Pubblicato il in Armi e accessori
di Matteo Brogi

Sabatti Rover Shooter: dal 2024 con il calcio a matrice di carbonio

È già tempo di restyling. La gamma 2024 della carabina ibrida Shooter presenta alcune novità, tra cui spicca una nuova calciatura a base carbonio. Pur essendo particolarmente rigida, è in grado di smorzare le vibrazioni generate dal rinculo ed esalta la precisione dell'arma ibrida per eccellenza della produzione Sabatti

Dal lancio della nuova Rover sono passati esattamente due anni. Era l'inizio di novembre 2021 quando Sabatti invitò la stampa specializzata nello showroom di Sarezzo - anche questo una novità per il produttore gardonese - per svelare la carabina che sostituiva, aggiornandolo, un modello che aveva fatto la sua storia recente. Al momento del lancio, la nuova Rover era proposta in una gamma di nove allestimenti, tutti caratterizzati da un'azione e un otturatore completamente riprogettati, nuovi materiali, nuove tecniche di produzione e un assortimento di configurazioni tanto ampio da includere una moltitudine di impieghi specialistici. Dalla caccia al tiro sportivo.

Viste laterali della carabina Sabatti Rover Shooter in calibro .308 Winchester (lo si evince dal caricatore Aics)
Viste laterali della carabina Sabatti Rover Shooter in calibro .308 Winchester (lo si evince dal caricatore Aics) - © Sabatti

A partire da quella data sono stati introdotti ulteriori allestimenti e le continue migliorie che interessano la produzione Sabatti hanno portato al restyling del modello Shooter, primo aggiornamento della gamma 2024. Hunting Log l'ha provato e lo presenta in anteprima.

L'otturatore è realizzato con macchine CNC; l'oliva del manubrio è sostituibile
L'otturatore è realizzato con macchine CNC; l'oliva del manubrio è sostituibile - © Matteo Brogi

Per la caccia e per il tiro

Il nome dell'arma identifica in maniera diretta uno strumento ibrido, che ben si presta all'impiego venatorio e a quello sportivo. Non si tratta di un invito a ingaggiare il selvatico a distanze superiori a quelle considerate eticamente accettabili quanto, piuttosto, della proposta di uno strumento che può dare soddisfazione anche a chi sia interessato al tiro in poligono, magari nelle gare del circuito cacciatori oppure in specialità come la Prs (Precision rifle series) che esaltano le capacità di adattamento a contesti operativi e venatori variegati.

Sabatti Rover Shooter: la differenza è la calciatura

A distinguere esteticamente la nuova Shooter dal precedente allestimento sono apparentemente pochi dettagli: il colore della calciatura, la conformazione della guardia del grilletto e il freno di bocca, ora a due camere e non più a tre. Se la modifica della guardia è di carattere più che altro estetico e si uniforma a quella tendenza alle linee squadrate che caratterizza i nostri tempi, ben più significativa è quella che investe il calcio. Emanuele Sabatti la definisce «una vera rivoluzione» perché porta una serie di migliorie che hanno anche effetti funzionali. La tecnologia che viene applicata si chiama ICM (Injected carbon matrix) e definisce un sistema a matrice di carbonio iniettata in una resina legante; la composizione è ripartita al 50% tra la fibra di carbonio e la resina.

La carabina Sabatti Rover Shooter nell'allestimento 2024 (in alto) e 2022 (in basso). Nonostante alcune modifiche, il cuore dell'arma non cambia
La carabina Sabatti Rover Shooter nell'allestimento 2024 (in alto) e 2022 (in basso). Nonostante alcune modifiche, il cuore dell'arma non cambia - © Sabatti

La calciatura ICM ha un peso superiore a quelle realizzate per sovrapposizione di successivi strati di fibra di carbonio; si avvicinerà piuttosto a quello di una classica calciatura in nylon caricata con fibra di vetro. Presenta però una serie di pregi indiscutibili: un prezzo di produzione inferiore, rigidità elevata, resistenza che si avvicina a quella dell'alluminio e capacità di assorbire molto meglio le vibrazioni prodotte all'atto dello sparo. Un complesso di caratteristiche che permette di minimizzare le turbative che influiscono sulla precisione dell'arma.

La pala del calcio porta un nasello sostituibile. Tre le altezze rese disponibili da un kit opzionale
La pala del calcio porta un nasello sostituibile. Tre le altezze rese disponibili da un kit opzionale - © Matteo Brogi

A questo si affianca un ampio ventaglio di opzioni finalizzate alla personalizzazione del calcio: appositi spessori tra la pala e il calciolo permettono di variare la lop e il nasello è sostituibile con altri di altezza differente; tre sono quelli a catalogo. Sotto all'astina è posizionata una slitta M-Lok in acciaio con due slot per l'applicazione del bipiede e l'anello per la maglietta porta-cinghia.

Una slitta M-Lok in acciaio con due slot consente l'applicazione di un bipiede e monta l'anello per la maglietta porta-cinghia
Una slitta M-Lok in acciaio con due slot consente l'applicazione di un bipiede e monta l'anello per la maglietta porta-cinghia - © Matteo Brogi

Una meccanica affidabile

Nessuna variazione interessa il cuore dell'arma. La rinnovata azione Rover di Sabatti è ottenuta con moderni centri a controllo numerico da un forgiato in Ergal 55 ed è finita per anodizzazione dura. Una soluzione resa possibile dal fatto che l'otturatore va a chiudere direttamente nella barrel extension. Un anello d'acciaio funge da interfaccia tra l'azione e la canna che, grazie a questa configurazione, può essere sostituita a vantaggio della modularità del sistema. L'azione, in definitiva, è un fodero che comprende gli elementi funzionali del sistema. La parte superiore porta due spezzoni integrali di slitta Picatinny che favoriscono il montaggio del sistema di mira. Opzione indispensabile visto che sono assenti le mire metalliche.

Sull'azione, realizzata in lega leggera, sono macchinate due slitte Picatinny per il montaggio dell'ottica di puntamento
Sull'azione, realizzata in lega leggera, sono macchinate due slitte Picatinny per il montaggio dell'ottica di puntamento - © Matteo Brogi

L'otturatore, lavorato dal pieno, presenta una testina con tre tenoni disposti a 120° che ne permettono l'apertura ruotando di 60° la manetta. Questa, in apertura, è praticamente orizzontale così da non interferire neppure con i dispositivi di puntamento più ingombranti. Il pomello è sostituibile.

La testa dell'otturatore porta tre tenoni che chiudono direttamente nella barrell extension. L'apertura è resa possibile da una rotazione di 60 gradi del componente
La testa dell'otturatore porta tre tenoni che chiudono direttamente nella barrell extension. L'apertura è resa possibile da una rotazione di 60 gradi del componente - © Matteo Brogi

Per quanto riguarda lo scatto, anche la nuova Shooter adotta il modello a tre leve che rappresenta il vertice della produzione Sabatti. Il peso di sgancio è commisurato all'impiego. La sicura è a due posizioni e, quando inserita, blocca anche l'apertura dell'otturatore.

La sicura manuale, a due posizioni, blocca la rotazione dell'otturatore
La sicura manuale, a due posizioni, blocca la rotazione dell'otturatore - © Matteo Brogi

Tradizionale e rotomartellata: il classico di Sabatti

Il tubo della canna presenta alla volata un diametro di 20 mm pensato idealmente più per le esigenze sportive che non per il trasporto dello strumento a caccia. Non incide comunque in maniera eccessiva sulla massa complessiva, che si attesta sui 3.500 grammi, e contribuisce in maniera significativa alla precisione della Shooter, che si fa apprezzare anche a caccia. La rigatura è di tipo tradizionale, ottenuta mediante il processo di rotomartellatura a freddo, quello per intendersi che ha fatto la fortuna dell'azienda come fornitrice di tubi anche per la concorrenza.

Sul lato sinistro dell'azione è collocato il pulsante di sgancio dell'otturatore, di generose dimensioni
Sul lato sinistro dell'azione è collocato il pulsante di sgancio dell'otturatore, di generose dimensioni - © Matteo Brogi

Alla volata è presente un freno di bocca tipo Jet brake (denominazione del produttore) con due luci per lato. Si ispira ai dispositivi a destinazione tattica ed è realizzato in alluminio così da ridurne il peso e non incidere sul regime vibratorio della canna. La scelta di questo materiale impone una finitura per anodizzazione dura a spessore, uno dei trattamenti galvanici più resistenti.

Il freno di bocca Jet brake presenta due aperture che permettono ai gas di deflettere all'indietro, compensando il moto associato al rinculo
Il freno di bocca Jet brake presenta due aperture che permettono ai gas di deflettere all'indietro, compensando il moto associato al rinculo - © Matteo Brogi

L'alimentazione è resa possibile da un caricatore sostituibile, in polimero. Si sgancia agendo sulla corposa leva posta davanti alla guardia del grilletto. Per il calibro .308 Winchester - quello dell'arma in prova - segue lo standard Aics (Accuracy international compatible system) ed è offerto nelle versioni da 4 e 7 colpi; negli altri calibri il disegno è proprietario ed è disponibile nelle varianti da 3 e 7 colpi.

Nuovo è il disegno della guardia del grilletto, ora più squadrata. Nella sua parte anteriore è collocato il comando di sgancio del caricatore
Nuovo è il disegno della guardia del grilletto, ora più squadrata. Nella sua parte anteriore è collocato il comando di sgancio del caricatore - © Matteo Brogi

Precisione e costanza di rendimento

L'arma in prova montava un'ottica Sightmark Presidio 3-18x50 con reticolo illuminato adatta a una molteplicità di impieghi. Ho provato in poligono quattro cariche che includevano munizionamento convenzionale e atossico, commerciale e ricaricato con palla MRR, sempre di produzione Sabatti; è stato quest'ultimo - con proiettile monolitico in rame - a ottenere le migliori prestazioni, con un raggruppamento contenuto nei due terzi di moa. Tutte le opzioni in prova hanno comunque fornito rosate più che adeguate all'impiego venatorio e contenute nel moa. I bossoli risultanti dallo sparo presentavano l'innesco colpito correttamente in zona centrale e pareti in ottime condizioni, a conferma della qualità realizzativa della camera di cartuccia.

Il test ha coinvolto munizionamento convenzionale e atossico, commerciale e ricaricato
Il test ha coinvolto munizionamento convenzionale e atossico, commerciale e ricaricato - © Matteo Brogi

Al di là del dato relativo alla precisione, che pure è importantissimo, mi ha colpito in modo estremamente favorevole la rigidità del sistema che ha permesso di spremere tutte le doti di precisione di una carabina dalla canna di lunghezza particolarmente contenuta. Per quanto di breve durata, il test ha confermato le doti di una calciatura rigida ma sufficientemente elastica per assorbire il rinculo a tutto vantaggio del comfort di tiro e della precisione. La presenza del Jet brake, in abbinamento a un calibro non esuberante, ha permesso di rimanere sul bersaglio in maniera agevole. Un benefit che si fa apprezzare in particolare a caccia, dove è fondamentale valutare le reazioni del selvatico sull'Anschuss e l'eventuale direzione di fuga.

La migliore rosata è stata ottenuta con munizioni ricaricate con palla MRR. I caricamenti commerciali hanno comunque garantito una precisione molto elevata
La migliore rosata è stata ottenuta con munizioni ricaricate con palla MRR. I caricamenti commerciali hanno comunque garantito una precisione molto elevata - © Matteo Brogi

SCHEDA TECNICA

Produttore: Sabatti
Modello: Rover Shooter
Tipologia: carabina bolt action
Calibro: .308 Winchester
Lunghezza della canna: 510 mm
Lunghezza totale: 1.020 mm
Organi di mira: assenti
Caricatore: Aics, 7 colpi
Scatto: tre leve Match
Sicurezze: manuale a due posizioni
Materiali utilizzati: lega leggera, acciaio, polimero a matrice di carbonio
Finiture: brunitura opaca
Peso: 3.500 g
Prezzo al pubblico: 1.350 euro (2024)

TEST

Matricola arma: RR20548
Ottica impiegata: Sightmark Presidio 3-18x50
Peso di sgancio: 618 g

Condizioni del test

Meteo: nuvoloso
Altitudine: 360 m slm : nuvoloso
Pressione atmosferica: 1.004 hPa
Temperatura: 16°
Umidità relativa: 74%

Munizione 1

Produttore: MRR, ricarica manuale
Palla: Green hunting, 152 gr
V0 rilevata: 780 m/s
E0 effettiva: 2.938 J
Rosata: 18 mm
Distributore: Sabatti Armi

Munizione 2

Produttore: Sako
Modello: Powerhead
Palla: Blade, 162 gr
V0 dichiarata: 815 m/s
V0 rilevata: 823 m/s
E0 dichiarata: 3.423 J
E0 effettiva: 3.486 J
Rosata: 18 mm
Distributore: Beretta

Munizione 3

Produttore: Barnes
Modello: VorTx
Palla: Ttsx, 168 gr
V0 dichiarata: 823 m/s
V0 rilevata: 852 m/s
E0 dichiarata: 3.648 J
E0 effettiva: 3.875 J
Rosata: 20 mm
Distributore: Paganini

Munizione 4

Produttore: Fiocchi
Modello: Perfecta
Palla: Sierra Match King, 175 gr
V0 dichiarata: 800 m/s
V0 rilevata: 771 m/s
E0 dichiarata: 3.629 J
E0 effettiva: 3.305 J
Rosata: 26 mm

Note
La velocità è ricavata dalla media di 5 letture effettuate con cronografo MagnetoSpeed V3 ballistic cronograph.
La rosata di 3 colpi è calcolata misurando i centri dei due colpi più lontani sparando a 100 metri in appoggio antero-posteriore.
Il test è stato effettuato il 25 ottobre 2023 presso il tunnel di tiro di Sabatti Armi alla distanza di 50 metri.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.


Altri articoli dalla sezione Armi e accessori

Forward F455S: la nuova generazione di clip-on digitale di Pulsar
Pubblicato il in Armi e accessori
di Matteo Brogi
Forward F455S: la nuova generazione di clip-on digitale di Pulsar

Il Pulsar Forward F455S è un clip-on digitale che fornisce alte prestazioni sia con l'illuminatore IR sia in modalità di rilevazione della radiazione passiva >>

Raffaello Be Diamond AI BEST, la summa della tecnologia Benelli
Pubblicato il in Armi e accessori
di Matteo Brogi
Raffaello Be Diamond AI BEST, la summa della tecnologia Benelli

La prova al poligono e a caccia del fucile semiautomatico Raffaello Be Diamond AI BEST conferma le qualità delle canne Advanced Impact brevettate da Benelli >>

Pedersoli Kodiak Express MK VI, un express per cinghiali (ma non solo)
Pubblicato il in Armi e accessori
di Matteo Brogi
Pedersoli Kodiak Express MK VI, un express per cinghiali (ma non solo)

La carabina express Pedersoli Kodiak Express MK VI ad avancarica unisce il sapore della tradizione alla sicurezza dalla tecnologia contemporanea >>

Munizioni: atossiche ma non solo. Le novità di IWA 2024
Pubblicato il in Armi e accessori
di Matteo Brogi
Munizioni: atossiche ma non solo. Le novità di IWA 2024

A IWA 2024 sono state presentate alcune novità anche nel settore del munizionamento da caccia. Sia atossico che convenzionale >>