Quest'anno è stata fatta la scelta di elaborare un documento il più possibile aderente ai dettami della normativa nazionale e regionale
Quest'anno è stata fatta la scelta di elaborare un documento il più possibile aderente ai dettami della normativa nazionale e regionale - © Andrea Reversi
Pubblicato il in Attualità
di Redazione

Lombardia, approvato il calendario venatorio

Nella seduta di ieri la Giunta regionale lombarda ha approvato le disposizioni integrative al calendario venatorio; l'atto di fatto adempie all'obbligo di pubblicazione del calendario che, per la Regione del nord, è fissato per legge dal 2004

Anche la Lombardia ha deliberato le modalità con le quali si svolgerà la stagione venatoria 2023/24. La Regione, con deliberazione di giunta XII/685 ha approvato le disposizioni integrative al calendario venatorio, atto che equivale, per le altre Regioni, all'approvazione dello stesso. La Lombardia infatti risulta essere l'unica Regione ad avere il calendario venatorio fissato per legge, la legge regionale 17/2004. L'atto, nello specifico, fissa le regole valide a livello regionale e quelle territoriali, ovvero quelle valide entro i confini delle province lombarde.

In sintesi, a differenza degli anni passati nei quali la Giunta si era discostata dalle previsioni normative accogliendo in tutto o in parte le raccomandazioni contenute nel parere Ispra, quest'anno è stata fatta la scelta di elaborare un documento il più possibile aderente ai dettami della normativa nazionale e regionale cercando di giustificare le scelte fatte in disaccordo con quanto indicato dall'Ispra. I cacciatori lombardi torneranno ad avere un'unica apertura generale per tutte le specie di stanziale alla terza domenica di settembre e la chiusura della caccia alla migratoria acquatica non sarà anticipata alla seconda decade di gennaio.

Di fatto, quanto approvato della Giunta, è un atto il più possibile aderente alla normativa, come tra l'altro richiesto dal mondo venatorio, e che non si piega alle "prescrizioni" di un parere Ispra che, più che valenza di parere di un soggetto tecnico terzo, negli ultimi anni è sembrato assumere il ruolo di un documento ideologico ostile all'attività venatoria. Occorrerà ora vedere se il documento approvato, che sicuramene sarà oggetto di impugnazione da parte delle associazioni animaliste, resisterà all'esame del Tar.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Attualità

Cabina Regia Toscana:
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Cabina Regia Toscana:"Nuovi anellini inutili e problematici"

La Cabina di Regia delle associazioni venatorie ha criticato le nuove disposizioni regionali sugli anellini da apporre ai richiami vivi >>

Cinofilia e solidarietà si fondono in
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Cinofilia e solidarietà si fondono in "Donne per il sociale"

Il Coordinamento delle Cacciatrici Federcaccia ha organizzato l'edizione 2024 dell'appuntamento "Donne per il sociale", un evento cinofilo con finalità benefica >>

Anche la Campania mette una taglia sui cinghiali
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Anche la Campania mette una taglia sui cinghiali

Per incrementare gli abbattimenti e contrastare l'avanzata della Psa, anche la regione Campania ha predisposto un incentivo economico per i cacciatori >>

Cia:«Piano Faunistico Toscana risponda a esigenze agricoltori»
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Cia:«Piano Faunistico Toscana risponda a esigenze agricoltori»

Secondo l'associazione agricola il Piano faunistico venatorio dovrebbe rispondere prioritariamente alle esigenze del mondo agricolo >>