un serio test in poligono per individuare con precisione i valori della compensazione. Tra l'altro, solo testando il sistema e commettendo qualche errore in poligono si apprendono quei segreti del tiro ad avancarica che vanno conosciuti e non sono affatto alchemici.

Chi porterà a caccia una carabina a polvere nera, quindi, dovrà essere un cacciatore molto attento alle prestazioni del sistema-arma che ha tra le mani, in quanto il punto di mira varierà grandemente al variare della distanza d'ingaggio del selvatico. Dovrà anche definire con senso di responsabilità la portata utile della sua arma: se, infatti, la caduta si può compensare, più complesso è il tema dell'energia cinetica residua che il proiettile può trasferire sul selvatico. C'è un limite e, a questo proposito, suggerisco la lettura del mio articolo Quanti joule servono a caccia?. Ciò non toglie che un'arma ad avancarica possa fornire moltissime soddisfazioni al cacciatore che desideri assolvere al suo impegno in un'ottica di massima sostenibilità.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Tecnica

Come migliorare la tecnica di tiro con il punto rosso
Pubblicato il in Tecnica
di Matteo Brogi
Come migliorare la tecnica di tiro con il punto rosso

Cronaca di un corso effettuato presso la Shooting Academy di Aimpoint che insegna a migliorare la tecnica di tiro con il punto rosso ai selvatici in movimento >>

Benelli Advanced Impact, la chiave è la velocità
Pubblicato il in Tecnica
di Matteo Brogi
Benelli Advanced Impact, la chiave è la velocità

Maggiore velocità dello sciame di pallini, quindi superiore energia e potere lesivo, sono le caratteristiche della nuova tecnologia Advance Impact di Benelli >>

PRS: il tiro sportivo al servizio della caccia
Pubblicato il in Tecnica
di Matteo Brogi
PRS: il tiro sportivo al servizio della caccia

Le tecniche di tiro a lunga distanza PRS sono di supporto per rinforzare le abilità venatorie. Lo dimostra un evento organizzato da Savage, Leupold e Hornady >>

Calibri e camerature classiche per carabine da caccia
Pubblicato il in Tecnica
di Redazione
Calibri e camerature classiche per carabine da caccia

L'azienda John Rigby & Company viene fondata nel 1775. Oltre ad armi iconiche fino ai nostri giorni, a lei si deve lo sviluppo di numerosi calibri da caccia >>