Furono i reali di casa Savoia, desiderosi di garantirsi la possibilità di cacciarlo, a salvare lo stambecco dall'estinzione e a proteggere il territorio di quello che sarebbe diventato il primo parco nazionale italiano
Furono i reali di casa Savoia, desiderosi di garantirsi la possibilità di cacciarlo, a salvare lo stambecco dall'estinzione e a proteggere il territorio di quello che sarebbe diventato il primo parco nazionale italiano - © Federica Bolciaghi
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione

Un secolo di Gran Paradiso, il primo parco nazionale compie 100 anni

Il 3 dicembre scorso il Parco nazionale del Gran Paradiso, il primo parco nazionale del nostro Paese, ha compiuto un secolo di vita. Fortemente voluta da Vittorio Emanuele III, l'area protetta è legata a doppio filo alla salvaguardia dell'animale che ne è diventato simbolo, lo stambecco, e alla passione venatoria dei reali di casa Savoia.

Nel 1821 fu infatti il re di Sardegna Carlo Felice che salvò la specie dall'estinzione emanando un editto che ne vietava la caccia garantendosi il diritto esclusivo di abbattimento. Tre decenni più tardi, nel 1856, fu invece Vittorio Emanuele II a istituire la Riserva Reale di Caccia del Gran Paradiso. Grazie alla nascita della riserva e all'istituzione di un corpo di vigilanza denominato reali cacciatori guardie fu possibile preservare intatta la bellezza e proteggere e incrementare la fauna di quei luoghi. I territori sui quali oggi sorge il Parco rimasero lo scenario di importanti campagne di caccia reali fino al 1913, anno nel quale si svolse l'ultima battuta, e nel 1919 Vittorio Emanuele III volle trasferire la proprietà dei terreni della riserva allo Stato a condizione che venisse istituito un parco per la protezione della flora e della fauna alpina. Il 3 dicembre 1922 veniva quindi istituito con un decreto legge il Parco Nazionale del Gran Paradiso.

Oggi il Parco può vantare un secolo di storia e lo stambecco, che prima della protezione offerta dai Savoia per garantirsi la possibilità di continuare a cacciarlo era quasi estinto, è tornato a popolare buona parte dell'arco alpino dal quale era scomparso. Quello del gran paradiso è il primo parco nazionale del nostro paese, ma è solo una delle innumerevoli realtà preservatesi intatte fino ai nostri giorni grazie alla caccia.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Conservazione

È tempo di rendere lo stambecco cacciabile?
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
È tempo di rendere lo stambecco cacciabile?

In Valle D'Aosta si discute sulla possibilità di rendere lo stambecco cacciabile >>

Da Acma un'iniziativa per raccogliere i dati sulla pavoncella
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
Da Acma un'iniziativa per raccogliere i dati sulla pavoncella

Continua il lavoro ininterrotto di raccolta dati di Acma, la settoriale di Federcaccia dedicata ai migratori acquatici >>

Telemetria satellitare tordo bottaccio: risultati e dati incoraggianti
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
Telemetria satellitare tordo bottaccio: risultati e dati incoraggianti

Federcaccia ha commentato i dati raccolti grazie al progetto di telemetria satellitare condotto sulla migrazione del tordo bottaccio >>

Il preoccupante declino del capriolo
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
Il preoccupante declino del capriolo

I dati relativi al trend della popolazione valdostana di questo piccolo cervide sono preoccupanti, ma anche nel resto d'Italia la situazione non è rosea >>