Il bando del piombo impone l'impiego di munizioni con pallini che non sempre possono essere impiegati nei fucili di produzione meno recente
Il bando del piombo impone l'impiego di munizioni con pallini che non sempre possono essere impiegati nei fucili di produzione meno recente - © Baschieri & Pellagri
Pubblicato il in Tecnica
di Diana & Wilde

Cartucce LEAD FREE: istruzioni per l'uso con la canna liscia

L'avvento del munizionamento atossico, senza piombo, ha portato molta incertezza tra coloro che possiedono fucili senza l'agognato giglio che ne certifica la prova con pallini d'acciaio. Ecco come risolvere tutti i dubbi senza mettere a rischio la propria incolumità e quella delle armi di produzione meno recente

di Gianluca Garolini

Quando, tra le punzonature impresse sulle canne, manca il "fiore di Le Lys o giglio fiorentino" siamo al cospetto di armi che risalgono al passato, a tempi in cui nessuno aveva avuto l'originale idea di sparare materiali diversi dal piombo. E allora si pone la classica domanda:

Quali cartucce No Toxic posso sparare nel mio fucile?

La risposta è codificata ma necessita di una premessa che chiarisca a quale fucile ci riferiamo. È necessario conoscere la marca, il modello, il calibro, le caratteristiche della canna e i punzoni che vi sono apposti, lo stato di conservazione e l'integrità di canne e chiusure. Solo con questi dati possiamo arrivare a individuare quali cartucce con pallini atossici, potremo usare.

I fucili che hanno passato la prova pressoria ordinaria possono impiegare nella gamma di cartucce No Toxic due tipologie di munizioni: in primis, quelle con pallini in bismuto, materiale morbido equiparabile al piombo senza preclusioni di strozzature o punzonature particolari, poi quelle in ferro a grammature leggere
I fucili che hanno passato la prova pressoria ordinaria possono impiegare nella gamma di cartucce No Toxic due tipologie di munizioni: in primis, quelle con pallini in bismuto, materiale morbido equiparabile al piombo senza preclusioni di strozzature o punzonature particolari, poi quelle in ferro a grammature leggere - © Gianluca Garolini

In linea generale, i fucili da caccia devono aver superato una di tre tipi di prove di banco: pressoria ordinaria, superiore o steel proof.

Prova pressoria ordinaria

Vecchie armi spesso con oltre 50 anni, quasi sempre senza prova Steel Proof, ovvero non "gigliate" e bancate a suo tempo alla sola prova pressoria ordinaria di 900 atmosfere o 930 bar, punzonate sull'arma col marchio PSF (Polveri Senza Fumo) sormontato da una stellina, adatte a sparare cartucce Standard con PMax < 740 Bar.

Prova di pressione ordinaria (PSF con una stella). In calibro 12 queste armi possono impiegare solo cartucce omologate Standard di tutti i tipi
Prova di pressione ordinaria (PSF con una stella). In calibro 12 queste armi possono impiegare solo cartucce omologate Standard di tutti i tipi - © Gianluca Garolini

Questi fucili possono impiegare nella gamma di cartucce No Toxic due tipologie di munizioni: in primis, quelle con pallini in bismuto, materiale morbido equiparabile al piombo senza preclusioni di strozzature o punzonature particolari, e poi quelle in ferro a grammature leggere, le Steel da 28/24 grammi con omologazione Standard e non High Performance.

Prova pressoria superiore

Armi robuste più o meno attuali ma quasi sempre non provate Steel Proof, ovvero non gigliate, però bancate alla prova pressoria superiore di 1.200 Atmosfere o 1.320 bar e punzonate col marchio PSF (Polveri Senza Fumo) sormontato da due stelline, adatte a sparare cartucce "HP" con PMax < 1.050 Bar.

Prova pressoria superiore (PSF con due stelle). Queste armi possono impiegare anche cartucce di tipo High Performance Max 1.050 bar, ma non quelle HP con pallini duri
Prova pressoria superiore (PSF con due stelle). Queste armi possono impiegare anche cartucce di tipo High Performance Max 1.050 bar, ma non quelle HP con pallini duri - © Gianluca Garolini

Questi fucili, come quelli precedenti, in base alla normativa CIP possono impiegare solo cartucce con pallini in bismuto oppure Steel Standard con 24/28 grammi di pallini in ferro. L'abilitazione a sparare cartucce in piombo HP non consente tuttavia di usare munizioni a elevate prestazioni con pallini duri in ferro, rame o tungsteno; spesso lo potrebbero tecnicamente fare, ma manca il punzone Steel Proof e questo potrebbe causare un risvolto pericoloso a livello giuridico in caso di incidente o infortunio, dove la mancanza della prova specifica potrebbe essere impugnata dall'assicurazione, negando la copertura assicurativa.

Prova pressoria superiore Steel Proof

Armi recenti e/o attuali provate Steel Proof ovvero gigliate col punzone del "fiore di Le Lys o giglio fiorentino" e naturalmente bancate alla prova pressoria superiore di 1.320/1.370 bar, punzonate col marchio PSF (Polveri Senza Fumo) sormontato da due stelline e col fiore di Le Lys o giglio.

Giglio con prova attuale su fucile moderno. Perfettamente adatto per le munizioni HP con pallini duri
Giglio con prova attuale su fucile moderno. Perfettamente adatto per le munizioni HP con pallini duri - © Gianluca Garolini

Questi fucili sono adatti a sparare cartucce con pallini "duri" in ferro, rame e tungsteno e cartucce a pallini in piombo di alta potenza, munizioni "HP" ovvero High Performances con PMax fino a 1.050 Bar.

Ricapitolando: i fucili del primo e secondo gruppo, in base alla normativa CIP (Commissione Internazionale Permanente) possono sparare cartucce con pallini in piombo nei limiti pressori delle prove cui sono stati sottoposti, con limiti a 740 e 1.050 bar. E cartucce con pallini duri (ferro, rame, tungsteno) di tipo Standard, inquadrati dalla CIP con limiti minori di energia di movimento (velocità per massa dei pallini) e di precisa velocità massima assoluta.

Aspetti tecnici e legali

Chi ha un fucile datato, bancato alla prova ordinaria oppure superiore, può usare soltanto munizioni No Toxic con pallini in bismuto e quelle con pallini in ferro da 28 grammi; con queste non vige altresì una prescrizione sulle strozzature, che possono essere anche massime, quindi Full o una stella. Nessuno impedisce di far gigliare questi fucili inviandoli al BNP per la prova col pallino di ferro. È il caso dei fucili più moderni, decisamente robusti e spesso camerati magnum, ma non gigliati: questi non possono ugualmente sparare cartucce per cui è prevista la canna gigliata. Sembra un assurdo, ma la spiegazione è duplice in quanto sono interessati sia l'aspetto puramente tecnico, ovvero la resistenza meccanica dell'arma, sia quello giuridico o legale.

Anche le cartucce Steel a grammature leggere possono essere utilizzate con un'ampia gamma di fucili
Anche le cartucce Steel a grammature leggere possono essere utilizzate con un'ampia gamma di fucili - © Gianluca Garolini

Premesso che la CIP dà indicazioni vincolanti per le aziende ma non per i cittadini privati, che nel proprio fucile sparano ciò che preferiscono, questi, usando cartucce steel (ferro), tungsten (lega con tungsteno) e copper (rame), raramente vedranno la loro arma cedere e danneggiarsi, ma impiegheranno però pur sempre una munizione che per l'Ente di controllo europeo su armi e cartucce non poteva e non doveva esservi sparata.

Questo fatto crea un risvolto giuridico rischioso per l'utente perché, in caso di incidente (ferimenti e danni diretti e indiretti creati dalle fucilate, scoppio di una canna imboccata con terra o neve e altre eventualità incidentali), l'assicurazione potrebbe impugnare il mancato rispetto della normativa e rifiutarsi di coprire i danni.
Usando le cartucce consentite, in bismuto o con pallini duri, ma omologate standard con i vari materiali atossici, si ha invece una condizione di legittimità che non ci espone a rischi.

Un vecchio fucile, si tratta di un Breda Aries Magnum, è stato mandato al BNP e gigliato, ora è a tutti gli effetti pronto per le munizioni HP con pallini duri
Un vecchio fucile, si tratta di un Breda Aries Magnum, è stato mandato al BNP e gigliato, ora è a tutti gli effetti pronto per le munizioni HP con pallini duri - © Gianluca Garolini

Chiudiamo ripetendo che chi possiede un fucile moderno, robusto, in ottimo stato e non gigliato, a maggior ragione di chi ha solo armi datate, lo può inviare al Banco Nazionale di Prova per fare eseguire una riprova con il test Steel Proof. L'arma, una volta superata la prova, verrà gigliata e sarà utilizzabile con tutte le munizioni no Toxic anche più prestanti, senza correre più rischi giuridici e incontrare eventuali questioni in caso sia necessario ricorrere alla previdenza assicurativa.

Articolo concesso da Diana & Wilde / Edizioni Lucibello, dicembre 2023

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Tecnica

Come migliorare la tecnica di tiro con il punto rosso
Pubblicato il in Tecnica
di Matteo Brogi
Come migliorare la tecnica di tiro con il punto rosso

Cronaca di un corso effettuato presso la Shooting Academy di Aimpoint che insegna a migliorare la tecnica di tiro con il punto rosso ai selvatici in movimento >>

Benelli Advanced Impact, la chiave è la velocità
Pubblicato il in Tecnica
di Matteo Brogi
Benelli Advanced Impact, la chiave è la velocità

Maggiore velocità dello sciame di pallini, quindi superiore energia e potere lesivo, sono le caratteristiche della nuova tecnologia Advance Impact di Benelli >>

PRS: il tiro sportivo al servizio della caccia
Pubblicato il in Tecnica
di Matteo Brogi
PRS: il tiro sportivo al servizio della caccia

Le tecniche di tiro a lunga distanza PRS sono di supporto per rinforzare le abilità venatorie. Lo dimostra un evento organizzato da Savage, Leupold e Hornady >>

Calibri e camerature classiche per carabine da caccia
Pubblicato il in Tecnica
di Redazione
Calibri e camerature classiche per carabine da caccia

L'azienda John Rigby & Company viene fondata nel 1775. Oltre ad armi iconiche fino ai nostri giorni, a lei si deve lo sviluppo di numerosi calibri da caccia >>