Le modifiche sono inerenti ad una specifica forma di caccia, quella da appostamento
Le modifiche sono inerenti ad una specifica forma di caccia, quella da appostamento - © Estormiz
Pubblicato il in Attualità
di Redazione

Cambia la legge regionale lombarda

Il Consiglio regionale lombardo ha nuovamente modificato la l.r. 26/1993; ancora una volta le modifiche riguardano la caccia da appostamento

Sono state approvate martedì 31 ottobre le modifiche alla legge regionale sull'attività venatoria. Le proposte erano contenute in cinque emendamenti alla legge di revisione normativa ordinamentale 2023 depositati dai consiglieri Massardi e Bravo. Ancora una volta le modifiche sono inerenti ad una specifica forma di caccia, quella da appostamento, che in Lombardia è praticata da un gran numero di appassionati, in particolare nelle province di Brescia e Bergamo.

Si tratta per lo più di modifiche mirate a diminuire la discrezionalità interpretativa di chi è chiamato ad applicare la norma in caso di controllo e di alcune previsioni in materia di autorizzazioni e prescrizioni per i titolari di appostamento fisso. Ad esempio, una delle modifiche prevede che l'obbligo di screening di incidenza relativo alle zone Natura2000 sia valido solo per gli appostamenti ricompresi in tali aree e nel raggio di 100 metri e solo per i nuovi capanni e non per quelli già autorizzati. Grazie alle modifiche i cacciatori lombardi potranno ora recuperare la selvaggina ferita da appostamento fisso anche con l'ausilio del fucile entro un raggio di 200 metri dal capanno o per l'intera estensione dello specchio d'acqua nel caso di appostamento agli acquatici. Inoltre, si è nuovamente messa mano anche alla normativa riguardante gli anellini dei richiami vivi, argomento oggetto di svariate contestazioni e che tiene banco ormai da anni.

«Il risultato ottenuto, dopo serrati confronti, limature, aggiustamenti e rinunce ad altri emendamenti, ha prodotto un risultato certamente notevole» ha commentato il presidente regionale Fidc Lorenzo Bertacchi.
«Si auspica però che il Tavolo Interprovinciale, o meglio Regionale, - ha proseguito Bertacchi - diventi un momento di confronto preventivo delle proposte di modifica in materia venatoria utile a produrre proposte che tengano conto di tutte le esigenze territoriali e delle conseguenze di talune scelte lessicali nella predisposizione dei testi normativi e che dedichi pari attenzione a tutte le forme di caccia».

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Attualità

A Ravenna due giorni dedicati alla caccia ai migratori acquatici
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
A Ravenna due giorni dedicati alla caccia ai migratori acquatici

Si svolgerà questo fine settimana l'assemblea nazionale dell'Acma, la settoriale Federcaccia dedicata ai migratori acquatici >>

L'orsa JJ4 verrà trasferita in Germania come sua madre e non è un caso
Pubblicato il in Attualità
di Andrea Reversi
L'orsa JJ4 verrà trasferita in Germania come sua madre e non è un caso

L'animale responsabile della morte del podista Andrea Papi dovrebbe essere trasferito in Germania in autunno, seguendo una sorta di tradizione familiare >>

Bologna, gli Atc erogheranno
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Bologna, gli Atc erogheranno "taglie" per il controllo del cinghiale

La Città Metropolitana di Bologna e gli Atc hanno sottoscritto una convenzione che permetterà l'erogazione di un contributo per ogni cinghiale abbattuto >>

Peste suina, nuova ordinanza nazionale. Ecco le novità
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Peste suina, nuova ordinanza nazionale. Ecco le novità

Il Commissario Caputo ha emanato una nuova ordinanza che detta le regole per gestire l'epidemia di peste suina africana >>