L'apertura generale è fissata per la terza domenica di settembre
L'apertura generale è fissata per la terza domenica di settembre - © Dennis Jarvis
Pubblicato il in Attualità
di Redazione

Emilia Romagna, approvato il calendario venatorio. Ecco i contenuti

Apertura generale alla terza domenica di settembre, due settimane di preapertura e tre mesi di caccia collettiva al cinghiale. Questi i principali contenuti del calendario venatorio

La Giunta regionale dell'Emilia Romagna ha approvato nella nella seduta di lunedì 27 maggio il calendario venatorio della prossima stagione. L'atto amministrativo, pur recependo alcuni contenuti del parere Ispra, ripercorre sostanzialmente quanto previsto dalla legge nazionale e dal documento dello scorso anno. Scorrendo le oltre 100 pagine del documento passiamo ora a evidenziare i principali contenuti.

Il calendario fissa l'apertura generale la terza domenica di settembre, sebbene per alcune specie - cornacchia grigia, ghiandaia, gazza e colombaccio - sia previsto il prelievo dal 2 settembre in "preapertura". Occorrerà però fare attenzione agli orari. Nel periodo compreso tra domenica 1° settembre e giovedì 12 settembre la caccia sarà consentita fino alle ore 13:00. Discorso analogo per la caccia vagante a stanziale e migratoria tra domenica 15 settembre e domenica 29 settembre. La caccia da appostamento seguirà invece i consueti orari della 157.

Per quanto riguarda il prelievo del cinghiale, al netto delle prescrizioni relative al contrasto della Psa, il prelievo in forma collettiva sarà possibile per un massimo di tre mesi nella finestra temporale compresa dal 2 ottobre al 30 gennaio. La braccata potrà essere praticata nelle giornate fisse di mercoledì, sabato e domenica mentre la girata in tre giornate a libera scelta. Come riportato in un nostro pretendere articolo, per il prelievo in selezione, aperto tutto l'anno, a partire da questa stagione sarà possibile cacciare fino a mezzanotte e con l'ausilio di strumenti per la visione notturna.

Dalla lettura del documento emergono inoltre dati interessanti per quanto non relativi alle prescrizioni per la prossima stagione. Tra i tanti, dalle tabelle inserite nel calendario, si rileva una pressoché costante diminuzione dei cacciatori residenti in Emilia Romagna e degli iscritti agli Atc regionali. I tesserini rilasciasti sono passati dai 32.296 del 2019 ai 27.363 della scorsa stagione con un calo percentuale di circa 15 punti in cinque anni. Ciononostante il numero complessivo dei prelievi stagionali è rimasto stabile.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Attualità

Pubblicato il in Attualità
di Redazione
"Basta fauna selvatica". Coldiretti scende in piazza

La principale associazione di categoria del mondo agricolo ha deciso di manifestare contro la fauna selvatica incontrollata >>

Torna l'incubo influenza aviaria?
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Torna l'incubo influenza aviaria?

Il primo caso di morte legato al ceppo H5N2 di influenza aviare riaccende i riflettori su una malattia fortemente correlata anche con l'attività venatoria >>

Svelate le modifiche alla legge sulla caccia
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Svelate le modifiche alla legge sulla caccia

L'onorevole Francesco Bruzzone in un video ha elencato le modifiche della 157 all'esame del Senato >>

Lombardia: «Da Ispra muro ideologico privo di supporto scientifico»
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Lombardia: «Da Ispra muro ideologico privo di supporto scientifico»

L'assessore all'Agricoltura, Sovranità alimentare e Foreste di Regione Lombardia ha attaccato Ispra in merito a questioni legate al mondo venatorio >>