Secondo i giudici l'abbattimento non compromette la complessiva integrità della specie animale tutelata
Secondo i giudici l'abbattimento non compromette la complessiva integrità della specie animale tutelata - © Rufus46
Pubblicato il in Attualità
di Redazione

Abbattimento lupi: il Tar boccia gli animalisti

Il Tar di Trento, chiamato a giudicare i ricorsi degli animalisti, non ha accolto la richiesta di sospensiva dando di fatto il via libera all'abbattimento dei due lupi

Il Tribunale amministrativo di Trento, con ben tre distinti decreti, ha respinto nuovamente le richieste delle associazioni animaliste, Enpa, Oipa, Leidaa, Lav, Wwf e Leal, di sospendere il decreto di abbattimento di due lupi firmata dal Presidente della Provincia di Trento Maurizio Fugatti. La decisione di abbattere i due esemplari è stata presa dopo che un branco sui Monti Lesini, in particolare in località Malga Bordera, si è reso protagonista di numerosi attacchi a danno di animali da reddito in poche settimane. Il Tar ha poi fissato per il 12 settembre la trattazione dei ricorsi, ma per quella data i due lupi porterebbero essere già stati abbattuti.

«Il prelievo mediante uccisione di soli due individui nell'ambito del branco - hanno scritto i giudici amministrativi - per certo non compromette la complessiva integrità della specie animale tutelata, con riguardo alla sua consistenza numerica non solo nell'intero territorio italiano e del Trentino ma anche nella stessa area geografica della Lessinia (dove sono attualmente presenti almeno 30 esemplari di lupo)». Ma non solo. «Tale misura può assumere la funzione di legittimo ed efficace strumento di tutela del patrimonio zootecnico locale, che non solo è cespite fondamentale per l'economia del territorio, ma è anche un elemento portante per la stessa cultura antropica di quest'ultimo, assolutamente coerente con la necessaria integrità dell'attuale contesto ambientale». Parole che pesano come macigni nei confronti di istanze, quelle degli animalisti, che avevano sempre sostenuto l'importanza della tutela del singolo esemplare per tutelare la specie nel suo insieme.

Le associazioni animaliste, ovviamente contrariate, annunciano la volontà di proseguire la battaglia legale ricorrendo al Consiglio di Stato impugnando la sentenza del Tar, ma, a giudicare dalle ultime puntate, pare proprio che il vento sia davvero cambiato e che la giurisprudenza, dopo anni di appiattimento sulle posizioni dei ricorrenti, stia lentamente spostandosi su posizioni di buon senso.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Attualità

Psa: polizia
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Psa: polizia "neutralizza" gli animalisti per consentire abbattimenti

Tra gli allevamenti colpiti dalla Psa anche un "rifugio" animalista dove è servito l'intervento della polizia per consentire ai veterinari di abbattere i maiali >>

Ricorso al Tar, in Lombardia la caccia resta aperta
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Ricorso al Tar, in Lombardia la caccia resta aperta

In Lombardia nessuna sospensione della stagione venatoria, discussione del ricorso fissata per l'11 dicembre >>

Calendario Emilia Romagna, si è espresso il Consiglio di Stato
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Calendario Emilia Romagna, si è espresso il Consiglio di Stato

Il Consiglio di Stato si è espresso sul ricorso presentato da Federcaccia Emilia Romagna per la riforma dell'ordinanza del Tar che ha sospeso il calendario >>

Caos zone umide, per il piombo la soluzione è negli emendamenti
Pubblicato il in Attualità
di Matteo Brogi
Caos zone umide, per il piombo la soluzione è negli emendamenti

Cabina di regia: emendamenti in sede parlamentare chiariscono l'interpretazione del Regolamento che vieta uso e trasporto di cartucce in piombo nelle zone umide >>