Steve Hornady con il suo markhor. Anche in questo caso la caccia al trofeo ha dimostrato di essere funzionale alle esigenze di conservazione di una specie precedentemente a rischio di estinzione. Cruciale, nel processo di accettazione delle politiche di conservazione da parte delle popolazioni locali, è la valorizzazione economica delle specie selvatiche
Steve Hornady con il suo markhor. Anche in questo caso la caccia al trofeo ha dimostrato di essere funzionale alle esigenze di conservazione di una specie precedentemente a rischio di estinzione. Cruciale, nel processo di accettazione delle politiche di conservazione da parte delle popolazioni locali, è la valorizzazione economica delle specie selvatiche - © Tweed Media
Pubblicato il in Racconti
di

PAKISTAN - La posta in gioco è la conservazione del markhor

L'inclusione della caccia in un piano di conservazione è una mossa coraggiosa, ma il successo della strategia sul markhor in Pakistan dimostra che le soddisfazioni possono essere immense. Simon K. Barr è volato nell'Hindu Kush per unirsi a Steve Hornady alla ricerca di uno dei dodici markhor di cui il paese asiatico consente il prelievo ogni anno in un quadro di recupero della specie

Le montagne intorno a noi echeggiavano dei versi delle pernici, o chukar come le chiamano qui, e nei nostri cuori desideravamo che la smettessero e non disturbassero lo straordinario markhor (Capra Falconeri) che stavamo cercando. Era il primo giorno del nostro viaggio nell'Hindu Kush, ai piedi dell'Himalaya. Con il cannocchiale avevamo visto una mandria svalicare una cresta. Era l'alba e le corna imponenti, le lunghe barbe e i mantelli drappeggiati di queste creature dall'aspetto insolito si stagliavano all'orizzonte, in tutta la loro gloria. La fortuna ci ha favorito, regalandoci uno spettacolo unico, un'incredibile introduzione a questa creatura celestiale, l'animale nazionale del Pakistan.

L'Hindu Kush è una catena montuosa lunga circa 1.000 chilometri che si estende dall'Afghanistan centro-occidentale alla Provincia del nord-ovest del Pakistan. La cima più elevata è il Tirich Mir (7.690 m)
L'Hindu Kush è una catena montuosa lunga circa 1.000 chilometri che si estende dall'Afghanistan centro-occidentale alla Provincia del nord-ovest del Pakistan. La cima più elevata è il Tirich Mir (7.690 m) - © Tweed Media

Era tardi nella stagione quando Steve Hornady e io ci siamo imbarcati in questa audace avventura; con l'avvicinarsi della primavera, gli animali si stavano spostando su un terreno più elevato per trovare temperature più fredde e le condizioni nevose del loro habitat abituale, ad alta quota. Per metterci in una potenziale posizione di tiro, abbiamo camminato nel fondovalle, mentre gli "osservatori" hanno tentato di spostare gli animali camminando a più di mille metri da loro, usando il loro odore umano per spostarli senza stress eccessivi. Che cosa poteva andare storto?

Steve Hornady, titolare della licenza, è l'amministratore della rinomata azienda di munizionamento che porta il suo cognome
Steve Hornady, titolare della licenza, è l'amministratore della rinomata azienda di munizionamento che porta il suo cognome - © Tweed Media

Quattro giorni di ricerche

Contrariamente alle aspettative, all'inizio queste manovre sono risultate infruttuose, cosa che non ha sorpreso le nostre esperte guide che già ci avevano avvertito che i markhor sono una specie vigile, agile, con una vista eccellente. È difficile entrare nel raggio di tiro senza essere scoperti e la squadra degli osservatori generalmente trascorre diversi giorni in montagna prima di una caccia, perlustrando l'area alla ricerca dell'animale giusto, sbinocolando, per vedere dove si trovano le mandrie e i maschi più anziani.

La caccia al markhor richiede l'impiego di un congruo numero di osservatori per avvicinare i selvatici al cacciatore. Una pratica che può apparire discutibile ma che è l'unica a consentire tiri a distanze accettabili; non si deve dimenticare che le poche licenze rilasciate ogni anno sono fondamentali per il sostegno delle comunità locali e la sopravvivenza della specie. L'attività di osservazione - con il binocolo o con il lungo - è una delle principali attività della giornata
La caccia al markhor richiede l'impiego di un congruo numero di osservatori per avvicinare i selvatici al cacciatore. Una pratica che può apparire discutibile ma che è l'unica a consentire tiri a distanze accettabili; non si deve dimenticare che le poche licenze rilasciate ogni anno sono fondamentali per il sostegno delle comunità locali e la sopravvivenza della specie. L'attività di osservazione - con il binocolo o con il lungo - è una delle principali attività della giornata - © Tweed Media

Il re indiscusso del genere Capra si è rivelato sfuggente fino alla quinta giornata. Ogni giorno vedevamo un gruppo attraversare un pendio lontano, fuori portata, e ci impegnavamo in ascese complicate per raggiungere una posizione di tiro adeguata. Ma la nostra strategia non funzionava, il tempo si stava solo facendo più caldo e l'opportunità stava svanendo.

La stagione venatoria va tipicamente da novembre ad aprile e, anche se la caccia non è adatta a tutti, coloro che la intraprendono saranno ricompensati da paesaggi mozzafiato, un'avventura impegnativa e la soddisfazione di sapere che stanno contribuendo alla conservazione di una magnifica specie ancora in pericolo
La stagione venatoria va tipicamente da novembre ad aprile e, anche se la caccia non è adatta a tutti, coloro che la intraprendono saranno ricompensati da paesaggi mozzafiato, un'avventura impegnativa e la soddisfazione di sapere che stanno contribuendo alla conservazione di una magnifica specie ancora in pericolo - © Tweed Media

Queste lunghe giornate di cerca sono state fisicamente estenuanti, sia per me che per il settantaquattrenne Steve. I ripidi pendii e gli affioramenti rocciosi del terreno dell'Hindu Kush sono insidiosi e i cacciatori devono essere fisicamente in grado di resistere sia a quelli sia alle temperature imprevedibili, spesso sotto lo zero.

L'attrezzatura di Steve prevede l'impiego della cartuccia Hornady ELD-X nel calibro .300 Ruger compact magnum. Disegnato dallo storico produttore americano che le ha dato il nome, questo calibro intende replicare le performance del .300 WM in una cartuccia impiegabile in azioni corte
L'attrezzatura di Steve prevede l'impiego della cartuccia Hornady ELD-X nel calibro .300 Ruger compact magnum. Disegnato dallo storico produttore americano che le ha dato il nome, questo calibro intende replicare le performance del .300 WM in una cartuccia impiegabile in azioni corte - © Tweed Media

Non ero sicuro di cosa mi colpisse di più, fino a quel momento: la resilienza di Steve o l'intraprendenza del markhor. Ho osservato una di queste capre di montagna, alla ricerca di nutrimento, saltare su un albero come un gatto e iniziare a mangiare le foglie dei rami superiori. Ho avuto la mia risposta.

Il riscatto di una nazione può passare dalla gestione della fauna

I numerosi momenti di osservazione, binocolo alla mano, hanno fornito molte opportunità per riflettere sull'importanza di ciò che è stato realizzato nel nord del Pakistan. Negli ultimi decenni, si è sviluppata una notevole preoccupazione per il markhor; le sparute popolazioni superstiti hanno fatto sì che la specie fosse inserita nella lista critically endangered (in pericolo critico) dell'Unione internazionale per la conservazione della natura (Iucn). Tutte e tre le sottospecie di markhor in Pakistan sono state minacciate dalla perdita dell'habitat, dal bracconaggio e dalla pressione della caccia illegale. Gli allevatori di capre locali li vedevano come parassiti in competizione con il bestiame domestico per le limitate fonti di cibo. Di conseguenza, sono stati trattati come animali nocivi e uccisi indiscriminatamente.

L'area di caccia si estende all'interno di una riserva di 95.000 ettari dedicata alla conservazione del markhor. L'attività venatoria ha permesso di migliorare lo status della specie da critically endangered a near threatened
L'area di caccia si estende all'interno di una riserva di 95.000 ettari dedicata alla conservazione del markhor. L'attività venatoria ha permesso di migliorare lo status della specie da critically endangered a near threatened - © Tweed Media

Sono stati l'Iucn e il governo del Pakistan a intervenire e ad aiutare le comunità locali a vedere il markhor sotto una luce diversa. Hanno ideato un piano per proteggere il markhor nel suo insieme e hanno rilasciato un numero limitato di licenze per cacciare i maschi oltre l'età riproduttiva. Credevano che questa mossa avrebbe offerto ai cacciatori la possibilità, a un costo considerevole, di cacciare maschi maturi selezionati e che il denaro delle licenze potesse essere reinvestito a livello di comunità locali, offrendo una prospettiva alla popolazione. Come parte del piano, sono stati impiegati osservatori per proteggere i selvatici dai bracconieri, guidare i cacciatori e far rispettare le rigide linee guida sviluppate per garantire la sostenibilità del prelievo.

Cambia la percezione

Quasi immediatamente la gente del posto ha smesso di considerare il markhor come un parassita e ha iniziato a considerarlo una risorsa preziosa. I locali hanno interrotto gli abbattimenti e hanno iniziato a proteggere le mandrie in sofferenza. Sono diventati orgogliosi di conoscere il selvatico e le loro abitudini. Sono diventati custodi, li hanno protetti e hanno mostrato a un ristretto numero di cacciatori d'oltremare come individuarli e insidiarli nel loro habitat naturale.

L'Hindu Kush è diviso tra Pakistan e Afghanistan. Certamente non una delle zone più pacifiche al mondo come dimostra l'equipaggiamento dei ranger accompagnatori
L'Hindu Kush è diviso tra Pakistan e Afghanistan. Certamente non una delle zone più pacifiche al mondo come dimostra l'equipaggiamento dei ranger accompagnatori - © Tweed Media

Come risultato diretto di questo programma di caccia al trofeo strettamente limitato, il numero di markhor in Pakistan è aumentato da circa 2.000 a oltre 4.500 unità. Ha avuto un tale successo che nel 2015 i markhor sono stati rimossi dall'elenco critically endangered e ora sono classificati come near threatened (specie quasi minacciata).

L'assistente speciale del Primo ministro per i cambiamenti climatici, Malik Amin Aslam, afferma che il suo ufficio ha sostenuto la caccia regolamentata come un passo determinante per la conservazione. «Gli animali che hanno raggiunto la fine della loro vita riproduttiva vengono concessi per la caccia al trofeo. Il governo trattiene il 20% del denaro generato dalle aste per le licenze, il restante ricavato va allo sviluppo delle comunità locali, che in cambio diventano custodi dell'habitat e dei loro animali e li proteggono dal bracconaggio», afferma. «La caccia ai trofei si è rivelata vincente nel Gilgit-Baltistan, dove markhor, stambecchi e pecore Marco Polo erano quasi estinti e ora prosperano. La soluzione è stata proprio la caccia».

Il primo giorno è stato allietato da vari avvistamenti, tra cui questi giovani esemplari appartenenti a un gruppo piuttosto numeroso. Il selvatico da prelevare viene selezionato tra quelli più maturi, che hanno terminato la fase riproduttiva
Il primo giorno è stato allietato da vari avvistamenti, tra cui questi giovani esemplari appartenenti a un gruppo piuttosto numeroso. Il selvatico da prelevare viene selezionato tra quelli più maturi, che hanno terminato la fase riproduttiva - © Tweed Media

Mentre molti al di fuori della comunità dei cacciatori sarebbero indignati dall'idea che animali in via di estinzione vengano uccisi al fine della conservazione della specie, il Pakistan insegna che la caccia al trofeo può essere una storia di successo. Se praticata con cognizione scientifica, la caccia è uno strumento efficace nella conservazione della fauna selvatica e sostiene le specie in via di estinzione, in particolare quando sono coinvolte tutte le parti, inclusi il governo, le agenzie e le comunità locali.

Quinto giorno

Finalmente uno degli osservatori ci contattò in uno stato di grande eccitazione: aveva visto un gruppo di markhor e tra i suoi ranghi c'era un maschio maturo, un buon candidato per un prelievo responsabile. Il gruppo era ancora a 1.300 metri di distanza, quindi ci siamo seduti pazientemente; è iniziato un gioco d'attesa: si sarebbe avvicinato abbastanza da consentire il tiro?

Un bel esemplare di markhor. Tre sono le sottospecie esistenti. Il Pakistan concede quattro licenze per ciascuna di esse
Un bel esemplare di markhor. Tre sono le sottospecie esistenti. Il Pakistan concede quattro licenze per ciascuna di esse - © Tweed Media

Abbiamo osservato gli animali che pascolavano tranquilli per cinque ore mentre si spostavano dalla loro posizione iniziale. Più si avvicinavano, più Steve doveva mantenere i nervi saldi; alla fine ha avuto la possibilità di un tiro consapevole pur se impegnativo. Il colpo di Steve ha dimostrato i suoi molti anni di esperienza di caccia in montagna. Alla fine, a 480 iarde (439 metri), con un considerevole angolo di sito ma aiutato dai calcoli balistici del Leica Geovid Pro 32, ha sparato il "suo" proiettile da 178 grani, impressionando tutti coloro che lo hanno assistito. Compreso lui, che è una delle poche persone che conosco che spara munizioni con il proprio cognome stampigliato sul fondello.

Dopo cinque ore di attesa, Steve ha potuto sparare al
Dopo cinque ore di attesa, Steve ha potuto sparare al "suo" markhor. Si è trattato di un tiro impegnativo, oltre i 400 metri, giustificato dal contesto ambientale asiatico - © Tweed Media

Quando il markhor è caduto, ignaro di noi e di ciò che era accaduto, era su un dirupo a strapiombo. Gli osservatori hanno dovuto attraversare un terreno che sfidava la morte per riportare l'animale alla nostra posizione nel fondovalle. In cambio del loro duro lavoro, hanno ottenuto i migliori tagli per la pentola, un piccolo ma importante ringraziamento per il lavoro che svolgono per questa straordinaria storia di conservazione.

Il fine non è sempre lieto

È stato impressionante vedere da vicino questo maestoso animale, dopo aver passato una settimana a osservarlo da oltre mille metri di distanza. Siamo rimasti affascinati dalle sue lunghe corna a spirale, che sono viste come simbolo di forza e potere in questa regione che troppo spesso sperimenta una così grave instabilità. Giocano un ruolo cruciale nella sopravvivenza dell'animale: vengono infatti utilizzate per le battaglie territoriali e come mezzo di difesa contro i predatori, principalmente il leopardo delle nevi e il lupo himalayano.

Il recupero del capo abbattuto da Steve è stato complesso e pericoloso in quanto l'animale è caduto lungo una ripida parete rocciosa
Il recupero del capo abbattuto da Steve è stato complesso e pericoloso in quanto l'animale è caduto lungo una ripida parete rocciosa - © Tweed Media

È chiaro il motivo per cui esiste un mercato per i cacciatori interessati a un trofeo così bello. Ma questo non spiega perché persone come Steve viaggino in tutto il mondo per assaporare questa esperienza. Non racconta lo spirito di avventura o l'estenuante sfida della caccia. Non dice nulla della collaborazione con le comunità locali, che nel tempo ha portato alla costruzione di un nuovo ponte sul fiume Indo, una conduttura di 8 km che rifornisce di acqua fresca i villaggi e la ristrutturazione di una scuola locale. E non dice niente neppure della bellezza della regione, della cultura locale e delle pratiche di caccia sostenibili che si sono dimostrate fondamentali per preservare la specie per le generazioni future.

Il markhor presenta un evidente dimorfismo sessuale anche se il trofeo è presente in entrambi i generi. Le caratteristiche corna
Il markhor presenta un evidente dimorfismo sessuale anche se il trofeo è presente in entrambi i generi. Le caratteristiche corna "a cavatappi" nei maschi possono raggiungere i 160 centimetri (25 nelle femmine) - © Tweed Media

La caccia al trofeo ha salvato il markhor dall'estinzione. Aver contribuito a questo programma ha dato a Steve un'immensa soddisfazione. Ma non sempre c'è un lieto fine. Negli ultimi mesi, le popolazioni di markhor interessate da una crescita così incredibile hanno iniziato nuovamente a diminuire, in parte a causa dell'aumento del bracconaggio e in parte a causa delle barriere di confine con l'Afganistan che ne hanno limitato i movimenti. Il lavoro degli osservatori e dei custodi non è mai stato così essenziale e, a giudicare dalla grinta e dalla determinazione a cui ho assistito, possiamo essere certi che il futuro del markhor è in buone mani.

Traduzione a cura di Matteo Brogi

Anche in questo caso il successo del cacciatore è distribuito tra un numero notevole di persone che, collaborando ciascuno secondo le proprie conoscenze, hanno permesso il buon esito della settimana di caccia
Anche in questo caso il successo del cacciatore è distribuito tra un numero notevole di persone che, collaborando ciascuno secondo le proprie conoscenze, hanno permesso il buon esito della settimana di caccia - © Tweed Media

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.


Altri articoli dalla sezione Racconti

ZIMBABWE, un viaggio nel cuore selvaggio dell'Africa
Pubblicato il in Racconti
di Redazione
ZIMBABWE, un viaggio nel cuore selvaggio dell'Africa

Riflessioni su un safari in Zimbabwe di Marc Newton - ceo di John Rigby & Co. - alla scoperta della cultura e delle tradizioni africane e di se stessi >>

INDIA - La storia della mangiatrice di uomini di Talla Des
Pubblicato il in Racconti
di Redazione
INDIA - La storia della mangiatrice di uomini di Talla Des

La tigre mangiatrice di uomini di Talla Des fu abbattuta da Jim Corbett il 12 aprile 1929, dopo quattro giorni di ricerca e sei colpi >>

SCOZIA - Caccia alle grouse negli Scottish borders
Pubblicato il in Racconti
di
SCOZIA - Caccia alle grouse negli Scottish borders

A caccia di grouse negli Scottish boders con Simon Barr, la sua doppietta Rigby e un ristretto numero di amici appassionati del selvatico simbolo della Scozia >>

INGHILTERRA - Un capriolo d'oro nel Sussex
Pubblicato il in Racconti
di
INGHILTERRA - Un capriolo d'oro nel Sussex

Simon K. Barr preleva nel Sussex, in Inghilterra, un bellissimo esemplare di capriolo. La sua prima medaglia d'oro >>