Simon Barr a caccia di cervi dalla coda bianca in Nebraska, nel corso di un'avventura di caccia che ha permesso di sperimentare sia il nuovo calibro .300 Prc sia il munizionamento Hornady Outfitter con la nuova palla CX
Simon Barr a caccia di cervi dalla coda bianca in Nebraska, nel corso di un'avventura di caccia che ha permesso di sperimentare sia il nuovo calibro .300 Prc sia il munizionamento Hornady Outfitter con la nuova palla CX - © Tweed Media
Pubblicato il in Racconti
di

NORD AMERICA - Cervi coda bianca del Nebraska

L'autore scozzese Simon K. Barr è invitato in Nebraska da Hornady per cacciare i cervi coda bianca usando un fucile in .300 Prc, un calibro sviluppato dal noto marchio americano di munizioni

La mia settimana di caccia al whitetail (Odocoileus virginianus, conosciuto anche come cervo della Virginia) in Nebraska si è svolta come un perfetto cliché del Midwest americano. Eravamo vicino ad Arapahoe, nella Frenchman Unit del Nebraska centro-meridionale, dove, per farlo registrare da un funzionario, porti il tuo cervo alla pista da bowling locale e trovi un negozio che ancora sventola – in vendita – una bandiera inneggiante alla vittoria di Trump. Perfino il fiume che attraversa lo Stato è chiamato the Republican. Il paesaggio è quello tipico dell'immaginario del grande Midwest agricolo. La stagione della caccia al cervo con la carabina qui è breve, dura solo nove giorni a metà novembre, ed è caratterizzata da una politica rigorosa che consente un solo capo per cacciatore.

Per chi vive in Nebraska, la caccia al cervo è quasi una religione
Per chi vive in Nebraska, la caccia al cervo è quasi una religione - © Tweed Media

Se sei di qui, cacciare il tuo cervo è quasi una religione. Ho avuto il privilegio di prendere parte a questo rito annuale. Un aspetto che mi ha davvero colpito è il rispetto per i regolamenti e le leggi sulla caccia.
A novembre, con i vasti campi di mais mietuti e le enormi mandrie di bovini, il paesaggio pianeggiante, non sarebbe stato agevole smaltire tutti gli hamburger che avevamo mangiato: in una settimana più di quanti ne avevo consumati nell'intero anno precedente.

Gli ampi spazi del Midwest americano

È stato bellissimo, le persone amichevoli e la caccia affascinante. Grazie alla possibilità di chiacchierare con altri scrittori di outdoor una volta terminata la giornata, non c'è mai stato un momento morto. Abbiamo cacciato in una proprietà privata, una fattoria piena di macchinari arrugginiti di cui il proprietario non sembrava aver intenzione di liberarsi. Ogni anno, il proprietario consente di sparare nel suo appezzamento di 700 acri (circa 285 ettari) a sei capi, da una serie di appostamenti molto diversi tra loro: da un capanno che stava a malapena in piedi alla suite di lusso con riscaldamento e comode sedie. Quest'ultima soluzione era sicuramente quella preferita la mattina, con temperature di -7° con cui fare i conti.

Ogni anno, il proprietario dell'area di caccia teatro di questa cacciata consente di sparare nel suo appezzamento di 700 acri (circa 285 ettari) a sei capi, da una serie di appostamenti molto diversi tra loro
Ogni anno, il proprietario dell'area di caccia teatro di questa cacciata consente di sparare nel suo appezzamento di 700 acri (circa 285 ettari) a sei capi, da una serie di appostamenti molto diversi tra loro - © Tweed Media

Con il trascorrere della settimana e i miei compagni cacciatori che tornavano da cacce di successo, ho iniziato a nutrire qualche dubbio. L'obiettivo era, ovviamente, un capo maturo, ma ero forse troppo esigente? Dopotutto, la maturità del capo da prelevare non avrebbe contato se alla fine non avessi preso un bel niente.

L'obiettivo della settimana è un capo maturo. Ci vuole del tempo per imparare a identificare il capo giusto nell'ampiezza della zona di caccia
L'obiettivo della settimana è un capo maturo. Ci vuole del tempo per imparare a identificare il capo giusto nell'ampiezza della zona di caccia - © Tweed Media

Mentre la settimana andava avanti e i cervi in amore iniziavano a interagire nelle mattine più fredde, inseguendo le femmine, ho iniziato ad affinare la mia capacità di identificarli. E, se da una parte temevo di non riuscire nell'impresa, dall'altra mi piaceva guardare e imparare a conoscere questa specie, così simile eppure così diversa dal suo cugino europeo, il capriolo.

Nel maschio del cervo della Virginia, come nel capriolo ben conosciuto da Simon, con il progredire dell'età sembra esserci una ridistribuzione delle proporzioni verso il cranio
Nel maschio del cervo della Virginia, come nel capriolo ben conosciuto da Simon, con il progredire dell'età sembra esserci una ridistribuzione delle proporzioni verso il cranio - © Tweed Media

Una scelta ponderata

Stavo iniziando a riconoscere le caratteristiche che distinguono un esemplare veramente maturo: certo, dovrebbe avere le quattro ramificazioni del palco (elencate in modo asettico come G1, G2 eccetera), ma c'è qualcosa in più. Una "pesantezza" che gravava sul collo, una massa sulla parte inferiore del petto che sembrava gonfiarsi durante il bramito, un grosso petto e una leggera giogaia, quasi come un pomo d'Adamo, oltre a un muso leggermente più appuntito. E il palco assume sicuramente un aspetto diverso man mano che il capo matura. Proprio come il capriolo europeo, sembra esserci una ridistribuzione delle proporzioni verso il cranio e le rose sembrano sempre più come la cera gocciolata di una candela che nessuno si è ricordato di spegnere. Questa pronunciata perlatura e le caratteristiche accentuate delle rose sono ciò che ho iniziato a cercare.

Il terreno spoglio, inframmezzato da ruvide aree arbustive, fornisce ai whitetail la perfetta combinazione di cibo e una copertura sufficiente a offrirgli un'ottimale zona di riposo e accoppiamento
Il terreno spoglio, inframmezzato da ruvide aree arbustive, fornisce ai whitetail la perfetta combinazione di cibo e una copertura sufficiente a offrirgli un'ottimale zona di riposo e accoppiamento - © Tweed Media

L'area in cui stavamo cacciando era famosa per i suoi grandi capi – era, sorprendentemente, il risultato di un terreno coltivabile leggermente più povero. Mentre c'erano ancora acri di mais a perdita d'occhio, il terreno spoglio era inframmezzato da ruvide aree arbustive, dando ai whitetail la perfetta combinazione di cibo e una copertura sufficiente a offrirgli un'ottimale zona di riposo e accoppiamento. Come il mio amato capriolo europeo, i whitetail non curano un harem. Di gran lunga la specie di cervo più diffusa negli Stati Uniti, sono tipici dei terreni coltivabili, ma vogliono anche foreste da legname come copertura.

Seduto in altana da un bel po' di tempo, in attesa della luce, il cervo compare alle prime luci dell'alba là dove altri cacciatori avevano già prelevato il selvatico loro assegnato
Seduto in altana da un bel po' di tempo, in attesa della luce, il cervo compare alle prime luci dell'alba là dove altri cacciatori avevano già prelevato il selvatico loro assegnato - © Tweed Media

Con il passare della settimana, e con gli altri cacciatori che tornavano uno dopo l'altro con un grosso capo, ho iniziato a sentire aumentare la pressione. Tuttavia, avevo intravisto un cervo che sembrava adatto, con stanghe importanti e un muso dalle caratteristiche pronunciate. Poi anche qualcun altro lo ha avvistato e ho capito che la mia attesa avrebbe potuto dare i suoi frutti. Ora che alcuni degli altri grossi capi erano stati presi, questo vecchio capo avrebbe potuto uscire allo scoperto. E così accadde. Ero in una altana, la stessa postazione che aveva usato il collega cacciatore Tom Beckstrand (dell'Outdoor Sportsman Group) per prelevare il suo capo. Ero rimasto seduto lì da un bel po' di tempo, in attesa della luce, ma anche dell'ora in cui era consentito sparare legalmente: 30 minuti prima dell'alba ufficiale che quella mattina era alle 6:52.

L'epilogo di una lunga attesa

I minuti passati al gelo si facevano sentire ma il freddo era favorevole al bramito e non avevo motivi di lamentarmi. Poi, alle 7 in punto, è apparso il cervo, che si dirigeva dritto verso l'altana. Si alzò, sbuffando e annusando, e intravidi la cerva che lo aveva condotto qui; era piuttosto calma, curiosava nella bassa copertura del terreno, ma il maschio non lo era. La debole brezza soffiava da dietro di noi nella sua direzione, quindi non l'ideale anche se ero posizionato in alto. Poi mi sono ricordato che i cervi negli Stati uniti sono abituati ai predatori dall'alto, puma e simili, qualcosa di cui le specie britanniche non sono a conoscenza. I nostri cervi non guardano verso l'alto, il whitetail sì. Rimanevo seduto, infreddolito, mentre il cervo sbuffava e si guardava intorno. Era decisamente nervoso, ma non so esattamente perché. Per 10 lunghi minuti mi ha mostrato solo il muso. Sono rimasto calmo e ho semplicemente aspettato il momento giusto, cercando di rimanere rilassato nonostante sapessi che avrei dovuto essere veloce e risoluto.

Simon vive in Scozia e osserva che i cervi negli Stati uniti sono abituati ai predatori dall'alto, puma e simili, qualcosa di cui le specie britanniche non sono a conoscenza. I cervidi europei non guardano in alto, il whitetail sì
Simon vive in Scozia e osserva che i cervi negli Stati uniti sono abituati ai predatori dall'alto, puma e simili, qualcosa di cui le specie britanniche non sono a conoscenza. I cervidi europei non guardano in alto, il whitetail sì - © Tweed Media

Era a circa 150 metri, mi sentivo a mio agio con la distanza ma il freddo non aiutava, tanto meno la tensione. Era quasi una gara di sguardi, come giocare a chi cede prima. Chi sbatterà le palpebre per primo? Alla fine, fu il cervo. Si voltò, solo di poco, concedendomi una piccola opportunità e quindi un bersaglio. Cadde a terra come un sasso. Era stato un gioco di attesa stressante, ma ne era valsa la pena.

Quasi come in una gara di sguardi, alla fine il cervo si mette nella posizione corretta
Quasi come in una gara di sguardi, alla fine il cervo si mette nella posizione corretta - © Tweed Media

Si trattava di un vecchio capo maestoso, del peso di circa 90 chilogrammi, e con rose così perlate e strutturate che sapevo di aver fatto bene ad avere pazienza. Questo capo avrebbe significato ancora di più per me, sapendo che era vecchio e che aveva vissuto una vita lunga e, speravo per i futuri cacciatori, fruttuosa nel grande, vecchio Midwest.

Un dettaglio del capo prelevato da Simon
Un dettaglio del capo prelevato da Simon - © Tweed Media

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.