L'associazione animalista condanna l'abbattimento di
L'associazione animalista condanna l'abbattimento di "animali intelligente e sensibili" come i cinghiali - © Esme Ilgın Uçar
Pubblicato il in Armi e Accessori
di Redazione

Gli animalisti contro il commissario Caputo

"Un bel tacer non fu mai scritto". Recita così un ben noto proverbio. Ed è proprio il caso di ricorrervi per definire il comunicato che l'Osservatorio Savonese Animalista ha rilasciato per commentare la nuova ordinanza commissariale per la gestione della peste suina.

«La lunghissima norma, - ha dichiarato l'associazione - piena di riferimenti a leggi e regolamenti italiani e comunitari che la rendono poco comprensibile, affida agli abbattimenti il depopolamento dei cinghiali nelle zone interessate dall'epidemia. Il Commissario, pur essendo un tecnico di settore, non ha riflettuto sul fatto che i casi positivi aumentano lentamente. L'unica spiegazione è che i cinghiali si muovono relativamente poco quindi i contatti e la conseguente trasmissione della malattia sono rallentati. Dare loro la caccia, sia pur con diverse cautele, fa muovere in fuga i cinghiali, sani o malati, che diffonderanno ancora di più la malattia. L'ordinanza ripropone inoltre l'uso massiccio delle gabbie di cattura, seguite dalla crudele fucilazione di animali intelligente e sensibili, sia nelle campagne che negli abitati. Nessun cenno invece alla somministrazione di immunocontraccettivi GonaConTM di ultima generazione».

Ma non poteva mancare anche la condanna del ricorso all'operato del mondo venatorio, che la struttura commissariale vede invece come alleato. «Ed infine - conclude la nota - sono coinvolti negli abbattimenti i cacciatori, trattati come salvatori della situazione ed invece unici colpevoli, per aver liberato alla fine del secolo scorso centinaia di cinghiali per ripopolamento e per esercitare un'attività che, lo hanno spiegato da tempo gli scienziati, fa crescere il numero degli animali invece di ridurli: sembra incredibile ma è così».

Che dire? Ogni commento ci pare superfluo. Ci compiaciamo solo del fatto che, se il commissario riceve tutte queste critiche dal mondo animalista, probabilmente è perché sta procedendo nella giusta direzione.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Armi e Accessori

Sabatti, il nuovo catalogo celebra 350 anni di storia armiera
Pubblicato il in Armi e Accessori
di Redazione
Sabatti, il nuovo catalogo celebra 350 anni di storia armiera

Il catalogo Sabatti 2024 celebra i 350 anni dalla nascita di Lodovico, il capostipite della famiglia che da oltre tre secoli è protagonista del panorama armiero >>

Rigby Shikari, il ritorno di una leggenda
Pubblicato il in Armi e Accessori
di Redazione
Rigby Shikari, il ritorno di una leggenda

Rigby ha annunciato il ritorno di un classico del passato, l'express Shikari, ripensato però per soddisfare le esigenze dei cacciatori contemporanei >>

Steiner Ranger 4S, il cannocchiale più compatto sul mercato
Pubblicato il in Armi e Accessori
di Redazione
Steiner Ranger 4S, il cannocchiale più compatto sul mercato

Come nuovo prodotto per l'inizio del 2024, Steiner offre il cannocchiale da caccia più corto e leggero attualmente sul mercato >>

S505: qualità senza compromessi per il top di gamma Sauer
Pubblicato il in Armi e Accessori
di Matteo Brogi
S505: qualità senza compromessi per il top di gamma Sauer

J. P. Sauer & Sohn ha annunciato il lancio della nuova carabina bolt action S505: un concentrato di tecnologia ed eleganza destinato al cacciatore più esigente >>