Secondo l'associazione venatoria è necessario un approccio senza esasperazioni ideologiche
Secondo l'associazione venatoria è necessario un approccio senza esasperazioni ideologiche - © Sharp Photography
Pubblicato il in Attualità
di Redazione

I cacciatori trentini davanti al Tar al fianco della Provincia

L'Associazione Cacciatori Trentini ha deciso di supportare la Provincia intervenendo ad opponendum nell'ambito del ricorso al Tar presentato dalla Lav contro l'ordinanza di abbattimento di JJ4

La Provincia Autonoma di Trento (PAT), non sarà sola a difendere i provvedimenti emessi dal presidente Maurizio Fugatti nei giorni immediatamente successivi all'aggressione mortale da parte dell'orsa JJ4 ai danni del podista Andrea Papi. L'Associazione Cacciatori Trentini ha infatti depositato un atto di intervento ad opponendum, nei confronti del ricorso presentato dalla LAV per chiedere l'annullamento dell'ordinanza di abbattimento di JJ4 e di un altro orso problematico, MJ5. La discussione del ricorso è fissata per il 25 maggio prossimo.

«Siamo intervenuti per far sentite una voce pacata - ha dichiarato il presidente della ACT Stefano Ravelli - che ribadisca la necessità di un approccio scientifico e pragmatico alla problematica senza esasperazioni ideologiche. Noi non volgiamo che siano eliminati gli orsi». Il dirigente venatorio ha poi proseguito:«L'associazione ha ritenuto di costituirsi in giudizio per far sentire la voce dei suoi associati e dei suoi dipendenti, guardiacaccia che operano sul territorio e che sono fra coloro che, anche in ragione della convenzione che abbiamo con a PAT, hanno sempre collaborato nell'attività di monitoraggio, raccolta e trasmissione dei dati sui grandi carnivori e che quindi forse ben più di altri hanno conoscenza della situazione e ne hanno seguito l'evoluzione»

«I cacciatori raccontano di essere i primi ambientalisti, coloro che più di tutti curano gli equilibri ambientali, ma con questa presa di posizione non fanno altro che dimostrare chiaramente che si tratta solo di un tentativo di rendere più tollerabile la loro sanguinaria attività che ora grazie alla legge "Caccia selvaggia" può essere esercitata tutto l'anno contro qualsiasi specie, anche nelle aree urbane e nei parchi e può mettere nel mirino specie superprotette come gli orsi». Con queste parole la Lav, per bocca di Massimo Vitturi, responsabile animali selvatici all'interno dell'associazione, ha commentato la presa di posizione dei cacciatori trentini.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Attualità

In Romania una ragazza è stata attaccata e uccisa da un orso
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
In Romania una ragazza è stata attaccata e uccisa da un orso

Una ragazza diciannovenne è morta a causa dell'attacco da parte di un orso >>

Toscana, mondo agricolo e venatorio insieme in un tavolo tecnico
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Toscana, mondo agricolo e venatorio insieme in un tavolo tecnico

Federcaccia e Coldiretti hanno costituito un tavolo tecnico permanente di confronto tra mondo agricolo e mondo venatorio >>

Tutto pronto per il Trofeo Fiocchi-Sabatti
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Tutto pronto per il Trofeo Fiocchi-Sabatti

Si volgerà nel fine settimana la nona edizione della competizione di tiro a 500 metri sponsorizzata dalle due importanti aziende >>

Influenza aviaria, ancora un contagio nell'essere umano
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Influenza aviaria, ancora un contagio nell'essere umano

L'ennesimo contagio nell'uomo aumenta la preoccupazione nei confronti del virus dell'influenza aviaria >>