La nuova legge potrebbe rappresentare una grossa opportunità per l'attività venatoria
La nuova legge potrebbe rappresentare una grossa opportunità per l'attività venatoria - © AlbertHerring
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione

Legge sul ripristino della natura: l'impatto sull'attività venatoria

Ieri il Parlamento europeo ha votato a favore della "Nature restoration law". Ora il progetto normativo entra ora nel cosiddetto "trilogo", ovvero la fase della discussione congiunta fra Parlamento, Consiglio e Commissione europea

Il parlamento europeo ha approvato, seppur con una maggioranza risicata, la "Nature restoration law", la legge sul ripristino della natura. In generale, il nuovo impianto normativo richiederà lo sviluppo di piani nazionali di ripristino per dare priorità a una maggiore attenzione alla conservazione degli habitat in collaborazione con le principali parti interessate.

Fino a oggi, la politica conservazionistica europea si è basata principalmente sulla protezione delle specie e sulla tutela delle aree protette come strumenti per conservare la biodiversità. Questo tipo di approccio però ha prodotto risultati contrastanti. Una maggiore conservazione degli habitat, in particolare al di fuori delle aree protette, andrebbe sicuramente a vantaggio del mondo venatorio ma, allo stesso tempo, l'iter di approvazione potrebbe nascondere delle insidie.

Secondo le associazioni venatorie europee, le cui posizioni sono portate avanti dalla Face, è evidente che una simile iniziativa, che mira a ottenere un miglior livello di biodiversità, andrebbe a vantaggio dei cacciatori soprattutto con riferimento alle popolazioni di piccola selvaggina, molte delle quali sono in diminuzione in tutta Europa. La Federazione delle associazioni europee ha inoltre sottolineato che il dialogo attivo con i portatori di interesse, cacciatori compresi, che è previsto dalla normativa, sarà fondamentale per il futuro della pianificazione degli interventi di ripristino nazionali.

Sul tema è intervenuta anche Federcaccia. «Con l'approvazione della legge europea sul ripristino della natura finalmente vediamo superare decenni di sterile protezionismo fine a se stesso e quindi spesso vuoto di significati oltre che di risultati, per muoversi verso un approccio fattivo volto a ricreare habitat e dare sostegno alla fauna - ha affermato il presidente nazionale Massimo Buconi - Ora confidiamo che dalla fase di confronto tra Commissione, Consiglio Europeo, ovvero i Governi dei diversi Stati dell'Unione, e Parlamento europeo emerga un testo migliorato ed emendato da alcune storture, che già abbiamo provveduto a segnalare ai nostri rappresentanti a Bruxelles».

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Conservazione

Il preoccupante declino del capriolo
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
Il preoccupante declino del capriolo

I dati relativi al trend della popolazione valdostana di questo piccolo cervide sono preoccupanti, ma anche nel resto d'Italia la situazione non è rosea >>

Il Botswana vuole spedire 20mila elefanti in Europa per protesta
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
Il Botswana vuole spedire 20mila elefanti in Europa per protesta

Lo Stato africano protesta per la posizione di Berlino in merito al bando dei trofei in discussione in Europa e minaccia di spedire in Germania 20mila elefanti >>

Quanto può vivere una beccaccia?
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
Quanto può vivere una beccaccia?

Le informazioni che possediamo sulla biologia degli uccelli migratori sono spesso lacunose e frammentate. Eppure questi non smettono di stupirci >>

Il Covid ha reso gli animali più schivi e notturni
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
Il Covid ha reso gli animali più schivi e notturni

Un recente studio evidenzia come le restrizioni alle attività antropiche imposte durante la pandemia hanno modificato gli stili di vita della fauna >>