La particolare dinamica della diffusione del virus rende lecito domandarsi se sia stata messa in opera un'efficace attività di monitoraggio
La particolare dinamica della diffusione del virus rende lecito domandarsi se sia stata messa in opera un'efficace attività di monitoraggio - © Galanalag
Pubblicato il in Attualità
di Redazione

Nuova ordinanza Psa per l'Emilia Romagna

La regione Emilia Romagna ha emanato una nuova ordinanza che anticipa l'applicazione di una serie di norme, in attesa della modifica del regolamento europeo, che ridisegna la geografia della Psa

Stefano Bonaccini, presidente della Giunta regionale dell'Emilia Romagna, ha emanato ieri un'ordinanza avente per oggetto "Misure di prevenzione, controllo ed eradicazione della peste suina africana - Intestazione all'ordinanza n. 142/2023". Sostanzialmente il documento, in attesa della modifica da parte della Commissione Europea del Regolamento che identifica i comuni colpiti dal virus, anticipa tutte le misure previste dalla normativa fin da subito.

Nei comuni di Bettola, Bobbio, Coli, Farini, Gazzola, Pianello Val Tidone, Piozzano, Ponte dell'Olio, Rivergaro, Travo, Vigolzone, Alta Val Tidone si applicheranno le misure previste per la zona di restrizione di tipo II, mentre a quelli di Agazzano, Borgonovo Val Tidone, Gossolengo, Gragnano Trebbiense, Gropparello, Morfasso, Podenzano, San Giorgio Piacentino, Ziano Piacentino quelle previste per la zona di restrizione di tipo I.

Quello che sta succedendo in questo momento in Emilia Romagna, con un importante allargamento delle zone infette e con casi di positività riscontrati a km di distanza da dove si pensava assestatasi la malattia, è sintomatico di come qualcosa negli scorsi mesi non abbia funzionato, soprattuto in tema di sorveglianza passiva.

La particolare dinamica della diffusione del virus nella Regione rende lecito domandarsi se sia stata messa in opera un'efficace attività di monitoraggio e se si sia sempre provveduto alla tempestiva segnalazione delle carcasse. Ad ogni modo, che lo si sia fatto o meno, la malattia non ha tardato a manifestarsi, con conseguenze ancora peggiori di quelle che, forse, si è cercato di evitare.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Attualità

L'avancarica mondiale torna in Italia
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
L'avancarica mondiale torna in Italia

Valeggio sul Mincio a fine agosto ospiterà la trentesima edizione del Mondiale di avancarica >>

Anche in Lazio approvato il calendario venatorio
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Anche in Lazio approvato il calendario venatorio

Anche la Regione Lazio ha approvato il documento che fissa le regole che i cacciatori dovranno seguire durante la prossima stagione venatoria >>

Approvata la legge sul ripristino della natura, cosa accadrà adesso?
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Approvata la legge sul ripristino della natura, cosa accadrà adesso?

Dopo l'approvazione della legge sul ripristino della natura il Ministro dell'ambiente Pichetto ha spiegato cosa accadrà e che approccio adotterà il Governo >>

Marche, nuovo disciplinare per la caccia al cinghiale
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Marche, nuovo disciplinare per la caccia al cinghiale

La Regione Marche ha adottato il disciplinare venatorio regionale per il prelievo del cinghiale in forma selettiva per la prossima stagione venatoria >>