IWA 2023 conferma come quella del monolitico sia una tendenza niente affatto trascurata da parte dei produttori tradizionali di ogive così come da nuove realtà imprenditoriali
IWA 2023 conferma come quella del monolitico sia una tendenza niente affatto trascurata da parte dei produttori tradizionali di ogive così come da nuove realtà imprenditoriali - © Sabatti
Pubblicato il in Armi e accessori
di Matteo Brogi

IWA 2023: la seconda età del rame

Per la caccia in braccata al cinghiale e per i tiri a lunga distanza: con la nascita di palle super specialistiche che ottimizzano le prestazioni agli estremi del range di tiro, l'offerta di alternative lead-free si fa quanto mai vasta. A IWA 2023 ne abbiamo avuto la prova

Di ritorno da IWA 2023 porto a casa una certezza: il trend del momento ha due declinazioni. Da una parte il mondo della visione notturna; decine sono i nuovi prodotti presentati dai marchi "storici" e da quelli che stanno sgomitando per entrare nel settore. Dall'altra il munizionamento atossico; anche in questo caso l'offerta di palle è in continua crescita, specie di prodotti specialistici.

Atossico: un trend in costante ascesa

Un libretto pubblicato da Norma - Simplifying the choice of lead-free ammunition - fa il punto di quello che è lo stato dell'arte della produzione. La Casa svedese ha a catalogo le proposte EcoStrike (a espansione) ed EvoStrike (a frammentazione). Recente è l'abbinamento della palla EcoStrike nel caricamento Silencer series (qui la recensione di Hunting Log), sviluppata tenendo a mente le esigenze di chi utilizza canne corte: è il caso delle carabine "silenziate" e di quegli allestimenti da battitore e Scout che hanno una discreta diffusione. Un'operazione simile l'ha messa in atto RWS che, con la sua proposta Short barrel con palla Driven hunt, ha a cuore i cultori della caccia al cinghiale in battuta e in braccata.

La palla DH - Driven hunt caricata nella linea Short rifle consente a RWS di proporre una cartuccia idonea all'impiego in battuta/braccata, anche con carabine compatte
La palla DH - Driven hunt caricata nella linea Short rifle consente a RWS di proporre una cartuccia idonea all'impiego in battuta/braccata, anche con carabine compatte - © Rws

Il libretto di Norma ha il pregio di farci riflettere su alcuni punti cruciali nella scelta del munizionamento atossico. Tanta parte delle trattazioni sull'argomento fa riferimento alla massa del proiettile e alla sua velocità d'impatto, i termini che definiscono l'energia cinetica secondo la nota formula. Valori certamente importanti ma che hanno il difetto di non spiegare come il proiettile funzioni e quale sia la sua efficacia. Quest'ultima è determinata da un dato più difficile da definire in maniera scientificamente inequivocabile: la capacità di trasferire l'energia al selvatico. Il lavoro del proiettile - quindi la cessione di energia - è determinato dalla sua deformazione in seguito alla resistenza offerta dai tessuti. È questo il motivo per cui, a parità teorica di energia all'impatto, un proiettile espansivo o - al limite - a frammentazione è molto più efficace di un full metal jacket.

Cinque spunti di riflessione

Queste note non hanno la pretesa di essere esaustive e per una trattazione più completa rimando al mio articolo Pregi e difetti del munizionamento atossico; ritengo però utile segnalare i cinque suggerimenti che Norma propone:

  1. nel valutare le palle monolitiche c'è una tendenza a sovrastimare l'energia d'impatto. L'attenzione dovrebbe invece focalizzarsi sul comportamento della palla nell'animale e sulla sua cessione di energia;
  2. tra i parametri da tenere il considerazione va considerata la lunghezza della canna in quanto questa influisce sulla velocità;
  3. le palle monolitiche hanno un comportamento differente da quelle convenzionali che può portare a un aumento dei rimbalzi: è quindi necessario adattare il proprio campo di tiro in base alle peculiarità del munizionamento lead free;
  4. anche se le moderne palle in rame non imbrattano le canne (né le consumano) in maniera drammaticamente differente da quelle tradizionali, è necessario investire in buoni prodotti per la pulizia se si vogliono ottenere le migliori prestazioni;
  5. è utile tenere nota delle performance delle palle utilizzate per poi confrontarne la resa con quelle in piombo. La conoscenza, quindi, è la chiave per l'efficacia.

Nuove aziende e nuove proposte

Tornando in tema di novità viste a IWA 2023, inizio segnalando due nuove aziende produttrici di proiettili: l'italiana Twenty nine e la svedese CopperBear, che propone proiettili match grade con ottimi valori di precisione ed espansione in un ampio intervallo di distanze.

CopperBear è un'azienda svedese che produce una gamma di palle match-grade in grado di massimizzare precisione ed espansione sul selvatico
CopperBear è un'azienda svedese che produce una gamma di palle match-grade in grado di massimizzare precisione ed espansione sul selvatico - © Matteo Brogi

Twenty nine (era presente già a EOS 2023) si è affidata alla competenza tecnica di Cristian Bettin per elaborare una proposta innovativa articolata su due prodotti: la palla espansiva Crockett, per le condizioni standard di caccia, e la Silentio (espansiva in rame, a frammentazione in ottone), ottimizzata per il funzionamento subsonico e, quindi, con basse velocità d'impatto. Le palle Crockett, realizzate in rame puro, utilizzano la tecnologia brevettata ERTP (Extended range terminal performance) che permette di abbassare in maniera considerevole la soglia di espansione; garantiscono precisione match-grade e sono fornite anche in variante nichelata che riduce la ramatura della canna.

La proposta dell'azienda italiana Twenty Nine prevede la palla espansiva Crockett qui fotografata, pensata per le condizioni standard di caccia, e la Silentio (espansiva in rame, a frammentazione in ottone)
La proposta dell'azienda italiana Twenty Nine prevede la palla espansiva Crockett qui fotografata, pensata per le condizioni standard di caccia, e la Silentio (espansiva in rame, a frammentazione in ottone) - © Twenty Nine

Entrambi i produttori hanno un catalogo dedicato unicamente a prodotti lead free come già Sax Munition e, in Italia, l'ormai storica Hasler e la Mrr Green Hunting di Sabatti (qui il test). Hasler, per inciso, alla tradizionale linea Ariete ha affiancato il proiettile a deformazione Bull, utilizzabile anche alle più lunghe distanze.

Le palle Mrr di Sabatti rappresentano una tra le più recenti proposte italiane nel settore delle palle atossiche. Sia nel settore della caccia sia in quello del tiro sportivo (qui rappresentato)
Le palle Mrr di Sabatti rappresentano una tra le più recenti proposte italiane nel settore delle palle atossiche. Sia nel settore della caccia sia in quello del tiro sportivo (qui rappresentato) - © Sabatti

L'offerta comincia a essere davvero vasta e nel 2023 le novità sono numerose anche da parte dei produttori tradizionali: Remington ha presentato le sue Core-Lokt Copper e Federal ha introdotto la palla EuroCopper, dotata di un tip in polimero flat nose che ne indirizza l'impiego nel tiri a distanze brevi e medie; alla caccia in battuta sono dedicate le proposte di Norma e di RWS già menzionate e la palla Hornady ECX che ho provato in occasione di una recente uscita di caccia in Germania. Nel campo delle specialistiche, vanno segnalate anche le Barnes Vor-Tx LR (dove l'acronimo sta per Long range) e Hornady CX che garantiscono una adeguata espansione a velocità più basse dello standard e sono quindi destinate ai tiri più lunghi.

Un grande classico, la palla Core-Lokt di Remington, è stato ripensato in chiave atossica. La nuova versione Copper è proposta per ora in .243 e .270 Winchester oltre che nei più comuni calibri .30
Un grande classico, la palla Core-Lokt di Remington, è stato ripensato in chiave atossica. La nuova versione Copper è proposta per ora in .243 e .270 Winchester oltre che nei più comuni calibri .30 - © Matteo Brogi

Insomma, le proposte sono tante e possono accontentare una platea sempre più esigente di cacciatori, rendendo anacronistici molti dei pregiudizi che ancora aleggiano intorno al munizionamento atossico.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Armi e accessori

Pedersoli Kodiak Express MK VI, un express per cinghiali (ma non solo)
Pubblicato il in Armi e accessori
di Matteo Brogi
Pedersoli Kodiak Express MK VI, un express per cinghiali (ma non solo)

La carabina express Pedersoli Kodiak Express MK VI ad avancarica unisce il sapore della tradizione alla sicurezza dalla tecnologia contemporanea >>

Munizioni: atossiche ma non solo. Le novità di IWA 2024
Pubblicato il in Armi e accessori
di Matteo Brogi
Munizioni: atossiche ma non solo. Le novità di IWA 2024

A IWA 2024 sono state presentate alcune novità anche nel settore del munizionamento da caccia. Sia atossico che convenzionale >>

Cannocchiali, termici e digitali: 25 novità da IWA 2024
Pubblicato il in Armi e accessori
di Matteo Brogi
Cannocchiali, termici e digitali: 25 novità da IWA 2024

Dalla A di ATN alla Z di Zero Compromise: a IWA 2024 sono stati presentati dispositivi termici, visori notturni, strumenti multispettro. I 25 più interessanti >>

Armi da caccia: le 18 novità più interessanti presentate a IWA 2024
Pubblicato il in Armi e accessori
di Matteo Brogi
Armi da caccia: le 18 novità più interessanti presentate a IWA 2024

Recensione di carabine bolt action, straight-pull, lever action, semiautomatiche e a pompa presentate a IWA 2024 >>