Solo il 23% dei belgi si è detto contrario all'attività venatoria
Solo il 23% dei belgi si è detto contrario all'attività venatoria - © FieldsportsChannel
Pubblicato il in Attualità
di Redazione

Tre quarti dei belgi favorevoli alla caccia. Il confronto con l'Italia

In Belgio, un nuovo sondaggio mostra un atteggiamento estremamente positivo dei cittadini nei confronti della pratica venatoria

Un recente sondaggio pubblico commissionato da Hubertus Vereniging Vlaanderen (HVV) e dal Royal Saint-Hubert Club de Belgique (RSHCB), due associazioni venatorie belghe, ha restituito risultati interessanti sull'accettazione sociale della caccia in Belgio. L'indagine, condotta dalla società indipendente YouGov, indica un livello significativo di accettazione della caccia nella società belga.

Il 77% degli intervistati infatti si è dichiarato neutrale (24%) o solidale (53%) nei confronti di coloro che praticano la caccia a patto che questa venga esercitata legalmente. L'indagine ha però messo in luce la necessità di una maggiore educazione sul tema con il 90% dei partecipanti che ha definito limitate la propria conoscenze sull'argomento e solo il 4% che afferma di conoscerne a fondo le dinamiche. Il 68% degli intervistati ha inoltre espresso neutralità o accordo con l'idea che i cacciatori detengano parti di animali come trofeo. Un dato incoraggiante se pensiamo alle recenti iniziative normative europee in materia.

La Face, la Federazione delle associazioni venatorie europee, ha affermato che i risultati del sondaggio sono una testimonianza del successo degli sforzi di conservazione e gestione intrapresi dai cacciatori in Belgio e che esistono i margini per future iniziative educative e di sensibilizzazione che possano rafforzare ulteriormente l'accettazione della caccia nel paese.

In Italia invece i dati più recenti sul tema possono essere ricavati dallo studio commissionato da Federcaccia a Nomisma i cui risultati sono stati pubblicati nel marzo dello scorso anno. Per quanto il lavoro fosse dedicato al valore dell'attività venatoria e del suo indotto, una parte si è concentrata nel definire la percezione degli italiani nei confronti della caccia. Alla domanda "Quanto è favorevole alla caccia esercitata nel rispetto delle norme vigenti", sostanzialmente la stessa rivolta ai cittadini belgi, è risultato che gli italiani sono favorevoli nella misura del 41% e che l'11% non ha un'opinione sul tema. Un'accettazione sociale nettamente inferiore a quella registrata in Belgio dove i contrari, che nel nostro paese sono il addirittura il 48%, sono appena il 23%.

Se sei interessato alla caccia sostenibile e alla conservazione, segui la pagina Facebook e l'account Instagram di Hunting Log.

Altri articoli dalla sezione Attualità

L'avancarica mondiale torna in Italia
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
L'avancarica mondiale torna in Italia

Valeggio sul Mincio a fine agosto ospiterà la trentesima edizione del Mondiale di avancarica >>

Anche in Lazio approvato il calendario venatorio
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Anche in Lazio approvato il calendario venatorio

Anche la Regione Lazio ha approvato il documento che fissa le regole che i cacciatori dovranno seguire durante la prossima stagione venatoria >>

Approvata la legge sul ripristino della natura, cosa accadrà adesso?
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Approvata la legge sul ripristino della natura, cosa accadrà adesso?

Dopo l'approvazione della legge sul ripristino della natura il Ministro dell'ambiente Pichetto ha spiegato cosa accadrà e che approccio adotterà il Governo >>

Marche, nuovo disciplinare per la caccia al cinghiale
Pubblicato il in Attualità
di Redazione
Marche, nuovo disciplinare per la caccia al cinghiale

La Regione Marche ha adottato il disciplinare venatorio regionale per il prelievo del cinghiale in forma selettiva per la prossima stagione venatoria >>