Dopo aver eradicato i mufloni dall'Isola del Giglio l'ente parco intende rimuovere la specie anche dall'Elba
Dopo aver eradicato i mufloni dall'Isola del Giglio l'ente parco intende rimuovere la specie anche dall'Elba - © Fulvio Spada
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione

Eradicazioni, il Parco non si ferma al Giglio e ai mufloni

Dopo il progetto di eradicazione dall'Isola del Giglio il Pnat pensa in grande e pianifica la rimozione di mufloni e cinghiali dall'Elba

Pochi giorni fa, dando la notizia dell'avvenuta eradicazione del muflone dall'Isola del Giglio, avevamo concluso il nostro articolo adombrando la possibilità che la vicenda legata all'eradicazione della specie fosse tutt'altro che conclusa e, giocando sul parallelismo con la saga di Jurassik Park, che potesse "semplicemente" spostarsi su un'altra isola.

Ora la conferma è arrivata direttamente dal presidente del Pnat Giampiero Sammuri che, in un'intervista rilasciata a Il Tirreno, ha affermato che il progetto di eradicazione verrà esteso all'Isola d'Elba e che oltre al muflone si intende eradicare anche il cinghiale. Attualmente è infatti in corso lo studio di fattibilità che dovrebbe concludersi entro il mese di marzo per poi lasciare spazio alle operazioni di rimozione.

Sammuri, parlando dello studio di fattibilità, ha affermato che l'obiettivo dello stesso è valutare se si può procedere con l'eradicazione delle due specie e che nel farlo verranno tenuti in considerazione vari aspetti. Tra questi, quello strettamente tecnico, quello sociale e quello economico, definito "non trascurabile". Nell'intervista il presidente del Parco si è poi soffermato sul ruolo dell'attività venatoria. Sammuri ha affermando che i cacciatori elbani non sono affatto una causa di riduzione dei cingiali e ricordato che l'intera categoria si è dichiarata ostile all'eradicazione delle due specie.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Conservazione

Le zone umide salve anche grazie ai cacciatori
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
Le zone umide salve anche grazie ai cacciatori

Il 2 febbraio si celebra la Giornata Mondiale delle Zone Umide e i cacciatori sono tra gli attori principali della loro conservazione >>

In Trentino pronta la legge per abbattere gli orsi
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
In Trentino pronta la legge per abbattere gli orsi

La Giunta della Provincia autonoma di Trento ha approvato un disegno di legge che mira a rendere più facile la rimozione dei plantigradi problematici >>

L'impatto dei cani sulla fauna, un fenomeno preoccupante
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
L'impatto dei cani sulla fauna, un fenomeno preoccupante

Il Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise ha recentemente rilanciato uno studio che testimonia l'impatto negativo dei cani domestici sulla fauna selvatica >>

La lepre variabile
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
La lepre variabile "trasloca" in quota

Uno studio condotto da Ispra e dall'Università di Torino evidenzia uno spostamento verso quote maggiori della lepre variabile e le possibili cause >>