Il sondaggio era principalmente incentrato sulla pratica dell'importazione dei trofei di caccia
Il sondaggio era principalmente incentrato sulla pratica dell'importazione dei trofei di caccia - © Ray in Manila
Pubblicato il in Attualità
di Redazione

Accettabilità di caccia e trofei, Italia fanalino di coda in Europa

Un sondaggio ha mostrato un atteggiamento positivo dei cittadini europei verso la pratica venatoria e i trofei di caccia. I dati relativi al nostro paese sono però i meno entusiasmanti

Una recente rilevazione commissionata alla società di sondaggi indipendente YouGo da parte di Face, Cic e altre realtà venatorie europee ha mostrato che che la maggior parte dei cittadini europei accetta la caccia, i cacciatori e l'importazione di trofei. Il sondaggio assume particolare rilevanza se si pensa che i decisori politici dell'Unione sono impegnati in questi mesi nella valutazione di norme che potrebbero sfociare in un bando dei trofei di caccia.

YouGov, tra il 30 ottobre e il 30 novembre 2023, ha intervistato online 7.188 adulti europei: 1.027 danesi, 2.045 tedeschi, 2.054 italiani, 1.003 polacchi e 1.059 spagnoli. Le interviste sono state ponderate per essere rappresentative a livello nazionale in base a dati demografici chiave quali età, sesso e regione sulla base delle statistiche ufficiali sulla popolazione. Sebbene i dati raccolti siano nel loro complesso positivi e mostrino come la pratica venatoria regolamentata e l'importazione legale dei trofei non trovino affatto in disaccordo i cittadini europei, l'Italia è risultata essere il fanalino di coda per quanto riguarda l'accettazione di tali attività.

In tutte le quattro domande sottoposte agli intervistati, l'Italia registra le percentuali più basse tra tutti i paesi nei quali sia stato condotto il sondaggio. Alla domanda «È accettabile che altre persone nel mio paese caccino se lo fanno legalmente e in conformità con le leggi e i regolamenti sulla caccia», solo il 45% degli italiani ha risposto di essere d'accordo. Per fare un raffronto basta pensare che il nostro paese è l'unico a registrare una percentuale al di sotto del 50% e che in Germania e Spagna i favorevoli sono rispettivamente il 60% e il 70%. Ad ogni modo, i cittadini che si dicono contrari nel nostro paese non superano un terzo della popolazione, il che lascia un discreto margine alla categoria per migliorare l'opinione collettiva nei prossimi anni.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Attualità

Non è stato un lupo ad aggredire l'uomo morto in Alto Adige
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Non è stato un lupo ad aggredire l'uomo morto in Alto Adige

Le indagini genetiche svolte sugli indumenti della vittima hanno portato all'individuazione della specie responsabile dei morsi >>

Psa, si allargano ancora le Zone di Restrizione. L'elenco completo
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Psa, si allargano ancora le Zone di Restrizione. L'elenco completo

La Commissione europea ha emanato una nuova versione del Regolamento che definisce i territori facenti parte delle zone di restrizione per la Psa >>

Psa, anche la Toscana tra le regioni coinvolte?
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Psa, anche la Toscana tra le regioni coinvolte?

Una carcassa positiva ritrovata a pochi km dal confine regionale porterà all'ennesimo allargamento della zona infetta, che quindi coinvolgerà anche la Toscana >>

Ecco come i cacciatori sono fondamentali per la biodiversità europea
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Ecco come i cacciatori sono fondamentali per la biodiversità europea

La Face ha scritto ai parlamentari europei per illustrare come il ruolo dei cacciatori nella tutela della biodiversità risulti fondamentale >>