Il Tirolo al momento intende rimuovere altri sei esemplari oltre a quello appena abbattuto
Il Tirolo al momento intende rimuovere altri sei esemplari oltre a quello appena abbattuto - © Quartl
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione

Abbattuto il primo lupo in Tirolo

In Tirolo è stato legalmente prelevato il primo lupo dopo l'entrata in vigore della legge che ne facilita gli abbattimenti

In Tirolo è stato abbattuto il primo lupo dopo che, negli scorsi mesi, era stata approvata una legge per facilitarne il controllo. L'animale è stato prelevato a pochi km dal confine italiano. Le autorità di Innsbuck aveva infatti deciso di dichiarare guerra, questa l'espressione usata dall'assessore all'agricoltura del land Josef Geisler, perché specie non compatibile con le attività rurali tipiche della regione.

In Tirolo nel 2023 sono già una novantina gli animali da pascolo uccisi in attacchi di lupi e altri 150 risultano scomparsi. È sufficiente che un lupo si renda protagonista di più di un caso di uccisione di capi di bestiame o che uccida o ferisca almeno cinque pecore in un unico evento affinché l'animale possa essere oggetto di un'ordinanza di "rimozione". Lo scorso 8 luglio, nel confinante land Salisburghese, era stato abbattuto un altro esemplare per gli stessi motivi.

«Questo primo abbattimento - ha commentato Geisler - è un segnale importante. Il nostro obiettivo più urgente è la protezione dei nostri pascoli alpini. Questo è di grande importanza non solo per l'agricoltura, ma anche per la biodiversità, la protezione dai rischi naturali e il turismo». Al momento sono ancora sei i lupi che potranno essere abbattuti legalmente in Tirolo e uno nel Salisburghese ma, a giudicare dall'approccio mostrato, probabilmente verranno firmate altre autorizzazioni.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Conservazione

Le zone umide salve anche grazie ai cacciatori
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
Le zone umide salve anche grazie ai cacciatori

Il 2 febbraio si celebra la Giornata Mondiale delle Zone Umide e i cacciatori sono tra gli attori principali della loro conservazione >>

In Trentino pronta la legge per abbattere gli orsi
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
In Trentino pronta la legge per abbattere gli orsi

La Giunta della Provincia autonoma di Trento ha approvato un disegno di legge che mira a rendere più facile la rimozione dei plantigradi problematici >>

L'impatto dei cani sulla fauna, un fenomeno preoccupante
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
L'impatto dei cani sulla fauna, un fenomeno preoccupante

Il Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise ha recentemente rilanciato uno studio che testimonia l'impatto negativo dei cani domestici sulla fauna selvatica >>

La lepre variabile
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
La lepre variabile "trasloca" in quota

Uno studio condotto da Ispra e dall'Università di Torino evidenzia uno spostamento verso quote maggiori della lepre variabile e le possibili cause >>