Nell'ordinanza si sancisce nuovamente il divieto totale di prelievo venatorio del cinghiale in zona infetta
Nell'ordinanza si sancisce nuovamente il divieto totale di prelievo venatorio del cinghiale in zona infetta - © Andrea Dal Pian
Pubblicato il in Attualità
di Redazione

Emanata una nuova ordinanza Psa

Da oggi è in vigore una nuova ordinanza che detta le regole in materia di peste suina africana

È stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale ieri l'ordinanza che, a far data da oggi 1 settembre 2023, normerà fino al 24 febbraio del prossimo anno i comportamenti e i divieti da adottare nella lotta contro la peste suina che, soprattuto dopo l'ingresso in alcuni allevamenti suinicoli della Lombardia, preoccupa sempre di più.

L'ordinanza definisce le misure di eradicazione, controllo e prevenzione che devono essere applicate nelle zone istituite in conformità al regolamento delegato (UE) n. 2020/687 e al regolamento di esecuzione (UE) n. 2023/594 sia nelle zone infette e nelle zone di restrizione parte II correlate a casi di PSA nelle popolazioni di cinghiale, sia in caso di sospetto e conferma di PSA in suini detenuti nelle relative zone di protezione e sorveglianza e zone di restrizione parte III. Vengono inoltre dettate regole anche per le zone confinanti.

Il documento ricalca a grandi linee quanto previsto dalla precedente ordinanza e adatta i principi già noti all'evoluzione della malattia registrata negli ultimi mesi. Visto però l'appropinquarsi della stagione venatoria, il documento si preoccupa anche di dettare disposizioni in materia di caccia. In zona infetta è vietata l'attività venatoria collettiva (caccia collettiva effettuata con più di tre operatori) di qualsiasi tipologia e a qualsiasi specie e resta assolutamente vietata l'attività venatoria nei confronti della specie cinghiale. Sono consentite invece le altre forme di caccia, comprese quelle che prevedono l'utilizzo del cane, purché nel rispetto dei protocolli di biosicurezza. I cacciatori, cinghialai a parte, possono dunque tirare un sospiro di sollievo.

Vengono poi dettate le modalità di controllo faunistico che sarà messo in campo sopratutto al fine di prevenire la diffusione della PSA nelle aree prossime al confine esterno della zona di restrizione II. Si specifica che la scelta dei metodi di intervento è da ricondurre solo alla classificazione in zona di restrizione indipendentemente dalla classificazione faunistica del territorio interessato e che le misure previste per i piani di depopolamento del cinghiale si applicano anche nelle aree protette a ogni livello. La lotta alla malattia prosegue dunque nel segno della normalizzazione da una parte e dell'accelerazione delle operazioni di depopolamento dall'altra.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Attualità

Non è stato un lupo ad aggredire l'uomo morto in Alto Adige
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Non è stato un lupo ad aggredire l'uomo morto in Alto Adige

Le indagini genetiche svolte sugli indumenti della vittima hanno portato all'individuazione della specie responsabile dei morsi >>

Psa, si allargano ancora le Zone di Restrizione. L'elenco completo
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Psa, si allargano ancora le Zone di Restrizione. L'elenco completo

La Commissione europea ha emanato una nuova versione del Regolamento che definisce i territori facenti parte delle zone di restrizione per la Psa >>

Psa, anche la Toscana tra le regioni coinvolte?
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Psa, anche la Toscana tra le regioni coinvolte?

Una carcassa positiva ritrovata a pochi km dal confine regionale porterà all'ennesimo allargamento della zona infetta, che quindi coinvolgerà anche la Toscana >>

Ecco come i cacciatori sono fondamentali per la biodiversità europea
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Ecco come i cacciatori sono fondamentali per la biodiversità europea

La Face ha scritto ai parlamentari europei per illustrare come il ruolo dei cacciatori nella tutela della biodiversità risulti fondamentale >>