La politica pare sempre più intenzionata ad affrontare in maniera pragmatica il tema dei grandi carnivori
La politica pare sempre più intenzionata ad affrontare in maniera pragmatica il tema dei grandi carnivori - © André LABETAA
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione

Su lupo e grandi carnivori al nord accelerano

Regione Lombardia è intenzionata a istituire un gruppo di lavoro sul tema dei grandi carnivori e la Provincia autonoma di Bolzano ha varato oggi la nuova legge che consentirà l'abbattimento dei lupi

Dopo il Piemonte, che qualche giorno fa ha scritto una lettera al Ministro dell'ambiente per chiedere l'approvazione in tempi celeri di una strategia di gestione del lupo, ora anche Regione Lombardia ha deciso di occuparsi con maggiore attenzione del problema legato alla presenza dei grandi carnivori attraverso l'istituzione di un gruppo di lavoro specifico sul tema. Lo ha annunciato il presidente della Commissione speciale Valorizzazione e tutela dei territori montani e di confine del Consiglio regionale, Giacomo Zamperini (Fratelli d'Italia). L'obiettivo è predisporre una risoluzione da portare all'attenzione dell'Aula, anche valutando strategie volte alla riduzione del numero di esemplari.

Zamperini ha sottolineato come sia necessario «lavorare per contenere i rischi, senza mai dimenticare che l'obiettivo deve sempre essere la sicurezza dei cittadini, il sostegno alle imprese e agli allevatori, la tutela dell'ambiente e lo sviluppo del turismo. Trovare un equilibrio tra tutti questi interessi è la grande sfida che abbiamo di fronte».

Nel frattempo, proprio nella giornata di ieri (9 giugno), il Consiglio provinciale di Bolzano ha approvato, con 25 voti favorevoli, 4 contrari e 2 astensioni, un disegno di legge volto a consentire l'abbattimento dei lupi e la protezione della specie dall'ibridazione. Nello specifico la legge stabilisce le condizioni per l'adozione delle ordinanze di abbattimento anche con riferimento all'articolo 16 della direttiva 92/43/Cee. Inoltre la norma prevede che, in caso di urgenza, il presidente della Provincia possa autorizzare il prelievo di ibridi della specie canis lupus senza il parere di Ispra e basandosi solo su quello dell'Osservatorio faunistico provinciale.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Conservazione

Il preoccupante declino del capriolo
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
Il preoccupante declino del capriolo

I dati relativi al trend della popolazione valdostana di questo piccolo cervide sono preoccupanti, ma anche nel resto d'Italia la situazione non è rosea >>

Il Botswana vuole spedire 20mila elefanti in Europa per protesta
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
Il Botswana vuole spedire 20mila elefanti in Europa per protesta

Lo Stato africano protesta per la posizione di Berlino in merito al bando dei trofei in discussione in Europa e minaccia di spedire in Germania 20mila elefanti >>

Quanto può vivere una beccaccia?
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
Quanto può vivere una beccaccia?

Le informazioni che possediamo sulla biologia degli uccelli migratori sono spesso lacunose e frammentate. Eppure questi non smettono di stupirci >>

Il Covid ha reso gli animali più schivi e notturni
Pubblicato il in Conservazione
di Redazione
Il Covid ha reso gli animali più schivi e notturni

Un recente studio evidenzia come le restrizioni alle attività antropiche imposte durante la pandemia hanno modificato gli stili di vita della fauna >>