Nicolò Amosso ed Enzo Berzieri – Senior international trophy judge italiani e, rispettivamente, capo e segretario generale della Delegazione italiana Cic – hanno realizzato la Guida pratica al Manuale Cic per la misurazione e la valutazione dei trofei di caccia. Non un testo di trofeistica a sé stante ma un manuale integrativo destinato a chi lavora con il trofeo
Nicolò Amosso ed Enzo Berzieri – Senior international trophy judge italiani e, rispettivamente, capo e segretario generale della Delegazione italiana Cic – hanno realizzato la Guida pratica al Manuale Cic per la misurazione e la valutazione dei trofei di caccia. Non un testo di trofeistica a sé stante ma un manuale integrativo destinato a chi lavora con il trofeo "in mano" - © Matteo Brogi
Pubblicato il in Caccia responsabile
di Matteo Brogi

L'importanza del trofeo negli ungulati

La fase dei rilevamenti biometrici è un momento fondamentale nella gestione della fauna. Anche per quanto riguarda il trofeo

Misurare – l'ho evidenziato in questo articolo – è importante perché solo mediante l'analisi dei dati risultanti da questa attività la popolazione può essere caratterizzata così da descriverne il trend, stimarne lo stato di salute, operare confronti in un contesto di standardizzazione. Il tutto, al fine di effettuare scelte gestionali opportune e consapevoli. Questo vale tanto per i dati biometrici generali quanto per quelli relativi al trofeo che, inevitabilmente, innescano altre considerazioni.

Il sistema di valutazione del Cic (Trophy Evaluation System) è punto di riferimento nella valutazione dei trofei. Si ispira ai primi tentativi di standardizzazione, in particolare ai lavori di inizio Novecento, e trova compimento nel Cic Handbook for the evaluation and measurement of hunting trophies, testo di riferimento di tutti i Senior trophy judge dell'importante organismo internazionale. Nel 2014 il Cic ha rivisto The handbook con l'obiettivo di standardizzare i criteri di valutazione e le politiche di misurazione dei trofei e per rendere il sistema, supportato da decenni di valutazioni, quanto più trasparente, uniforme e coerente tra paesi differenti. La versione in italiano (Manuale Cic per la misurazione e la valutazione dei trofei di caccia) è stata successivamente diffusa dall'Accademia biometrica faunistica italiana, punto di riferimento per le misurazioni nella nostra nazione.

La necessità di un'integrazione

Ebbene, anche questo lavoro – pur nella sua completezza e accuratezza – lascia aperti alcuni spazi dove le valutazioni diventano inevitabilmente difficili ed è per questo che è nata l'esigenza di predisporre un testo integrativo, destinato a chi lavora sul campo. Ci hanno pensato Nicolò Amosso ed Enzo Berzieri – Senior international trophy judge italiani e, rispettivamente, capo e segretario generale della Delegazione italiana Cic – che hanno realizzato la Guida pratica al Manuale Cic per la misurazione e la valutazione dei trofei di caccia. Non un testo di trofeistica a sé stante ma un manuale integrativo destinato a chi lavora con il trofeo "in mano".

Nelle sue 114 pagine, il saggio tratta una moltitudine di casi particolari relativi alle valutazione dei trofei di cervo, capriolo, daino, stambecco, camoscio, muflone europeo e cinghiale
Nelle sue 114 pagine, il saggio tratta una moltitudine di casi particolari relativi alle valutazione dei trofei di cervo, capriolo, daino, stambecco, camoscio, muflone europeo e cinghiale - © Matteo Brogi

Nel testo, illustrato da innumerevoli fotografie, sono stati trattati temi cruciali e casi di particolare interesse approfondendo alcune sezioni del Manuale Cic con esempi, disegni, fotografie, procedure. Nel loro lavoro, Amosso e Berzieri si sono avvalsi della supervisione dei Senior international trophy judge Fritz Hansen e Szeéko Zerjav e della revisione finale di Tony Dalby-Welsh, Senior international trophy judge e Co-Chairman dell'International trophy evaluation board; a maggio 2021, la Guida pratica è stata adottata come libro di testo ufficiale nei corsi per Misuratore certificato Cic. Per la prima volta è stato adottato un manuale non elaborato direttamente dal Cic.

Voce agli autori

«Questa Guida pratica – scrivono gli autori nella premessa – nasce grazie alla nostra esperienza internazionale [...] con lo scopo di contribuire all'obiettivo di uniformare in campo nazionale e internazionale i criteri di misurazione e valutazione dei trofei. Abbiamo trattato – continuano Amosso e Berzieri – alcuni temi cruciali e casi di particolare interesse, animati dal desiderio di superare le criticità riscontrate durante lo svolgimento delle numerose Commissioni italiane di valutazione alle quali abbiamo partecipato. La guida – concludono – si propone di fornire una utile collezione di esempi, disegni, fotografie, procedure, suggerimenti per interpretare ii Manuale Cic nel modo più appropriato e condiviso». Nelle sue 114 pagine, il saggio tratta una moltitudine di casi particolari relativi alle valutazione dei trofei di cervo, capriolo, daino, stambecco, camoscio, muflone europeo e cinghiale. Questa opera meritoria, ben fatta e ricca di informazioni, è consultabile online e può essere acquistata contattando la Delegazione italiana.

Con questa Guida pratica, per la prima volta è stato adottato come manuale ufficiale un testo non elaborato direttamente dal Cic
Con questa Guida pratica, per la prima volta è stato adottato come manuale ufficiale un testo non elaborato direttamente dal Cic - © Matteo Brogi

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.