Solo in Italia i cacciatori gestiscono almeno 25.000 ettari di aree umide
Solo in Italia i cacciatori gestiscono almeno 25.000 ettari di aree umide - © A. Savin
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione

Le zone umide salve anche grazie ai cacciatori

Si celebra domani la Giornata Mondiale delle Zone Umide e i cacciatori sono tra gli attori principali della loro conservazione

Il 2 febbraio 1971 veniva firmata la Convenzione di Ramsar sulla protezione delle zone umide. Sebbene negli ultimi mesi il dibattito generato dai recenti divieti all'uso del piombo abbia portato a percepire il quadro normativo derivante come una seccatura, non va dimenticata l'importanza che le aree umide rivestono nella tutela della biodiversità e di come il mondo venatorio, da sempre, sia tra gli attori principali della loro conservazione.

A fronte di un prelievo venatorio praticabile pochi mesi l'anno con numerose restrizioni, i cacciatori svolgono un lavoro insostituibile nel mantenimento delle aree umide. Un lavoro scientifico nato come tesi di laurea magistrale del dott. Marco Fasoli, segretario nazionale di Acma, e tuttora in corso con il supporto di Federcaccia, dimostra come, solo nel nostro Paese, i cacciatori gestiscano un minimo di 25.000 ettari di aree umide con importanti risultati in termini di presenze autunno-invernali e di nidificazione per molte specie, tra le quali diverse nemmeno oggetto di prelevo venatorio.

Commentando i dati forniti dallo studio in un comunicato, Federcaccia ha auspicato una presa d'atto del ruolo importante svolto dal mondo venatorio da parte delle autorità italiane e la conseguente attivazione di politiche che favoriscano i cacciatori nella creazione e nella gestione di aree umide la cui presenza va a vantaggio di tutta la collettività.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Conservazione

In Trentino pronta la legge per abbattere gli orsi
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
In Trentino pronta la legge per abbattere gli orsi

La Giunta della Provincia autonoma di Trento ha approvato un disegno di legge che mira a rendere più facile la rimozione dei plantigradi problematici >>

L'impatto dei cani sulla fauna, un fenomeno preoccupante
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
L'impatto dei cani sulla fauna, un fenomeno preoccupante

Il Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise ha recentemente rilanciato uno studio che testimonia l'impatto negativo dei cani domestici sulla fauna selvatica >>

La lepre variabile
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
La lepre variabile "trasloca" in quota

Uno studio condotto da Ispra e dall'Università di Torino evidenzia uno spostamento verso quote maggiori della lepre variabile e le possibili cause >>

L'Europa vuole declassare il lupo
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
L'Europa vuole declassare il lupo

La Commissione Europea ha formalmente proposto di modificare lo status di protezione del lupo >>