Pubblicato il in Conservazione
di Redazione

Trentino: la poltica propone di decimare gli orsi

Trento approverà a breve la manovra di assestamento del bilancio di previsione e nell'iter approvativo spuntano alcuni emendamenti "decima orsi"

La Provincia Autonoma di Trento si appresta ad approvare la legge di assestamento del bilancio e con essa alcuni emendamenti che mirano a rendere maggiormente incisivo il controllo dei grandi carnivori, orso in primis. L'intenzione era già stata annunciata nelle scorse settimane e aveva suscitato le critiche dell'opposizione che si era chiesta che attinenza avesse il plantigrado con la manovra economica.

Tra gli emendamenti presentati si annovera quello depositato dal presidente della provincia Maurizio Fugatti. «Quando la Provincia autorizza il prelievo di esemplari quale misura di sottrazione permanente dall'ambiente naturale - si legge nel testo - dispone sempre l'uccisione dell'esemplare». L'emendamento inoltre elenca le condizioni al verificarsi delle quali è possibile prevedere l'abbattimento o la cattura finalizzata allo stesso. Sarà sufficiente che l'orso sia segnalato in centro residenziale o nelle immediate vicinanze di abitazioni stabilmente in uso, oppure che provochi danni ripetuti per i quali le misure di prevenzione o dissuasioni risultino inefficaci, che tenti di introdursi in abitazioni o che segua intenzionalmente delle persone. Insomma, tutto quello per il quale gli orsi sono balzati agli onori delle cronache negli ultimi anni anche ben prima del recente di attacco mortale ai danni di un uomo.

Anche il Patt, il Partito autonomista trentino tirolese, ha presentato un emendamento sulla gestione dei grandi carnivori che chiede che il controllo sia esercitato senza limiti temporali e spaziali e che tale attività sia affidata, oltre che agli agenti preposti, anche ai conduttori e proprietari dei fondi o ad altre persone purché in possesso della licenza per l'esercizio venatorio. In poche parole ai cacciatori. Tra le proposte spunta anche quella di sostituire il parere Ispra con quello più snello e immediato dell'Osservatorio faunistico provinciale.

Tira una brutta aria per gli orsi.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Conservazione

Le zone umide salve anche grazie ai cacciatori
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
Le zone umide salve anche grazie ai cacciatori

Il 2 febbraio si celebra la Giornata Mondiale delle Zone Umide e i cacciatori sono tra gli attori principali della loro conservazione >>

In Trentino pronta la legge per abbattere gli orsi
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
In Trentino pronta la legge per abbattere gli orsi

La Giunta della Provincia autonoma di Trento ha approvato un disegno di legge che mira a rendere più facile la rimozione dei plantigradi problematici >>

L'impatto dei cani sulla fauna, un fenomeno preoccupante
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
L'impatto dei cani sulla fauna, un fenomeno preoccupante

Il Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise ha recentemente rilanciato uno studio che testimonia l'impatto negativo dei cani domestici sulla fauna selvatica >>

La lepre variabile
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
La lepre variabile "trasloca" in quota

Uno studio condotto da Ispra e dall'Università di Torino evidenzia uno spostamento verso quote maggiori della lepre variabile e le possibili cause >>