Il Regolamento UE 2021/57 vieta l'impiego di munizionamento contenente piombo nelle zone umide
Il Regolamento UE 2021/57 vieta l'impiego di munizionamento contenente piombo nelle zone umide - © Andrea Reversi
Pubblicato il in Attualità
di Redazione

Piombo e munizioni, quali sono le richieste

Certezze sull'applicazione del Regolamento UE 2021/57, indicazioni chiare alle autorità di controllo e mappatura ufficiale delle zone umide nazionali. Sono queste le principali richieste formulate da parte delle Associazioni venatorie e del CNCN nell'incontro con i rappresentanti dei Ministeri Ambiente e Agricoltura

Si è tenuto ieri l'incontro tra i rappresentanti delle Associazioni venatorie riunite nella Cabina di regia (Federcaccia, Enalcaccia, ANLC, ANUUMigratoristi, Arcicaccia, Italcaccia e il CNCN - Comitato Nazionale Caccia e Natura) e quelli dei Ministeri dell'Ambiente e della sicurezza energetica (Mase) e dell'Agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste (Masaf). Al centro dell'incontro il nuovo Regolamento europeo che vieta l'impiego di munizionamento contenente piombo nelle zone umide.

Le Associazioni venatorie, pur esprimendo apprezzamento per la circolare emessa dal Masaf nel febbraio scorso, hanno sottolineato le numerose criticità che ancora permangono nell'applicazione di una normativa che rischia di rendere la pratica dell'attività venatoria più difficile o priva di certezze giuridiche. Oltre alla tematica non secondaria dell'individuazione delle zone umide stesse, infatti, al momento il dettato normativo presenterebbe anche mancanza di chiarezza applicativa. «In particolare - lamentano le Associazioni - la previsione di sanzioni di natura penale basate su una vera e propria presunzione di colpevolezza in caso di semplice possesso di una cartuccia contenente piombo nella prossimità di una zona umida, peraltro in spregio ai principi fondamentali del diritto».

La Cabina di regia ha chiesto quindi ai rappresentanti del Governo l'emanazione, entro l'apertura della prossima stagione venatoria, di un nuovo provvedimento di recepimento avente forza di legge nel quale siano chiaramente indicate le condotte che i cacciatori dovranno assumere e le indicazioni per le autorità di controllo affinché si evitino interpretazioni della normativa vessatorie nei confronti della caccia e dei cacciatori. È stato chiesto inoltre che, così come già avvenuto in altri Paesi, sia predisposta una mappatura delle zone umide in Italia, a beneficio dei cacciatori e delle autorità deputate al controllo.

Richieste assolutamente lecite che però, considerati i dieci giorni che ci separano dall'inizio della stagione, rischiano di rimanere inevase.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Attualità

Non è stato un lupo ad aggredire l'uomo morto in Alto Adige
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Non è stato un lupo ad aggredire l'uomo morto in Alto Adige

Le indagini genetiche svolte sugli indumenti della vittima hanno portato all'individuazione della specie responsabile dei morsi >>

Psa, si allargano ancora le Zone di Restrizione. L'elenco completo
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Psa, si allargano ancora le Zone di Restrizione. L'elenco completo

La Commissione europea ha emanato una nuova versione del Regolamento che definisce i territori facenti parte delle zone di restrizione per la Psa >>

Psa, anche la Toscana tra le regioni coinvolte?
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Psa, anche la Toscana tra le regioni coinvolte?

Una carcassa positiva ritrovata a pochi km dal confine regionale porterà all'ennesimo allargamento della zona infetta, che quindi coinvolgerà anche la Toscana >>

Ecco come i cacciatori sono fondamentali per la biodiversità europea
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Ecco come i cacciatori sono fondamentali per la biodiversità europea

La Face ha scritto ai parlamentari europei per illustrare come il ruolo dei cacciatori nella tutela della biodiversità risulti fondamentale >>