La Lac ha chiesto ai giudici anche la sospensione cautelare dell'apertura generale della caccia fissata per la terza domenica di settembre
La Lac ha chiesto ai giudici anche la sospensione cautelare dell'apertura generale della caccia fissata per la terza domenica di settembre - © Caroline Legg
Pubblicato il in Attualità
di Redazione

Impugnato il calendario della Lombardia, apertura a rischio

Come da copione la Lac ha impugnato il calendario venatorio della Lombardia mettendo di fatto in pericolo l'apertura alla terza domenica di settembre

È stato depositato questa mattina dall'avvocato Claudio Linzola, il legale di fiducia della Lega abolizione caccia, il ricorso contro il calendario venatorio regionale approvato dalla Giunta lombarda. Nessun colpo di scena: tutti, cacciatori compresi, si aspettavano questa mossa dal momento che l'associazione animalista da sempre percorre questa strada con l'intento anche solo di intaccare marginalmente o temporaneamente la stagione venatoria.

Dopo una lunga e ci permettiamo di dire fantasiosa ricostruzione dei fatti di 32 pagine, la Lac ha chiesto ai giudici del Tribunale amministrativo regionale di Milano di sospendere in via cautelare, ovvero in attesa che il ricorso sia discusso nel merito, il prelievo venatorio delle specie cacciabili migratorie su tutto il territorio regionale e, in via subordinata, la sospensione del calendario nelle parti in cui fissa l'apertura generale della caccia al 17 settembre 2023 e non al 1° ottobre 2023 come invece indicato nel parere Ispra.

L'associazione ha inoltre impugnato il documento per la mancata previsione della chiusura del prelievo nei periodi eccedenti le date indicate dall'Istituto e l'esclusione del prelievo per codone, fischione, mestolone, marzaiola. E non finisce qui. La Lac ha anche sollevato l'eccezione di illegittimità costituzionale degli articoli 1, comma 1, 2, comma 1, e 3, comma 1 e 2, della legge regionale 17/2004, nonché dell'articolo 18, comma 4, della legge 157/92 nella parte in cui autorizza le Regioni italiane ad approvare calendari venatori per le specie migratrici. La parola ora passa ai giudici del Tar.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Attualità

L'avancarica mondiale torna in Italia
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
L'avancarica mondiale torna in Italia

Valeggio sul Mincio a fine agosto ospiterà la trentesima edizione del Mondiale di avancarica >>

Anche in Lazio approvato il calendario venatorio
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Anche in Lazio approvato il calendario venatorio

Anche la Regione Lazio ha approvato il documento che fissa le regole che i cacciatori dovranno seguire durante la prossima stagione venatoria >>

Approvata la legge sul ripristino della natura, cosa accadrà adesso?
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Approvata la legge sul ripristino della natura, cosa accadrà adesso?

Dopo l'approvazione della legge sul ripristino della natura il Ministro dell'ambiente Pichetto ha spiegato cosa accadrà e che approccio adotterà il Governo >>

Marche, nuovo disciplinare per la caccia al cinghiale
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Marche, nuovo disciplinare per la caccia al cinghiale

La Regione Marche ha adottato il disciplinare venatorio regionale per il prelievo del cinghiale in forma selettiva per la prossima stagione venatoria >>