L'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) è ente pubblico di ricerca dotato di personalità giuridica di diritto pubblico, autonomia tecnica, scientifica, organizzativa, finanziaria, gestionale, amministrativa, patrimoniale e contabile
L'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) è ente pubblico di ricerca dotato di personalità giuridica di diritto pubblico, autonomia tecnica, scientifica, organizzativa, finanziaria, gestionale, amministrativa, patrimoniale e contabile - © Ispra
Pubblicato il in Attualità
di Redazione

Il Consiglio di Stato conferma nuovamente il ruolo cruciale di Ispra

Con ordinanza del 10 novembre 2022, il Consiglio di Stato, chiamato ad esprimersi sulla regolarità dell'ordinanza cautelare del Tar delle Marche, ha accolto il ricorso delle associazioni animaliste e riformato il provvedimento amministrativo adeguandolo alle prescrizioni dell'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale.

In buona sostanza, secondo il Consiglio di Stato, qualora chiamati a giudicare una controversia, i tribunali amministrativi regionali, in attesa della discussione del ricorso, non possono che adeguare pedissequamente le ordinanze cautelari al parere Ispra astenendosi da un primo parziale giudizio sulle questioni oggetto di impugnazione.

Dopo questa ordinanza, che fa il paio con quella emessa in relazione al provvedimento del Tar dell'Emilia Romagna andando a consolidare la giurisprudenza sull'argomento, appare evidente come sia a rischio la tenuta di tutto il sistema.
Se un parere Ispra formalmente non vincolante, in caso impugnazione, diventa vincolante in attesa della discussione del ricorso, ma tale discussione viene fissata a distanza di settimane o mesi, tale parere, per buona parte della stagione se non addirittura per tutta, sostituisce di fatto il calendario venatorio creando una situazione paradossale.

Appare dunque inevitabile, se si vuole risolvere la situazione, che la politica trovi uno strumento in grado di armonizzare i tempi tecnici della giustizia amministrativa con quelli obbligati della stagione venatoria.
In caso contrario, i cacciatori dovranno rassegnarsi a cacciare secondo quanto contenuto nei pareri dell'Istituto più che secondo quanto stabilito, legittimamente o meno non spetta a noi dirlo, dai calendari venatori.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Attualità

L'avancarica mondiale torna in Italia
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
L'avancarica mondiale torna in Italia

Valeggio sul Mincio a fine agosto ospiterà la trentesima edizione del Mondiale di avancarica >>

Anche in Lazio approvato il calendario venatorio
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Anche in Lazio approvato il calendario venatorio

Anche la Regione Lazio ha approvato il documento che fissa le regole che i cacciatori dovranno seguire durante la prossima stagione venatoria >>

Approvata la legge sul ripristino della natura, cosa accadrà adesso?
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Approvata la legge sul ripristino della natura, cosa accadrà adesso?

Dopo l'approvazione della legge sul ripristino della natura il Ministro dell'ambiente Pichetto ha spiegato cosa accadrà e che approccio adotterà il Governo >>

Marche, nuovo disciplinare per la caccia al cinghiale
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Marche, nuovo disciplinare per la caccia al cinghiale

La Regione Marche ha adottato il disciplinare venatorio regionale per il prelievo del cinghiale in forma selettiva per la prossima stagione venatoria >>