Il MASE ha comunicato che provvederà ad attivare tutti i canali diplomatici necessari
Il MASE ha comunicato che provvederà ad attivare tutti i canali diplomatici necessari - © Ministero dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica
Pubblicato il in Politica
di Redazione

Il ministero lavora per trasferire gli orsi all'estero

Ieri, presso il Ministero dell'ambiente, si è tenuto un tavolo politico per decidere come affrontare il problema dell'eccessiva densità di orsi in Trentino. Il ministero si è detto intenzionato a percorrere la strada del trasferimento all'estero e gli animalisti contestano questa posizione

Il Ministero dell'ambiente lavorerà per «trovare una soluzione per favorire il trasferimento degli esemplari in eccesso, in un quadro di misure e interventi che garantiscano la sicurezza dei cittadini». È questa la posizione emersa ieri nel corso di un tavolo politico tenutosi presso il dicastero per elaborare una strategia per affrontare il problema dell'eccessiva densità di orsi in Trentino. All'incontro, oltre al ministro Pichetto Fratin e al sottosegretario Barbaro, era presente anche il presidente della Provincia autonoma di Trento, Fugatti.

«A tale riguardo - si legge nella nota emessa dal ministero - il MASE ha comunicato che provvederà, già nei prossimi giorni, ad attivare tutti i canali diplomatici necessari per richiedere la disponibilità ad ospitare gli orsi problematici presso strutture straniere». A fronte di questa posizione il Presidente Fugatti si è detto soddisfatto perché, per la prima volta, il Ministero si è impegnato ufficialmente a trovare una soluzione per favorire il trasferimento degli orsi sovrannumerari.

Paiono non essere affatto soddisfatte invece le solite associazioni animaliste. «Deportare all'estero gli orsi cosiddetti in eccesso del trentino - afferma l'Enpa - è una misura crudele e impraticabile perché, anche senza voler considerare le conseguenze traumatiche del trasferimento di massa, gli animali potrebbero essere accolti da paesi nei quali la caccia ai plantigradi è autorizzata. Paesi che, dunque, non garantirebbero lo stesso status di protezione del nostro».

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Politica

Elezioni europee, cosa cambia per la caccia
Pubblicato il in Politica
di Redazione
Elezioni europee, cosa cambia per la caccia

Per quanto non ancora ufficiali, i dati relativi alle preferenze dei singoli candidati ci danno un'indicazione su chi di loro verrà eletto a Bruxelles >>

Elezioni europee, i candidati vicini alla caccia - LISTA DEFINITIVA
Pubblicato il in Politica
di Redazione
Elezioni europee, i candidati vicini alla caccia - LISTA DEFINITIVA

A una settimana dal voto la Cabina di regia ha comunicato i nomi dei candidati vicini al mondo venatorio >>

Perchè è importante che i cacciatori votino alle elezioni europee
Pubblicato il in Politica
di Redazione
Perchè è importante che i cacciatori votino alle elezioni europee

La Face ha evidenziato le ragioni per le quali è importate che i cacciatori giochino un ruolo attivo e consapevole nell'elezione del Parlamento europeo >>

Fiocchi e controFiocchi, il manifesto della discordia
Pubblicato il in Politica
di Redazione
Fiocchi e controFiocchi, il manifesto della discordia

Sta facendo parecchio discutere la scelta dell'eurodeputato Pietro Fiocchi che su un manifesto si è fatto ritrarre con un fucile imbracciato >>