La specie starebbe accusando l''aumento delle temperature medie degli ultimi anni
La specie starebbe accusando l''aumento delle temperature medie degli ultimi anni - © NadezhdaKhaustova
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione

La lepre variabile "trasloca" in quota

Uno studio condotto da Ispra e dall'Università di Torino ha evidenziato uno spostamento dell'areale della lepre variabile ad altitudini maggiori

La lepre variabile (Lepus timidus) cambia quota e sale sempre più in alto. Questo è il concetto evidenziato da uno studio condotto da Ispra e dall'Università di Torino e pubblicato sulla rivista scientifica Biodiversity and Conservation. Secondo lo studio, la specie, che tipicamente abita le medie e alte quote alpine, starebbe accusando l'aumento delle temperature medie degli ultimi anni. La lepre variabile avrebbe quindi messo in atto un meccanismo di compensazione aumentando l'altitudine media alla quale vivere. Questa dinamica potrebbe inoltre essere agevolata dall'espansione dell'areale della lepre comune che, sempre a causa dell'aumento delle temperature, starebbe occupando parte di quello della lepre variabile andando a innescare una competizione tra le due specie.

Lo studio, condotto in collaborazione con il Parco Nazionale del Gran Paradiso dal 2009 al 2021, ha esaminato i cambiamenti nella presenza e nella distribuzione di entrambe le specie in una valle alpina valdostana quantificando per la prima volta i possibili impatti della modifica delle temperature sulle due specie di lepri. I dati raccolti hanno evidenziato come la lepre variabile fosse più comune nei primi anni dello studio e che, con il passare degli anni, la lepre europea sia stata documentata ad altitudini sempre più elevate e in paesaggi atipici per questa specie di pianura.

I dati dello studio hanno documentato come i cambiamenti climatici possano influire sulla distribuzione delle specie in diversi modi. Con l'alzarsi della temperatura le specie tendono a spostarsi a latitudini o altitudini più elevate, alla ricerca di condizioni climatiche simili a quelle ottimali. In questa dinamica le specie alpine come la lepre variabile sono però più a rischio dal momento che la migrazione altitudinale è limitata dall'altezza stessa delle montagne.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Conservazione

Le zone umide salve anche grazie ai cacciatori
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
Le zone umide salve anche grazie ai cacciatori

Il 2 febbraio si celebra la Giornata Mondiale delle Zone Umide e i cacciatori sono tra gli attori principali della loro conservazione >>

In Trentino pronta la legge per abbattere gli orsi
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
In Trentino pronta la legge per abbattere gli orsi

La Giunta della Provincia autonoma di Trento ha approvato un disegno di legge che mira a rendere più facile la rimozione dei plantigradi problematici >>

L'impatto dei cani sulla fauna, un fenomeno preoccupante
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
L'impatto dei cani sulla fauna, un fenomeno preoccupante

Il Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise ha recentemente rilanciato uno studio che testimonia l'impatto negativo dei cani domestici sulla fauna selvatica >>

L'Europa vuole declassare il lupo
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
L'Europa vuole declassare il lupo

La Commissione Europea ha formalmente proposto di modificare lo status di protezione del lupo >>