Il progetto di 'eradicazione del muflone è da considerarsi concluso
Il progetto di 'eradicazione del muflone è da considerarsi concluso - © Smichael21
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione

Abbattuti gli ultimi mufloni del Giglio. Vicenda conclusa?

Il Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano ha annunciato di aver eradicato il muflone dall'Isola del Giglio, ma la querelle potrebbe essere tutt'altro che conclusa

«Il progetto LIFE LETSGO Giglio per la parte che riguarda l'eradicazione del muflone è da considerarsi concluso», queste le parole utilizzate dal Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano per comunicare la fine delle operazioni di rimozione della specie dall'Isola del Giglio. Per farlo sono stati necessari due anni e il bilancio è stato di 35 capi abbattuti e 52 trasferiti. Ora, per tutto il 2024, si continuerà con i monitoraggi per essere certi che sull'isola non siano rimasti animali.

Questi due anni però sono stati tutt'altro che semplici. Il progetto di eradicazione del muflone è stato fin da subito avversato dalle solite associazioni animaliste e si è arrivati a siglare un accordo tra Pnat, Lav e Wwf che prevedeva la rimozione incruenta dei mufloni. Ciononostante le proteste non si sono placate e, anzi, sono sfociate in veri e propri atti di sabotaggio e danneggiamento ai danni degli operatori incaricati delle catture. Per questo alla fine è stato necessario, per riuscire nell'eradicazione, ricorrere agli abbattimenti dopo oltre un anno di sole catture. In un certo senso, proprio chi voleva salvare i mufloni ne ha causato la morte. Bizzarrie e controsensi dell'animalismo intransigente.

Ora la vicenda pare potersi considerare chiusa. O forse no. Come per la famosa Isla Nublar della saga ideata da Michael Crichton, Jurassic Park, potremmo scoprire che l'isola del Giglio è solo il "Sito A" e che a poca distanza da questo è presente un'altra isola dove i mufloni prosperano e dove ricominciare le operazioni di eradicazione.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Conservazione

Le zone umide salve anche grazie ai cacciatori
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
Le zone umide salve anche grazie ai cacciatori

Il 2 febbraio si celebra la Giornata Mondiale delle Zone Umide e i cacciatori sono tra gli attori principali della loro conservazione >>

In Trentino pronta la legge per abbattere gli orsi
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
In Trentino pronta la legge per abbattere gli orsi

La Giunta della Provincia autonoma di Trento ha approvato un disegno di legge che mira a rendere più facile la rimozione dei plantigradi problematici >>

L'impatto dei cani sulla fauna, un fenomeno preoccupante
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
L'impatto dei cani sulla fauna, un fenomeno preoccupante

Il Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise ha recentemente rilanciato uno studio che testimonia l'impatto negativo dei cani domestici sulla fauna selvatica >>

La lepre variabile
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
La lepre variabile "trasloca" in quota

Uno studio condotto da Ispra e dall'Università di Torino evidenzia uno spostamento verso quote maggiori della lepre variabile e le possibili cause >>