A caccia nel Devon. L'occasione è propizia per mettere alla prova la Land Rover Defender brandizzata da Rigby
A caccia nel Devon. L'occasione è propizia per mettere alla prova la Land Rover Defender brandizzata da Rigby - © Sarah Farnsworth / Tweed Media
Pubblicato il in Racconti
di

EUROPA - Un drive nel Devon, in Inghilterra

Forse dipende dal livello di difficoltà? Forse è perché sono animali veramente selvatici e imprevedibili? O forse la passione per le sfide? Qualunque sia la ragione che ci spinga, la caccia al beccaccino è un'attività che esalta l'ottimismo. È salutare, sfidante e gratificante. Ed è qualcosa che è stato fatto per secoli in questo remoto angolo del Devon

La valle del Tamar accoglie ogni stagione un gran numero di trampolieri, grazie alle numerose mandrie di bovini che creano per loro un habitat perfetto. Non è raro vedere 100 beccaccini sollevarsi da un pascolo all'unisono.
Jeff è un guardiacaccia di lunga esperienza e gestisce 25.000 acri di terreni agricoli e paludi, stagni e brughiere. La stagione si apre ad agosto ma Jeff non fa iniziare la caccia prima della metà novembre nel tentativo di prelevare solo gli esemplari migranti, non i riproduttori stanziali. «I beccaccini sono una risorsa naturale preziosa e devono essere gestiti in modo sensibile e attento», spiega, aggiungendo: «Una settimana prima dell'arrivo dei cacciatori, raduno il mio staff per condurre un censimento. Siamo attenti a gestire le aspettative dei cacciatori e siamo orgogliosi di accogliere coloro che apprezzano questi selvatici piccoli e faticosi». Per mettere in prospettiva i numeri, nel Regno Unito ci sono 80.000 coppie riproduttive, un milione di uccelli che svernano. Jeff ne fa prelevare solo 150 per stagione.

Beccaccino, non è una causa senza speranza

Il termine caccia al beccaccino (snipe hunt nella lingua inglese, ndr), se usato in senso figurato, indica una causa senza speranza, la ricerca di qualcosa che è irraggiungibile. Con una velocità di volo fino a 60 miglia all'ora (100 km/h) e una traiettoria irregolare e sorprendente, sono selvatici con cui è difficile confrontarsi. Sono molti di più quelli cui si spara rispetto a quanti che vengono effettivamente colpiti. Sparare al beccaccino è un rito di passaggio e le armi devono essere maneggiate con reazioni fulminee. Tuttavia, la preda duramente guadagnata è ciò che tutti cerchiamo.
Una giornata ai beccaccini a dicembre 2020 ha fornito l'ideale evasione dalla monotonia della quarantena a una squadra di sei amici.

Vengono resi gli onori ai selvatici abbattuti prima che questi completino il loro viaggio verso la cucina
Vengono resi gli onori ai selvatici abbattuti prima che questi completino il loro viaggio verso la cucina - © Sarah Farnsworth / Tweed Media

La caccia nel West Country è appagata dal soggiorno nell'iconico hotel The Arundell a Lifton, nel Devon. Si tratta di una locanda sorta 300 anni fa per la sosta delle carrozze; l'hotel con 27 camere è stato acquisito dal dinamico duo Simon Village e Arabella Monro nel luglio del 2019. Dopo aver subito un restauro a sette cifre, l'edificio storico ha avuto nuova vita.
Fanatico della caccia agli uccelli e della pesca nei fiumi più selvaggi, il nuovo obiettivo di Simon è ora The Arundell. Con una carriera principalmente mineraria e finanziaria incentrata in Africa, i due stavano cercando una nuova avventura e, dopo aver appreso da un amico cacciatore che l'hotel poteva essere in vendita, si sono presentati alla famiglia Fox-Edwards che lo gestiva.

Simon K. Barr è autore e protagonista di questo racconto di caccia
Simon K. Barr è autore e protagonista di questo racconto di caccia - © Sarah Farnsworth / Tweed Media

«L'Arundell è stato di proprietà di sole due famiglie nei suoi 90 anni di storia; una caratteristica eccezionale che abbiamo colto al volo» ha dichiarato, aggiungendo: « tutto questo è accaduto durante il periodo del primo confinamento nazionale, che abbiamo sfruttato a nostro vantaggio per avviare il lavoro che la maggior parte degli albergatori non può intraprendere con un hotel operativo: sventrare completamente l'interno. Abbiamo gestito circa 25 appaltatori in loco per sei mesi. Abbiamo ristrutturato, ricablato e completamente rinnovato l'hotel. In molti hanno alzato le sopracciglia quando ho detto loro dei nostri piani, ma con un background di progetti interessanti e rischiosi in Africa, incluso il finanziamento e la costruzione della prima miniera d'oro in Congo dopo l'indipendenza, e il nostro presente coinvolgimento negli hotel dello Zimbabwe, il rischio di acquistare un hotel di alto livello nel Devon ci è sembrata perfettamente naturale».

Una realtà totalizzante

I due, con sei figli, hanno una visione molto chiara dell'attività di ospitalità e delle attività venatorie che offrono. Oltre alla caccia alla selvaggina migratoria e al deerstalking (caccia del cervo alla cerca) possiedono i diritti e hanno accesso a circa 22 miglia del fiume Tamar che è pieno di trote, trote di mare e salmoni quando risalgono i fiumi inglesi. «Questa è vita outdoor reale. Non è pretenziosa o una messa in scena. È autentica e genuina. Non vogliamo che l'offerta sembri in alcun modo commerciale. Ogni uscita è speciale. Non vogliamo che gli ospiti si sentano come se fossero su un nastro trasportatore. Vogliamo che il soggiorno all'Arundell sia un evento fisso e che caccia e pesca siano accessibili ai nuovi arrivati. Abbiamo cercato di progettare l'hotel in modo che piaccia a tutti, dai cacciatori incalliti e dagli appassionati di pesca ai principianti assoluti e sia anche un luogo dove imparare le abilità della caccia e della pesca. Abbiamo modernizzato e portato l'hotel nel ventunesimo secolo. Ci sono otto punti di ricarica Tesla nel parcheggio che speriamo ci aiutino ad attirare nuovi appassionati attenti alle tematiche ambientali. Piccoli tocchi come questo mostrano che siamo attenti al cambiamento. Non siamo superficiali o eccessivamente patinati, la nostra offerta ha profondità».

Il tiro al beccaccino è impegnativo e richiede destrezza e istinto. Aiuta un minimo di allenamento, che nella stagione di caccia chiusa si può esercitare sparando alle eliche
Il tiro al beccaccino è impegnativo e richiede destrezza e istinto. Aiuta un minimo di allenamento, che nella stagione di caccia chiusa si può esercitare sparando alle eliche - © Sarah Farnsworth / Tweed Media

A caccia, finalmente

Ci vuole talento, per sparare al beccaccino. È certamente utile effettuare un apprendistato su un campo di tiro prima di affrontarlo; alle eliche, che volano in modo irregolare e imitano una linea di volo complicata. Quando affrontano il beccaccino, molti cacciatori anticipano troppo, cercando di prevedere lo zig o lo zag. A volte funziona, ma la maggior parte delle volte no. Molto meglio trattenersi per qualche secondo e aspettare che l'uccello stabilizzi il volo. Più facile a dirsi che a farsi, però.

Sei amici, in un momento di allentamento del lockdown del 2020, si incontrano nel Devon per due giornate di caccia ai beccaccini
Sei amici, in un momento di allentamento del lockdown del 2020, si incontrano nel Devon per due giornate di caccia ai beccaccini - © Sarah Farnsworth / Tweed Media

La giornata è iniziata con la squadra di sei fucili che si è radunata fuori dalla fossa dei combattimenti di galli dell'hotel, un'attrattiva storica documentata. Il tempo ha offerto condizioni ideali: nuvole, un po' di pioviggine e freddo.

Il mio buon amico Marc Newton, amministratore delegato di John Rigby & Co., era uno dei fucili del gruppo e aveva portato il nuova Land Rover Rigby. Sicuramente il sogno di ogni appassionato di attività outdoor 4×4. Realizzato grazie a una partnership unica tra John Rigby and Co., Kingsmen editions e Traditional english guncases, l'esclusivo Land Rover Defender è stato personalizzato con caratteristiche Rigby e dettagli su misura. Rifinito in colore Keswick green, è stato dotato sul pianale di un sistema a doppio cassetto; uno per le armi, dove era alloggiato il Rising bite di Marc e un secondo fucile per gli ospiti, uno con bottiglie di spumante e bicchieri, di cui ci siamo avvalsi alla fine della giornata.

Il Defender di Rigby, rifinito in colore Keswick green, è dotato di un sistema a doppio cassetto; uno per le armi, un'operaia i
Il Defender di Rigby, rifinito in colore Keswick green, è dotato di un sistema a doppio cassetto; uno per le armi, un'operaia i "generi di conforto" - © Sarah Farnsworth / Tweed Media

Dopo essere saliti sul Land Rover, un breve tragitto ci ha portato ai vicini terreni agricoli, dove Jeff ha posizionato i fucili dietro enormi siepi. Incredibilmente paludosi, i campi liberati dalle mucche da latte rimangono umidi per tutto l'inverno, rendendoli l'habitat ideale per i beccaccini.
Questi scolopacidi vogliono sempre volare nel vento e i cacciatori sono posizionati dietro fitte siepi spoglie. Una giornata tipo è articolata da nove a dodici drive. «È difficile guidare i beccaccini, sono molto acuti. Incanalarli verso i fucili è un po' un'arte, ma siamo un team esperto», afferma Jeff.

Brevi spostamenti si susseguono per posizionare i cacciatori vicino alle siepi che costeggiano i campi del Devon
Brevi spostamenti si susseguono per posizionare i cacciatori vicino alle siepi che costeggiano i campi del Devon - © Sarah Farnsworth / Tweed Media

Il mio cuore batteva forte quando ho sentito da lontano la squadra di battitori camminare dolcemente. Nascosto dietro a una siepe spinosa, finalmente sentii il suono caratteristico dei beccaccini che prendevano il volo. Una nuvola di oltre 100 uccelli si sollevò e volò nel vento come previsto. Il passaggio è stato breve, è durato meno di un minuto, con alcuni ritardatari poco dopo. Questi piccoli uccelli hanno guadagnato altezza così rapidamente che i miei primi due colpi con 28 grammi del 7 hanno sfortunatamente mancato il bersaglio. Non avevo idea se avessi anticipato troppo, troppo poco o fossi fuori allineamento.

Non si spara molto ma la caccia al beccaccino rappresenta un banco di prova anche per i cacciatori più smaliziati
Non si spara molto ma la caccia al beccaccino rappresenta un banco di prova anche per i cacciatori più smaliziati - © Sarah Farnsworth / Tweed Media

Beccaccini, a centinaia

Spostandoci da un campo all'altro, quindi da siepe a siepe, abbiamo sparato in media una coppia di cartucce per drive e abbiamo visto letteralmente centinaia di beccaccini mentre ci godevamo il panorama affascinante del Devon rurale su Dartmoor. Il momento clou della giornata è stato guardare due beccaccini tentare una torre dopo il nostro pranzo sul campo. Senza un barlume di esitazione, il cacciatore alla mia destra ha ingaggiato la traiettoria del primo, quindi si è spostato sul secondo e li ha abbattuti entrambi. Due colpi notevoli, o forse fortunati, comunque memorabili.

Spinti dai battitori, gli scolopacidi si alzano in volo all'unisono, a centinaia. Il flusso dura meno di un minuto, giusto qualche ritardatario consente qualche colpo in più
Spinti dai battitori, gli scolopacidi si alzano in volo all'unisono, a centinaia. Il flusso dura meno di un minuto, giusto qualche ritardatario consente qualche colpo in più - © Sarah Farnsworth / Tweed Media

Imprevedibile e dinamico, il beccaccino è l'esperienza di caccia ai migratori più complessa che il Regno Unito ha da offrire. Evitando di cacciare due giorni consecutivi sugli stessi appezzamenti, i beccaccini non vengono mai insediati troppo intensamente e quando la temperatura scende per un certo numero di giorni consecutivi Jeff annulla le uscite, e giustamente.

Il beccaccino è un selvatico di modeste dimensioni, da pochi morsi. Va cucinato in maniera tradizionale per apprezzarne appieno le doti gastronomiche
Il beccaccino è un selvatico di modeste dimensioni, da pochi morsi. Va cucinato in maniera tradizionale per apprezzarne appieno le doti gastronomiche - © Sarah Farnsworth / Tweed Media

Di ritorno in hotel, è abitudine dei nostri ospiti posizionare la selvaggina su un enorme piatto d'argento e farli sfilare fino alla cucina, dove il capo chef Steve Pidgeon li trasforma in tartine. Steve, uno dei soli 80 Master chef in Gran Bretagna, aveva lasciato l'Arundell tre anni fa dopo 15 anni di servizio, poi è stato richiamato.

Una
Una "bicchierata" a fine giornata rappresenta la degna conclusione di un'uscita su selvatici difficili, dal volo imprevedibile - © Sarah Farnsworth / Tweed Media

Dal bosco alla cucina

Misurando solo 25 centimetri di lunghezza, l'elegante scolopacide offre solo pochi morsi ma è decisamente gustoso soprattutto se mangiato in modo tradizionale. «Il buon mangiare è uno degli obiettivi dell'hotel» conferma Simon, aggiungendo: «Oltre agli uccelli selvatici, serviamo solo pesce selvatico e selvaggina che proviene dalle brughiere e dalle tenute locali. La provenienza è fondamentale». L'Arundell è una proposta unica, sono rimasti davvero pochi sporting hotel che sanno offrire così tanto in un modo così autentico.

I carnieri sono contenuti per quantità. Mediamente si sparano due colpi per drive. Jeff - il guardiacaccia - limita a 150 i prelievi per ciascuna annata venatoria così da non esercitare una pressione eccessiva sulla popolazione stanziale
I carnieri sono contenuti per quantità. Mediamente si sparano due colpi per drive. Jeff - il guardiacaccia - limita a 150 i prelievi per ciascuna annata venatoria così da non esercitare una pressione eccessiva sulla popolazione stanziale - © Sarah Farnsworth / Tweed Media

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.