Il progetto Life Perdix ha come obiettivo il recupero della Starna italica (Perdix perdix italica) e la sua reintroduzione nella Valle del Mezzano
Il progetto Life Perdix ha come obiettivo il recupero della Starna italica (Perdix perdix italica) e la sua reintroduzione nella Valle del Mezzano - © Life Perdix
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione

Facciamo il punto sul progetto LIFE Perdix

Venerdì 16 dicembre, dalle 9:45, si terrà la quarta conferenza scientifica sul progetto di reintroduzione in natura della starna italica. L'evento, che sarà interamente da remoto, permetterà di fare il punto sullo stato di avanzamento dei lavori.

Il progetto Life Perdix, avviato nel 2019 e coordinato da Ispra in collaborazione con i Carabinieri del Comando unità forestali, ambientali e agroalimentari, la Federazione italiana della caccia, la francese Fedération Nationale des Chasseurs, Legambiente, il Parco Delta del Po e l'Enci è realizzato con il contribuito di Life Unione Europea e di Natura 2000 e ha come obiettivo il recupero della Starna italica (Perdix perdix italica) e la sua reintroduzione nella Valle del Mezzano.

La partecipazione alla conferenza è gratuita ma è richiesta l'iscrizione a questo link. A tutti i partecipanti sarà rilasciato un attestato di partecipazione. Di seguito il programma completo:

9:45 Connessione partecipanti
10:00 Saluti (Aida Morelli - Presidente Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità - Delta del Po)
10:05 Saluti (Livia Bellisari - Project Manager Progetto LIFE Perdix)
10:10 L'avifauna nel Parco: specie prioritarie e ruolo degli habitat per la loro conservazione (Massimiliano Costa - Direttore Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità - Delta del Po)
10:25 Esperienza di reintroduzione della starna nel Parco della Vena del Gesso Romagnola (Massimiliano Costa - Direttore Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità - Delta del Po)
10:40 La biologia della starna Perdix perdix: morfologia, riproduzione, alimentazione, habitat e minacce (Francesco Riga - ISPRA)
10:55 Reintroduzione nella Valle del Mezzano (Daniel Tramontana - FIdC)
11:10 Tecniche di monitoraggio (Paolo Montanaro - ISPRA)
11:25 Chiusura lavori (Livia Bellisari - Legambiente)

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Conservazione

Le zone umide salve anche grazie ai cacciatori
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
Le zone umide salve anche grazie ai cacciatori

Il 2 febbraio si celebra la Giornata Mondiale delle Zone Umide e i cacciatori sono tra gli attori principali della loro conservazione >>

In Trentino pronta la legge per abbattere gli orsi
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
In Trentino pronta la legge per abbattere gli orsi

La Giunta della Provincia autonoma di Trento ha approvato un disegno di legge che mira a rendere più facile la rimozione dei plantigradi problematici >>

L'impatto dei cani sulla fauna, un fenomeno preoccupante
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
L'impatto dei cani sulla fauna, un fenomeno preoccupante

Il Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise ha recentemente rilanciato uno studio che testimonia l'impatto negativo dei cani domestici sulla fauna selvatica >>

La lepre variabile
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
La lepre variabile "trasloca" in quota

Uno studio condotto da Ispra e dall'Università di Torino evidenzia uno spostamento verso quote maggiori della lepre variabile e le possibili cause >>